Studiare

In questa sezione è possibile reperire le informazioni riguardanti l'organizzazione pratica del corso, lo svolgimento delle attività didattiche, le opportunità formative e i contatti utili durante tutto il percorso di studi, fino al conseguimento del titolo finale.

A.A. 2016/2017

Calendario accademico

Il calendario accademico riporta le scadenze, gli adempimenti e i periodi rilevanti per la componente studentesca, personale docente e personale dell'Università. Sono inoltre indicate le festività e le chiusure ufficiali dell'Ateneo.
L’anno accademico inizia il 1° ottobre e termina il 30 settembre dell'anno successivo.

Calendario accademico

Calendario didattico

Il calendario didattico indica i periodi di svolgimento delle attività formative, di sessioni d'esami, di laurea e di chiusura per le festività Per aiuto o richiesta di informazioni contattare Unità operativa: Didattica e Studenti Medicina

Definizione dei periodi di lezione
Periodo Dal Al
1°anno 1°semestre CLO 3-ott-2016 4-dic-2016
2°anno 1°semestre CLO 3-ott-2016 22-dic-2016
3°anno 1°semestre CLO 7-nov-2016 20-dic-2016
3°anno 2°semestre CLO 13-mar-2017 9-apr-2017
1°anno 2°semestre CLO 13-mar-2017 30-apr-2017
2°anno 2°semestre CLO 10-apr-2017 4-giu-2017
Sessioni degli esami
Sessione Dal Al
Sessione invernale triennio CLO 5-feb-2017 5-mar-2017
Sessione estiva 1°anno 15-mag-2017 11-giu-2017
Sessione estiva 2° e 3°anno 5-giu-2017 2-lug-2017
Sessione autunnale triennio CLO 1-set-2017 30-set-2017
Sessioni di lauree
Sessione Dal Al
1°Sessione 15-ott-2017 30-nov-2017
2° Sessione 1-mar-2018 15-apr-2018
Vacanze
Periodo Dal Al
Festa di Tutti i Santi 1-nov-2016 1-nov-2016
Vacanze di Natale 23-dic-2016 6-gen-2017
Vacanze di Pasqua 13-apr-2017 18-apr-2017
Festa della Liberazione 25-apr-2017 25-apr-2017
Festa dei Lavoratori 1-mag-2017 1-mag-2017
Festa del S. Patrono S. Zeno (VR) 21-mag-2017 21-mag-2017
Festa della Repubblica 2-giu-2017 2-giu-2017
Festa dell'immacolata 8-dic-2017 8-dic-2017
Altri Periodi
Descrizione Periodo Dal Al
Periodo di tirocinio 3°anno CLO Periodo di tirocinio 3°anno CLO 1-ott-2016 30-set-2017
Periodo di tirocinio 2°anno CLO Periodo di tirocinio 2°anno CLO 1-nov-2016 30-set-2017
Periodo di tirocinio 1°anno CLO Periodo di tirocinio 1°anno CLO 15-dic-2016 30-set-2017

Calendario esami

Gli appelli d'esame sono gestiti dalla Unità Operativa  Didattica e Studenti Medicina
Consultazione e iscrizione agli appelli d'esame sistema ESSE3 .Per problemi inerenti allo smarrimento della password di accesso ai servizi on-line si prega di rivolgersi al supporto informatico della Scuola.

Calendario esami

Per dubbi o domande Leggi le risposte alle domande più frequenti - F.A.Q. Iscrizione Esami

Docenti

A B C D F G M N P R T U V Z

Accordini Simone

simone.accordini@univr.it +39 045 8027657

Adami Anna

anna.adami@univr.it 045 802 7236

Ambrosetti Achille

achille.ambrosetti@univr.it +39 045 812 4797

Bombieri Cristina

cristina.bombieri@univr.it 045-8027209

Boschi Federico

federico.boschi@univr.it +39 045 802 7816 - 7272 (lab.)

Bravi Elena

elena.bravi@apss.tn.it

Busa Emanuela

emanuelabusa@virgilio.it

Cafaro Daniela

daniela.cafaro@univr.it 0458128121

Calderan Laura

laura.calderan@univr.it 0458027562

Camoglio Francesco Saverio

francesco.camoglio@univr.it +39 045 812 7129-7130-7318

Carfagna Marina

mcarfagna@ausl-cesena.emr.it

Donadelli Massimo

massimo.donadelli@univr.it 0458027281

Donadello Katia

katia.donadello@univr.it +39 045 812 4311

Fava Cristiano

cristiano.fava@univr.it +39 045 8124732

Franchi Massimo Piergiuseppe

massimo.franchi@univr.it +39 045 812 2720

Fumagalli Guido Francesco

guido.fumagalli@univr.it 045 802 7605 (dipartimento)

Gibellini Davide

davide.gibellini@univr.it +390458027559

Maffeis Claudio

claudio.maffeis@univr.it +39 045 812 7664

Mariotti Raffaella

raffaella.mariotti@univr.it 0458027164

Montagnana Martina

martina.montagnana@univr.it +39 045 812 6698

Nadalet Sylvain Giovanni

sylvain.nadalet@univr.it +39 045 8028848

Parisi Alice

alice.parisi@ospedaleuniverona.it

Pietrobelli Angelo

angelo.pietrobelli@univr.it +39 045 812 7125

Poli Albino

albino.poli@univr.it 045 8027658

Pollini Giovanni Paolo

giovanni.pollini@univr.it +39 045 812 7322

Raffaelli Ricciarda

ricciarda.raffaelli@univr.it +39 045 812 2720

Tagliaro Franco

franco.tagliaro@univr.it 045 8124618-045 8124246

Tosato Sarah

sarah.tosato@univr.it 045 8124441

Turco Alberto

alberto.turco@univr.it 0458027189

Urli Nadia

nadia.urli@univr.it +39 045 812 4736 - +39 045 812 4408

Valletta Sabrina

sabrina.valletta@ospedaleuniverona.it 0458027236

Zanon Rosaria

rosaria.zanon@ospedaleuniverona.it

Zoppini Giacomo

giacomo.zoppini@univr.it +39 045 8123115

Piano Didattico

Il piano didattico è l'elenco degli insegnamenti e delle altre attività formative che devono essere sostenute nel corso della propria carriera universitaria.
Selezionare il piano didattico in base all'anno accademico di iscrizione.

InsegnamentiCreditiTAFSSD
3
E/F
(L-LIN/12)
7
A/B
(MED/07 ,MED/36 ,MED/42 ,MED/47)
6
A
(BIO/10 ,BIO/13 ,FIS/07 ,MED/03)
5
A/B
(BIO/14 ,MED/40 ,MED/47)
InsegnamentiCreditiTAFSSD
5
B
(BIO/14 ,MED/05 ,MED/09 ,MED/40 ,MED/49)
8
A/B
(MED/13 ,MED/17 ,MED/18 ,MED/24 ,MED/25 ,MED/47)

1° Anno

InsegnamentiCreditiTAFSSD
3
E/F
(L-LIN/12)
7
A/B
(MED/07 ,MED/36 ,MED/42 ,MED/47)
6
A
(BIO/10 ,BIO/13 ,FIS/07 ,MED/03)
5
A/B
(BIO/14 ,MED/40 ,MED/47)

2° Anno

InsegnamentiCreditiTAFSSD
5
B
(BIO/14 ,MED/05 ,MED/09 ,MED/40 ,MED/49)
8
A/B
(MED/13 ,MED/17 ,MED/18 ,MED/24 ,MED/25 ,MED/47)

Legenda | Tipo Attività Formativa (TAF)

TAF (Tipologia Attività Formativa) Tutti gli insegnamenti e le attività sono classificate in diversi tipi di attività formativa, indicati da una lettera.




SStage e tirocini presso imprese, enti pubblici o privati, ordini professionali

Codice insegnamento

4S000047

Crediti

6

L'insegnamento è organizzato come segue:

Clinica ostetrico-ginecologica chirurgica nelle urgenze e nelle emergenze

Crediti

3

Periodo

Vedi pagina del modulo

Docenti

Vedi pagina del modulo

Chirurgia ostetrico-ginecologica ed emergenze

Crediti

2

Periodo

2°anno 2°semestre CLO

Docenti

Massimo Piergiuseppe Franchi

Anestesiologia

Crediti

1

Periodo

2°anno 2°semestre CLO

Docenti

Katia Donadello

Obiettivi formativi

A conclusione dell’iter didattico lo studente deve aver chiari i concetti di urgenza e di emergenza ed essere in grado di riconoscere e intervenire in situazioni di urgenze ed emergenze ostetriche e ginecologiche. descrivere e riconoscere i quadri clinici di patologia ginecologica di più frequente riscontro. saper gestire eventuali urgenze ostetriche sia sul piano clinico che organizzativo; Conoscere gli aspetti clinici delle complicanze del travaglio, del parto e del puerperio. Saper diagnosticare le situazioni di urgenza e di emergenza in ambito ostetrico. Conoscere gli elementi di diagnostica differenziale applicabili dall’Ostetrica per definire la necessità di intervento del Medico nei singoli casi clinici giunti alla sua osservazione; Saper applicare i necessari provvedimenti di emergenza in attesa del Medico; Deve inoltre essere in grado di stabilire una scala di priorità di trattamento ed aver ver appreso i concetti di Triage e di gestione del risk management in Ambulatorio Urgenze Ostetriche e Ginecologiche e Sala Parto. Sensibilizzare lo studente sulle strategie per aumentare le competenze di tutti gli operatori sanitari, al fine di ridurre le interferenze negative nella risposta all’urgenza emergenza ostetrico e ginecologica, sia dalla organizzazione dei reparti ospedalieri sia dal counselling dei singoli operatori. Prevenire, individuare, monitorare e gestire situazioni potenzialmente patologiche che richiedono intervento medico e praticare, ove necessario, le relative misure di particolare emergenza attraverso l'ausilio dei mezzi a disposizione e di cui risulta competente. Valutare le manifestazioni cliniche connesse alle patologie ginecologiche e ostetriche. Valutare le manifestazioni cliniche connesse al puerperio fisiologico immediato, intermedio e tardivo in regime di ricovero. Valutare le manifestazioni cliniche connesse al puerperio fisiologico e patologico immediato, intermedio e tardivo in regime di ricovero.

Programma

Urgenze ed emergenze: modello culturale secondo il CRM (Crisis Resource Management) per ridurre al minimo il rischio di errore, integrando la formazione delle competenze tecniche (saper fare) con quelle non tecniche (gestione del team, leadership, comunicazione e prevenzione errori). Rischio Clinico in urgenza ed emergenza. Il triage Ostetrico e ginecologico e le nuove strategie di management assistenziale. L D.E.A. : dipartimento di emergenza e accettazione. Triage in ambito ostetrico: la normativa Il sistema di triage strumento organizzativo. I codici di priorità. La documentazione clinica: scheda, procedure e protocolli di triage. Responsabilità professionali dell’ostetrica triagista. Triage Ostetrico finalizzato alle priorità che dovrebbero stabilirsi nell’esecuzione di un Taglio Cesareo: Classificazione Lucas (J R Soc Med 2000): Le emergenze ostetriche: Team Training nell’emergenza : caratteristiche di base dell’assistenza e della comunicazione nell’emergenza e in Sala Parto. Standardizzare la comunicazione: Situational Briefing Model SBAR .Clinical mnemonics standard per migliorare la comunicazione clinica. La pianificazione e l’organizzazione del lavoro in sala parto. La documentazione dell’emergenza ostetrica in cartella clinica. Metodi di miglioramento della qualità nell’emergenza ostetrica (Qualità Improvement Process); la responsabilità dell’ostetrica Le urgenze e le emergenze materno-fetali.Il prolasso di funicolo aspetti clinici, diagnosi e management. Distocia delle spalle aspetti clinici, diagnosi e management Urgenze ed emergenze cardiotocografiche in travaglio. Periodo dilatante: significato clinico dei parametri cardiotocografici non normali. Periodo espulsivo: pattern cardiotocografici patologici; Pattern CTG rari correlati con un alto rischio ipossico. Criteri per la lettura e interpretazione Le urgenze e le emergenze chirurgiche in gravidanza Le classificazioni dei TC sec. Lucas Preeclampsia ed eclampsia in gravidanza e puerperio Ematoma genitale puerperale Le patologie emorragiche ginecologiche La sepsi in gravidanza e pueperio Lo stato di shock : settico, ipovolemico La coagulazione intravasale disseminata Patologie tromboemboliche materne.

Modalità d'esame

L'esame avverrà in forma scritta e orale

Bibliografia

Testi di riferimento
Autore Titolo Casa editrice Anno ISBN Note
G Bolis Manuale di Ginecologia e Ostetricia (Edizione 1) EdiSES 2011 9788879599269
Baskett T, Calder A, Arulkumaran Munro Kerr's Operative Obstetrics (Edizione 12) Saunders Ltd 2014 9780702051852
MILLER Trattato di anestesia A. Delfino Editore.  

Corsi Elettivi

Anno accademico

Insegnamenti non ancora inseriti

Prospettive


Avvisi degli insegnamenti e del corso di studio

Per la comunità studentesca

Se sei già iscritta/o a un corso di studio, puoi consultare tutti gli avvisi relativi al tuo corso di studi nella tua area riservata MyUnivr.
In questo portale potrai visualizzare informazioni, risorse e servizi utili che riguardano la tua carriera universitaria (libretto online, gestione della carriera Esse3, corsi e-learning, email istituzionale, modulistica di segreteria, procedure amministrative, ecc.).
Entra in MyUnivr con le tue credenziali GIA.

Gestione carriere

Il servizio si rivolge a tutti studenti iscritti ai corsi di studio della Scuola di Medicina e Chirurgia (Medicina, Odontoiatria e Professioni sanitarie) e comprende le informazioni e la documentazione utile per la gestione della carriera dello studente (rilascio certificati, pagamento tasse, passaggio ad un altro corso dell'Ateneo, trasferimento ad anni successivi al primo da e per altro Ateneo, richiesta riconoscimento crediti carriera pregressa, domanda di laurea, rinuncia agli studi, sospensione/ripresa degli studi).

Vai al servizio

Tutor professioni sanitarie

Durante l'esperienza di tirocinio la supervisione dello studente è garantita da un sistema di tutorato articolato su 2 o 3 livelli e, di norma, assunto da operatori dello stesso profilo professionale degli studenti:

Tutor professionale con competenze avanzate sia pedagogiche che professionali; collabora all'organizzazione e gestione dei tirocini, alla progettazione e conduzione di laboratori di formazione professionale. Seleziona le opportunità formative, integra l'esperienza pratica con la teoria appresa, presidia in particolare le prime fasi di apprendimento di un intervento o di una competenza. Si occupa dei processi di apprendimento degli studenti in difficoltà, facilita i processi di valutazione dell'apprendimento in tirocinio e tiene i rapporti con le sedi di tirocinio. I Tutor Professionali sono scelti in accordo con le strutture sanitarie presso cui si svolge l'attività formativa e assegnati con incarichi triennali alla struttura didattica.

Guida di Tirocinio/tutor clinico è l'operatore che guida lo studente nella sede di tirocinio mentre svolge le sue normali attività lavorative. E' garante della sicurezza dello studente e degli utenti, vigila affinché gli utenti ricevano una prestazione di qualità anche quando essa venga delegata agli studenti, si assicura che gli stessi siano informati e diano il loro consenso ad essere assistiti da uno studente.
Al termine di ciascun anno di corso viene effettuata una valutazione certificativa per accertare i livelli raggiunti dallo studente nello sviluppo delle competenze professionali attese.

Prova Finale

Per essere ammessi alla prova finale occorre avere conseguito tutti i crediti nelle attività formative previste dal piano degli studi, compresi quelli relativi all’attività di tirocinio.
Alla preparazione della tesi sono assegnati 7 CFU.
 
La prova è organizzata, con decreto del Ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca di concerto con il Ministro del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali, in due sessioni definite a livello nazionale.
 
La prova finale, con valore di esame di Stato abilitante alla professione di Ostetrica, si compone di:
•               una prova pratica che consiste nella discussione di un caso clinico proposto dalla commissione dove lo studente dovrà dimostrare di aver acquisito le conoscenze e abilità teorico-pratiche e tecnico-operative proprie dello specifico profilo professionale;
•               redazione e dissertazione di un elaborato di una tesi.
 
Entrambe le componenti della prova concorrono alla determinazione del voto finale. In caso di valutazione insufficiente nella prova pratica l’esame si interrompe e si ritiene non superato.
La prova finale viene sospesa e va ripetuta interamente in una seduta successiva
Lo studente avrà la supervisione di un docente del Corso di Laurea, detto Relatore, ed eventuali correlatori anche esterni al Corso di Laurea.
Scopo della tesi è quello di impegnare lo studente in un lavoro di formalizzazione, progettazione e di ricerca, che contribuisca sostanzialmente al completamento della sua formazione professionale e scientifica. Il contenuto della tesi deve essere inerente a tematiche o discipline strettamente correlate al profilo professionale.
*Si ricorda che presentare tesi copiate o procurate da altri costituisce reato. (Legge 475/1925 tutt’oggi in vigore)
 
Valutazione della prova pratica:
al voto della prova pratica espressa dalla Commissione in trentesimi viene assegnato il seguente punteggio:
da 18/30 a 21/30 = 1 punto
da 22/30 a 24/30 = 2 punti
da 25/30 a 27/30 = 3 punti
da 28/30 a 30/30 = 4 punti
  30/30 e lode = 5 punti
 
Valutazione della tesi
La valutazione della tesi sarà basata sui seguenti criteri:
•               livello di approfondimento del lavoro svolto,
•               contributo critico del laureando,
•               accuratezza della metodologia adottata per lo sviluppo della tematica.
 
Punteggio finale
Il punteggio finale di Laurea è espresso in cento/decimi e viene formato dalla:
•               media ponderata rapportata a 110 dei voti conseguiti nei 20 esami curriculari (arrotondata per eccesso o per difetto al numero intero più vicino);
•               somma delle valutazioni ottenute nella prova pratica (fino ad un massimo di 5 punti);
•               discussione della Tesi: da 0 fino a un massimo di 6 punti.
 
La commissione di Laurea potrà attribuire ulteriori punti anche in base a:
•               presenza di eventuali lodi ottenute negli esami sostenuti;
 
 
È prevista la possibilità per lo studente di redigere l'elaborato in lingua inglese.
La scadenza per la presentazione della domanda di laurea e relativa documentazione, verrà indicata negli avvisi dello specifico Corso di laurea. 
.

Elenco delle proposte di tesi e stage

Proposte di tesi Area di ricerca
Cellule staminali da placenta e liquido amniotico Argomenti vari

Tirocini e stage

Durante l'esperienza di tirocinio la supervisione dello studente è garantita da un sistema di tutorato articolato su 2 o 3 livelli e, di norma, assunto da operatori dello stesso profilo professionale degli studenti:

Tutor professionale con competenze avanzate sia pedagogiche che professionali; collabora all'organizzazione e gestione dei tirocini, alla progettazione e conduzione di laboratori di formazione professionale. Seleziona le opportunità formative, integra l'esperienza pratica con la teoria appresa, presidia in particolare le prime fasi di apprendimento di un intervento o di una competenza. Si occupa dei processi di apprendimento degli studenti in difficoltà, facilita i processi di valutazione dell'apprendimento in tirocinio e tiene i rapporti con le sedi di tirocinio. I Tutor Professionali sono scelti in accordo con le strutture sanitarie presso cui si svolge l'attività formativa e assegnati con incarichi triennali alla struttura didattica.

Guida di Tirocinio/tutor clinico è l'operatore che guida lo studente nella sede di tirocinio mentre svolge le sue normali attività lavorative. E' garante della sicurezza dello studente e degli utenti, vigila affinché gli utenti ricevano una prestazione di qualità anche quando essa venga delegata agli studenti, si assicura che gli stessi siano informati e diano il loro consenso ad essere assistiti da uno studente.
Al termine di ciascun anno di corso viene effettuata una valutazione certificativa per accertare i livelli raggiunti dallo studente nello sviluppo delle competenze professionali attese.

Ulteriori servizi

I servizi e le attività di orientamento sono pensati per fornire alle future matricole gli strumenti e le informazioni che consentano loro di compiere una scelta consapevole del corso di studi universitario.