Studiare

In questa sezione è possibile reperire le informazioni riguardanti l'organizzazione pratica del corso, lo svolgimento delle attività didattiche, le opportunità formative e i contatti utili durante tutto il percorso di studi, fino al conseguimento del titolo finale.

A.A. 2009/2010

Calendario accademico

Il calendario accademico riporta le scadenze, gli adempimenti e i periodi rilevanti per la componente studentesca, personale docente e personale dell'Università. Sono inoltre indicate le festività e le chiusure ufficiali dell'Ateneo.
L’anno accademico inizia il 1° ottobre e termina il 30 settembre dell'anno successivo.

Calendario accademico

Calendario didattico

Il calendario didattico indica i periodi di svolgimento delle attività formative, di sessioni d'esami, di laurea e di chiusura per le festività.

Definizione dei periodi di lezione
Periodo Dal Al
Sem. 1A 1-ott-2009 15-nov-2009
Sem. 1B 16-nov-2009 17-gen-2010
Sem. 2A 22-feb-2010 18-apr-2010
Sem. 2B 19-apr-2010 6-giu-2010
Sessioni degli esami
Sessione Dal Al
Sessione invernale (A.A. 2008-2009) 18-gen-2010 21-feb-2010
Sessione estiva (esami sospesi dal 6 al 9 luglio) 7-giu-2010 31-lug-2010
Sessione autunnale 1-set-2010 30-set-2010
Sessioni di lauree
Sessione Dal Al
Sessione estiva 6-lug-2010 8-lug-2010
Sessione autunnale - 1° Appello 19-ott-2010 21-ott-2010
Sessione autunnale - 2° Appello 14-dic-2010 16-dic-2010
Sessione invernale 15-mar-2011 17-mar-2011
Vacanze
Periodo Dal Al
Festa di Ognissanti 1-nov-2009 1-nov-2009
Festa dell'Immacolata Concezione 8-dic-2009 8-dic-2009
Vacanze Natalizie 21-dic-2009 6-gen-2010
Vacanze Pasquali 2-apr-2010 6-apr-2010
Festa della Liberazione 25-apr-2010 25-apr-2010
Festa dei lavoratori 1-mag-2010 1-mag-2010
Festività del Santo Patrono di Verona S.Zeno 21-mag-2010 21-mag-2010
Festa della Repubblica 2-giu-2010 2-giu-2010
Vacanze Estive 9-ago-2010 15-ago-2010

Calendario esami

Gli appelli d'esame sono gestiti dalla Unità Operativa Didattica e Studenti Scienze Umane.
Per consultazione e iscrizione agli appelli d'esame visita il sistema ESSE3.
Per problemi inerenti allo smarrimento della password di accesso ai servizi on-line si prega di rivolgersi al supporto informatico della Scuola o al servizio recupero credenziali

Calendario esami

Per dubbi o domande leggi le risposte alle domande più frequenti F.A.Q. Iscrizione Esami

Docenti

B C D F G L M P R S T

Bergamaschi Giuliano

giuliano.bergamaschi@univr.it 0458028142

Cima Rosanna

rosanna.cima@univr.it 0458028046

Colombo Laura Maria

laura.colombo@univr.it + 39 045802 8322

Cusinato Guido

guido.cusinato@univr.it 045-802-8150

Dal Toso Paola

paola.daltoso@univr.it 045/8028281

Garbellotti Marina

marina.garbellotti@univr.it 045802 8403

Gecchele Mario

mario.gecchele@univr.it +39 045802 8651

Gelati Carmen

carmen.gelati@univr.it

Giachetti Andrea

andrea.giachetti@univr.it +39 045 8027998

Lavelli Manuela

manuela.lavelli@univr.it +39 045 802 8136

Lonardi Cristina

cristina.lonardi@univr.it 045/8028360
foto,  11 luglio 2018

Longo Mario

mario.longo@univr.it 045 8028393

Messetti Giuseppina

giuseppina.messetti@univr.it 045 8028780

Mortari Luigina

luigina.mortari@univr.it 045 802 8652

Paini Anna Maria

anna.paini@univr.it +39 045802 8129

Portera Agostino

agostino.portera@univr.it +39 045802 8397

Raccanello Daniela

daniela.raccanello@univr.it 045 8028157

Romagnani Gian Paolo

gianpaolo.romagnani@univr.it +39 045802 8377

Sità Chiara

chiara.sita@univr.it 0039.045.8028572
TACCONI,  12 novembre 2016

Tacconi Giuseppe

giuseppe.tacconi@univr.it +39 045 802 8655

Tronca Luigi

luigi.tronca@univr.it +39 045 8028075

Piano Didattico

Il piano didattico è l'elenco degli insegnamenti e delle altre attività formative che devono essere sostenute nel corso della propria carriera universitaria.
Selezionare il piano didattico in base all'anno accademico di iscrizione.

CURRICULUM TIPO:
InsegnamentiCreditiTAFSSD
Un insegnamento a scelta tra i seguenti
9
B
(M-STO/01)
Un insegnamento a scelta tra i seguenti
9
E
(L-LIN/04)
9
E
(L-LIN/12)
9
E
(L-LIN/07)
9
E
(L-LIN/14)
InsegnamentiCreditiTAFSSD
Un insegnamento a scelta tra i seguenti
6
B
(M-PED/01)
Un insegnamento a scelta tra i seguenti

1° Anno

InsegnamentiCreditiTAFSSD
Un insegnamento a scelta tra i seguenti
9
B
(M-STO/01)
Un insegnamento a scelta tra i seguenti
9
E
(L-LIN/04)
9
E
(L-LIN/12)
9
E
(L-LIN/07)
9
E
(L-LIN/14)

2° Anno

InsegnamentiCreditiTAFSSD
Un insegnamento a scelta tra i seguenti
6
B
(M-PED/01)
Un insegnamento a scelta tra i seguenti

Legenda | Tipo Attività Formativa (TAF)

TAF (Tipologia Attività Formativa) Tutti gli insegnamenti e le attività sono classificate in diversi tipi di attività formativa, indicati da una lettera.




SStage e tirocini presso imprese, enti pubblici o privati, ordini professionali

Codice insegnamento

4S00769

Crediti

6

Settore Scientifico Disciplinare (SSD)

M-PED/01 - PEDAGOGIA GENERALE E SOCIALE

Lingua di erogazione

Italiano

Periodo

Sem. 2A, Sem. 2B

Obiettivi formativi

Nel quadro delle scienze dell’educazione il corso proporrà un confronto con modelli educativi, forme di conoscenza e di trasmissione del sapere in società differenti. In particolare, utilizzando metodologie e tecniche di ricerca differenti, si analizzerà il gioco, il teatro e la festa in differenti culture.
I partecipanti al corso saranno invitati ad interrogarsi sulle forme di gioco sulle loro connessioni nelle pratiche educative, nelle forme d’iniziazione, nelle cure e terapie di culture occidentali e non occidentali, tenendo conto sia dei saperi tradizionali e moderni, sia dei vissuti personali.

Programma

GIOCO E RITO 1) Modelli di gioco e forme d’esperienza - La passione per il gioco e la voglia di giocare - Apprendere a giocare e perdere la capacità di giocare 2) Giocare e giocarsi la vita - Il caso e la necessità: fortuna e azzardo - Competizione e agonismo: saper vincere, saper perdere 3) Feste e drammi rituali - Travestimenti, sdoppiamenti e maschere - Illusioni: giocolieri e gioco delle parti - Il tragico e il comico nella festa 4) Il destino e il gioco della vita: - Riti, forme di conoscenza e divinazione - I segni del destino: Mesopotamia, Grecia e Cina - Gnosi, cabala e tarocchi: tra Dioniso e Shakespeare 5) Giochi di seduzione: - Ebrezza ed estasi - Rapimento e possessione 5) Nostalgia e voci degli altri mondi - Guaritori nell'Africa subsahariana e sciamani della Mongolia - Feste e ricorrenze tra santi e dei, vivi e morti - Il grande gioco. Modalità didattiche Ogni studente all'interno di un piccolo gruppo, prima, e in relazione con altri gruppi, poi, si cimenterà ad esplorare le dimensioni del rito, del gioco e della maschera e a vedere la relazione tra gioco educazione e terapia in differenti culture. Si tratterà perciò di sperimentare concretamente tecniche e modalità di gioco e teatro, tenendo un diario di lavoro, scrivendo copioni e utilizzando strumenti di comunicazione appropriati. Il corso sarà organizzato attraverso le seguenti modalità: - lezioni e seminari - costituzione ed esperienze di lavoro in piccoli gruppi (6-8 studenti) - esercitazioni su stili di ricerca: costruzione di storie e di sceneggiature - presentazione di lavori, ricerche ed esperienze individuali e collettive - preparazione di una performance intermedia e di un saggio finale di gruppo - stesura di un attestante l'appropriazione personale e di gruppo del lavoro effettuato -selezione e organizzazione del proprio lavoro per sito web LETTURE CONSIGLIATE Roger Caillois (1939) I giochi e gli uomini, Compiano, Milano, 1981 Manfred Eigen, Ruthild Winkler (1975-1985) Il gioco, Adelphi, Milano, 1986 Johan Huizinga (1939) Homo ludens, Einaudi, Torino, 1946 Donald Winnicott (1971) Gioco e realtà, Armando, Roma, 1974 Fedor Dostoevskij (1867) Il giocatore (edizione corrente) Friedrich Nietzsche (1876) La nascita della tragedia, Adelphi, Milano, 19972-77 Victor Turner (1982) Dal rito al teatro, Il Mulino, Bologna, 1986 Victor Turner (1986) Antropologia della performans, Il Mulino, Bologna, 1993 Wendy Doniger (1988) I miti degli altri, Adelphi, Milano, 2003 Marc Augé (1982) Genio del paganesimo, Bollati Boringhieri, Torino, 2002 Clifford Geertz (1999) Antropologia e filosofia, Il Mulino, Bologna,2001 Jean-Pierre Vernant (a cura di) (1974) Divinazione e razionalità, Einaudi, Torino, 1982 Jean-Pierre Vernant (1990) Figure idoli e maschere, Il saggiatore, Milano, 2001 Carlo Ginzburg, Occhiacci di legno, Feltrinelli, Milano, 1998 Michael Dummet , Il mondo e l’angelo, Bibliopolis, Napoli, 1993 Piotr D. Ouspensky, Domenico e Ada Balbi, Tarocchi, simbolismo e divinazione, ECIG, Genova, 1993 Michel Perrin (1995) Lo sciamanesimo, Terrenuove, Milano, 2002 Piers Vitebsky (1995) Gli sciamani, EDT, Torino, 1998 Klaus Muller (1997) Sciamanismo, Bollati Boringhieri, Torino, 2001 Nadia Stepanova (1998) L’invocatrice degli dei, Xenia, Milano Marjorie Mandelstam Balzer (1998) I mondi degli sciamani, Gallone, Milano Gigi Borri, Gabriel Slonina Ubaldini (1999) Anime nella foresta, Marsilio, Venezia Paolo Gambazzi, L'occhio e il suo inconscio, Cortina, Milano, 1999 Giorgio de Santillana, Hertha von Dechend (1969) Il mulino di Amleto, Adelphi, Milano, 1983.Amadu Hampaté Ba Amkoulel, il bambino fulbe, Ibis, Como, 2001 Amadu Hampaté Bâ (1969) Koodal. Lo splendore della Stella, Coletti, Roma, 1989 Amadu Hampaté Bâ, (1993) Petit Bodiel, Simnos, Milano,1998 Gabriel Maria Sala (2003) Il rumore delle pietre. Verità e finzione nelle storie cliniche e nelle pratiche di cura, in Iveno Gamelli (a cura di) Il prisma autobiografico, Unicopli, Milano, 2003 Giovanni Reale Eros. Dèmone mediatore, Bompiani, Milano, 2005 Rilke-Baudelaire-Kleist Bambole, giocattoli e marionette, Passigli, Firenze, 1998 Walter Benjamin (1989) Burattini, streghe e briganti, Il Melangolo, Genova, 1993 Alessandro Dal Lago, Pier Aldo Rovatti (1993) Per gioco, Cortina, Milano Gregory Bateson (1956) “Questo è un gioco”, Cortina, Milano, 1996

Modalità d'esame

La valutazione avverrà durante tutta la durata del corso e si attuerà attraverso una sperimentazione programmata di:
• autovalutazione della performance e dei lavori individuali e di gruppo
• individuazione di strumenti qualitativi di valutazione e valutazione degli apprendimenti, delle letture, del modello didattico e dell'organizzazione stessa del corso
• valutazione aperta del saggio finale.

NB. Tutti gli/le studenti, frequentanti e non frequentanti, che intendano sostenere l'esame in qualunque sessione dell'a.a. 2009-10, sono tenuti/e a partecipare agli incontri preparatori del 3-2-2010 (aula 1.6.3 ore 16,30) e del 17-2-2010 (aula 1.6 ore 16,30) ed essere iscritti/e alle esercitazioni di gruppo entro il 20-2-2010.
Per gli/le studenti non frequentanti saranno stabiliti degli incontri appositi (almeno cinque), a cui dovranno iscriversi sempre ed unicamente durante gli incontri preparatori sopra indicati.
Per ogni ulteriore informazione sul corso rivolgersi al docente durante l'orario di ricevimento (mercoledì dalle 15 alle 18) entro 10-2- 2010.

Tipologia di Attività formativa D e F

Insegnamenti non ancora inseriti

Prospettive


Avvisi degli insegnamenti e del corso di studio

Per la comunità studentesca

Se sei già iscritta/o a un corso di studio, puoi consultare tutti gli avvisi relativi al tuo corso di studi nella tua area riservata MyUnivr.
In questo portale potrai visualizzare informazioni, risorse e servizi utili che riguardano la tua carriera universitaria (libretto online, gestione della carriera Esse3, corsi e-learning, email istituzionale, modulistica di segreteria, procedure amministrative, ecc.).
Entra in MyUnivr con le tue credenziali GIA.

Stage e Tirocini

Le ulteriori attività formative (crediti F) sono interamente coperte dall’attività di tirocinio “indiretto” (1 cfu) da svolgersi nel secondo anno e di tirocinio “diretto” (14 cfu) da svolgersi presso enti convenzionati per un numero complessivo di 15 cfu (375 ore). Chi è iscritta/o al curriculum servizi per l’infanzia è tenuta/o a svolgere il tirocinio presso nidi e servizi per la prima infanzia per almeno il 50% delle ore.
Il tirocinio professionalizzante (375 ore, pari a 15 cfu), è obbligatorio sia nella sua forma diretta che indiretta.
Il tirocinio indiretto, della durata di 25 ore a frequenza obbligatoria al 75%, si svolge in Università per 20 ore e in forma di lavoro individuale per 5 ore e consiste in un accompagnamento iniziale delle/degli studenti da parte dei tutor attraverso un percorso formativo dotandoli di conoscenze e strumenti adeguati a osservare, comprendere e rielaborare criticamente l’esperienza di tirocinio nei servizi educativi e ad affrontare il tirocinio negli enti con metodo e consapevolezza. Il percorso, da attuare in gruppi da 20-25 persone sotto la supervisione di un tutor, risponde alle esigenze costantemente espresse sia dalle/dagli studenti stessi sia dalle parti sociali che dai referenti degli enti convenzionati.
Il tirocinio diretto si propone di raggiungere i seguenti obiettivi:
  • fare esperienza diretta di attività professionali, che richiedono un livello di preparazione al lavoro educativo;
  • approfondire in particolare il rapporto tra preparazione teorica, acquisita mediante lo studio, ed esperienza pratica, tra mondo del sapere e della cultura e mondo del lavoro e delle professioni;
Al termine del tirocinio diretto lo studente deve presentare una relazione scritta, nella modalità concordata con il tutor accademico.

Nuove Linee Guida per il tirocinio di Scienze dell'educazione.

Per altre informazioni in merito alle procedure per svolgere il tirocinio, è possibile contattare l'Ufficio Stage e Tirocini.

Allegati


Gestione carriere


Tutorato per gli studenti

Tutti i docenti del Corso di Studio possono fornire una forma di tutorato volta ad orientare e assistere gli studenti lungo tutto il corso degli studi.

Solitamente sono stanziati finanziamenti per l’attività di tutoraggio da parte di studenti della laurea magistrale; purtroppo per l'A.A. 2020-2021 non si è riusciti ad attivare il servizio.

Le matricole, gli studenti che si approcciano al tirocinio, gli studenti in uscita e tutti gli studenti che manifestano difficoltà nel loro percorso di studi possono contattare i docenti indicati come tutor del corso di laurea in Scienze dell'educazione:
- prof.ssa Chiara Sità (Referente del CdS)
- prof. Luigi Tronca
- prof.ssa Federica De Cordova
- prof.ssa Rosanna Cima.
 


 

Prova Finale

La discussione dell’elaborato finale avviene alla presenza di una Commissione Istruttoria composta dal relatore del laureando ed un altro docente. La discussione può essere effettuata in presenza oppure a distanza, in base alle disposizioni del Dipartimento e alle esigenze legate all’emergenza Covid-19.
Superata la discussione dell’elaborato con la Commissione Istruttoria, la proclamazione con comunicazione del voto di laurea avverrà nel periodo indicato nel calendario didattico.
Il giorno, l'ora e le modalità di proclamazione sono resi noti con la pubblicazione del Calendario Lauree commissioni Triennali.
Possono far parte della Commissione, in soprannumero e limitatamente alla discussione degli elaborati di cui sono correlatori, anche docenti ed esperti esterni.
La Commissione di proclamazione dispone di centodieci punti; il voto minimo per il superamento della prova finale è di 66/110; al candidato che abbia ottenuto il massimo dei voti, può essere conferita all’unanimità la menzione della “lode”.
 
Di norma la Commissione istruttoria può proporre di attribuire fino ad un massimo di 8 punti per l’elaborato finale. Per la determinazione del voto di laurea la media dei voti d’esame è calcolata tenendo conto di tutte le prove, in qualsiasi ambito del piano di studio individuale siano inserite, che diano luogo a un voto espresso in trentesimi. Tale media è ponderata in base al numero di CFU corrispondenti a ciascuna prova. A tale media sono aggiunti fino ad un massimo di 4 punti, distribuiti nel seguente modo:
  • 0,5 per ogni lode fino ad un massimo di tre punti;
  • 2 punti per la partecipazione programma Erasmus;
  • 1 punto per la conclusione degli studi nel periodo previsto;
  • 1 punto per l’acquisizione di 40 CFU entro il primo anno di studi.
 
La commissione proclamatrice, visto il punteggio di base, visti i punteggi aggiuntivi, visto il punteggio attribuito dalla commissione istruttoria alla presentazione, vista la eventuale proposta di lode della commissione istruttoria attribuisce la lode se si verificano entrambe le condizioni seguenti: 1) La somma dei punteggi aggiuntivi, punteggio di base, e valutazione per la discussione risulta maggiore o uguale a 110 ; 2) La commissione istruttoria ha proposto la lode 

Allegati

Elenco delle proposte di tesi e stage

Proposte di tesi Area di ricerca
Tesi - Contatto fisico intergruppi Psychology - Psychology
Tesi - Contatto fisico intergruppi Psychology - Psychology
Tesi - Contatto fisico intergruppi Psychology - Psychology
Tesi - Contatto fisico intergruppi Psychology - Psychology, Applied
Tesi - Contatto fisico intergruppi Psychology - Psychology, Social
Ambienti e contesti di lavoro con minori Argomenti vari
Analisi dei personal network di sostegno Argomenti vari
comunicazioni relative alla tesi Argomenti vari
Il teatro come contesto educativo Argomenti vari
I processi di globalizzazione culturale nella società contemporanea Argomenti vari
La social network analysis applicata allo studio dei contesti educativi Argomenti vari
L'educatore ed i progetti europei Argomenti vari
L'impegno associativo in ambito educativo Argomenti vari
Politiche sociali e contesti educativi Argomenti vari
Progetti di collaborazione con le istituzioni scolastiche Argomenti vari
PROPOSTE TESI AMBITO GEOGRAFICO Argomenti vari
Scuola e capitale sociale Argomenti vari
Stage Area di ricerca
Tirocinio - Contatto fisico intergruppi PSYCHOLOGY - PSYCHOLOGY
Tirocinio - Contatto fisico intergruppi Psychology - Psychology, Applied
Tirocinio - Contatto fisico intergruppi Psychology - Psychology, Social

Guide operative per lo studente


Esercitazioni Linguistiche CLA


Ulteriori servizi

I servizi e le attività di orientamento sono pensati per fornire alle future matricole gli strumenti e le informazioni che consentano loro di compiere una scelta consapevole del corso di studi universitario.