Studiare

In questa sezione è possibile reperire le informazioni riguardanti l'organizzazione pratica del corso, lo svolgimento delle attività didattiche, le opportunità formative e i contatti utili durante tutto il percorso di studi, fino al conseguimento del titolo finale.

A.A. 2016/2017

Calendario accademico

Il calendario accademico riporta le scadenze, gli adempimenti e i periodi rilevanti per la componente studentesca, personale docente e personale dell'Università. Sono inoltre indicate le festività e le chiusure ufficiali dell'Ateneo.
L’anno accademico inizia il 1° ottobre e termina il 30 settembre dell'anno successivo.

Calendario accademico

Calendario didattico

Il calendario didattico indica i periodi di svolgimento delle attività formative, di sessioni d'esami, di laurea e di chiusura per le festività.

Definizione dei periodi di lezione
Periodo Dal Al
CLID LEZ 2 ANNO 1 E 2 SEMESTRE 1-ott-2016 30-mag-2017
CLID LEZ 1A 1S 1-ott-2016 18-dic-2016
CLID LEZ 2A 1S 1-ott-2016 18-nov-2016
CLID LEZ 3A 1S 2-nov-2016 15-dic-2016
CLID LEZ 1A 2S 6-feb-2017 7-apr-2017
CLID LEZ 3A 2S 1-mar-2017 30-apr-2017
CLID LEZ 2A 2S 1-mar-2017 30-apr-2017
Altri Periodi
Descrizione Periodo Dal Al
CLID Rov - Tirocinio 2°anno CLID Rov - Tirocinio 2°anno a.a. 2016-2017 21-nov-2016 30-set-2017
CLID Rov - Tirocinio 3°anno a.a. 2016-2017 CLID Rov - Tirocinio 3°anno a.a. 2016-2017 3-apr-2017 30-giu-2017
CLID Rov - Tirocinio 1°anno a.a. 2016-2017 CLID Rov - Tirocinio 1°anno a.a. 2016-2017 10-apr-2017 30-set-2017

Calendario esami

Gli appelli d'esame sono gestiti dalla Unità Operativa Didattica e Studenti Medicina.
Per consultazione e iscrizione agli appelli d'esame visita il sistema ESSE3.
Per problemi inerenti allo smarrimento della password di accesso ai servizi on-line si prega di rivolgersi al supporto informatico della Scuola o al servizio recupero credenziali

Calendario esami

Per dubbi o domande leggi le risposte alle domande più frequenti F.A.Q. Iscrizione Esami

Docenti

A B C D F G L M P S T U Z

Albanese Massimo

massimo.albanese@univr.it +39 045 812 4251/4024

Aleotti Renata

renata.aleotti@apss.tn.it 0461-364187 364174 o 0464 582475

Baccini Francesca

francesca.baccini@apss.tn.it 0464-403146

Bonetti Martina

martina.bonetti@apss.tn.it

Burro Roberto

roberto.burro@univr.it +39 045 802 8911

Campolongo Fulvio

fulvio.campolongo@apss.tn.it

Cazzoletti Lucia

lucia.cazzoletti@univr.it 045 8027656

Di Palma Annunziata

dipalma@tn.aziendasanitaria.trentino.it

Faccioni Fiorenzo

fiorenzo.faccioni@ospedaleuniverona.it +39 045 812 4251 - 4868

Fumagalli Guido Francesco

guido.fumagalli@univr.it 045 802 7605 (dipartimento)

Gotte Giovanni

giovanni.gotte@univr.it 0458027694

Grisenti Rolly

grisenti@science.unitn.it

Lombardo Giorgio

giorgio.lombardo@univr.it +39 045 812 4867

Mantovani William

william.mantovani@univr.it

Mariotti Raffaella

raffaella.mariotti@univr.it 0458027164

Pancheri Loredana

info@loredanapancheri.it 0461264569

Pedrolli Carlo

carlo.pedrolli@apss.tn.it 0461903519

Procacci Pasquale

pasquale.procacci@univr.it +39 045 812 4251/4872

Schweiger Vittorio

vittorio.schweiger@univr.it +39 045 812 4311

Signoretto Caterina

caterina.signoretto@univr.it 045 802 7195

Tam Enrico

enrico.tam@univr.it +39 045 8425149

Trabetti Elisabetta

elisabetta.trabetti@univr.it 045/8027209

Trevisiol Lorenzo

lorenzo.trevisiol@univr.it +39 045 812 4023

Uber Dario

Dario.Uber@apss.tn.it 0461/904668

Zancanaro Carlo

carlo.zancanaro@univr.it 045 802 7157 (Medicina) - 8425115 (Scienze Motorie)

Zerman Nicoletta

nicoletta.zerman@univr.it + 39 045 812 4251 - 4857

Piano Didattico

Il piano didattico è l'elenco degli insegnamenti e delle altre attività formative che devono essere sostenute nel corso della propria carriera universitaria.
Selezionare il piano didattico in base all'anno accademico di iscrizione.

InsegnamentiCreditiTAFSSD
2
F
(INF/01)
3
E/F
(L-LIN/12)
9
A/B
(MED/28 ,MED/50 ,M-PSI/01 ,M-PSI/04)
8
A/B
(MED/04 ,MED/28 ,MED/36 ,MED/50)
5
B
(MED/12 ,MED/50)
7
A/B
(MED/07 ,MED/17 ,MED/42 ,MED/44 ,MED/45)

1° Anno

InsegnamentiCreditiTAFSSD
2
F
(INF/01)
3
E/F
(L-LIN/12)
9
A/B
(MED/28 ,MED/50 ,M-PSI/01 ,M-PSI/04)
8
A/B
(MED/04 ,MED/28 ,MED/36 ,MED/50)
5
B
(MED/12 ,MED/50)
7
A/B
(MED/07 ,MED/17 ,MED/42 ,MED/44 ,MED/45)

Legenda | Tipo Attività Formativa (TAF)

TAF (Tipologia Attività Formativa) Tutti gli insegnamenti e le attività sono classificate in diversi tipi di attività formativa, indicati da una lettera.




SStage e tirocini presso imprese, enti pubblici o privati, ordini professionali

Codice insegnamento

4S000289

Crediti

9

Coordinatore

Roberto Burro

L'insegnamento è organizzato come segue:

Psicologia dell'apprendimento

Crediti

3

Periodo

CLID LEZ 1A 1S

Odontoiatria di comunita'

Crediti

2

Periodo

CLID LEZ 1A 1S

Metodologia educativa dell'igiene orale

Crediti

2

Periodo

CLID LEZ 1A 1S

Psicologia dell'eta' evolutiva e clinica

Crediti

2

Periodo

CLID LEZ 1A 1S

Obiettivi formativi

Il corso permetterà allo studente di ottenere la preparazione necessaria per l’approfondimento e l'uso di metodologia educative applicate nell'ambito della professione di igienista dentale. I processi cognitivi quali apprendimento, memoria, percezione, attenzione, pensiero, motivazione, emozione e comunicazione verranno contestualizzati nel generale impianto metodologico delle scienze cognitive, permettendo allo studente di trovare tutti gli elementi di confronto ed integrazione con metodologie, teorie e modelli, sia da una prospettiva storica che applicativa nel mondo della ricerca contemporanea.
Il corso si propone, inoltre, di offrire una conoscenza di base della Psicologia dello Sviluppo presentando una panoramica dello sviluppo umano dalla nascita fino all'età anziana, approfondendo alcuni aspetti caratteristici della Psicologia Clinica necessari per sviluppare adeguate competenze comunicative e relazionali nel rapporto con il paziente del futuro Igienista Dentale.

Il corso fornirà conoscenze rispetto alla figura dell'igienista dentale e ai suoi possibili ruoli di promotore della salute orale nelle diverse fasce di età in linea con quanto proposto dal Ministero dell Salute e dall'Organizzazione Mondiale della Sanità
Nello specifico, saranno approfondite le seguenti tematiche:
• L’igienista dentale e il team odontoiatrico
• La promozione della salute
• Anatomia del cavo orale (denti e parodonto)
• La comunicazione in odontoiatria

Programma

A partire dall'analisi del percorso storico che la Psicologia ha condotto per identificarsi come disciplina sperimentale, si affronteranno i temi più importanti implicati nei processi cognitivi. Il primo degli aspetti studiati sarà quello metodologico ed epistemologico per capire il rapporto tra la Psicologia intesa come disciplina sperimentale e le altre discipline umanistiche che contribuiscono allo studio del pensiero umano.
Gli altri temi trattati saranno quelli classici della Psicologia come lo studio dell’esperienza percettiva, la psicofisica, le teorie, i modelli e le ricerche su coscienza, attenzione, memoria, pensiero, intelligenza, apprendimento, motivazione, emozioni, comunicazione. Verranno, inoltre, toccati argomenti quali la natura e il trattamento dei disturbi mentali, lo sviluppo della personalità nell’arco della vita e la biologia del comportamento che contribuiscono alla organizzazione della architettura cognitiva dell’uomo.In dettaglio, saranno,quindi, trattati i seguenti argomenti:
- Introduzione storica alla psicologia dei processi cognitivi
- I metodi in Psicologia
- La percezione
- Attenzione e coscienza
- L’apprendimento
- La memoria
- Il linguaggio e la comunicazione
- Il pensiero
- Le emozioni

I temi psicologici trattati saranno poi declinati nel contesto del CdL in Igiene Dentale. Saranno, quindi, approfonditi temi quali l'importanza dell'insegnamento di Psicologia dell’età evolutiva e clinica nel CdL in Igiene Dentale; la psicologia dello sviluppo e le principali prospettive teoriche dello sviluppo psicologico; lo sviluppo sociale ed emotivo; lo sviluppo psicologico nelle varie età della vita: prima e seconda infanzia, adolescenza, età adulta e età avanzata; la funzione psicologica della bocca e dei denti; la comunicazione con il paziente (verbale, paraverbale e non verbale); la promozione della salute orale: come motivare il paziente al cambiamento delle proprie abitudini di igiene orale; la psicologia clinicacon particolare riferimento all'odontofobia, al dolore e all'ansia: come aiutare il paziente ad affrontarli.

Particolare riguardo sarà poi dato ai seguenti temi socio-organizzativi:
La salute orale nella società
- Il concetto di salute pubblica e salute individuale
- Evoluzione dei sistemi sanitari
- La promozione della salute orale: educazione sanitaria e prevenzione

Servizi sanitari e modelli di assistenza odontoiatrica nell’UE:
- La riforma dei sistemi sanitari nei paesi OCSE - I modelli più diffusi di servizi sanitari - Classificazione di modelli di assistenza sanitaria odontoiatrica - I livelli essenziali di assistenza (LEA)

Epidemiologia odontoiatrica e procedure di rilevamento:
- Definizione di epidemiologia - Concetto di causa- Test diagnostici- Misura della frequenza di malattia- Tipi di studi epidemiologici- Gli indici epidemiologici dento-paradontali - L’andamento della prevalenza della carie dentale in Europa ed in Italia- L’andamento della patologia parodontale

Individuazione delle popolazioni a rischio:
- interventi di prevenzione mirata per patologia cariosa
- interventi di prevenzione mirata per patologia parodontale
- interventi di prevenzione mirata per malocclusione
- interventi di prevenzione mirata per patologia traumatica

Linee guida nazionali per la promozione della salute orale in età evolutiva
Disciplina dell'assistenza odontoiatrica in provincia di Trento
Obiettivi della prevenzione in odontoiatria:
- Il ruolo dell’odontoiatra
- Il ruolo dell’igienista dentale

La prevenzione della carie
- Fluoroprofilassi- Strumenti di igiene orale- L’alimentazione- I sigillanti occlusali- Controllo chimico della placca

La prevenzione della malocclusione:
- Controllo abitudini viziate
- Terapia intercettiva

La prevenzione delle patologie traumatiche
Esperienze di promozione della salute orale in odontoiatria di comunità

Sarà, quindi, proposto un approfondimento sulla figura dell'igienista dentale.
L’igienista dentale: nascita ed evoluzione della professione, il profilo professionale. Il team odontoiatrico.
- La promozione della salute: prevenzione primaria, secondaria, terziaria, la prevenzione di genere. Gli obiettivi OMS e il piano nazionale e provinciale di prevenzione (Leggi e Linee Guida)
- Anatomia del cavo orale (denti e parodonto): il dente e i suoi tessuti, numerazione, fasi di eruzione. Dentizione decidua e permanente. Il disegno dei denti
- Anatomia del parodonto (superficiale e profondo) e i suoi tessuti.
- La comunicazione in odontoiatria: il counseling motivazionale e il colloquio con il paziente.

Modalità d'esame

A seconda del modulo in cui il corso è strutturato, si identificano le seguenti modalità di esame:

Psicologia dell'apprendimento:
L’esame sostenuto durante un appello ufficiale consisterà in una prova scritta (30 domande - 3 alternative di risposta, di cui solo una corretta, per domanda. Tempo disponibile: 30 minuti)

Psicologia dell'età evolutiva e clinica
L'esame consiste in una prova scritta divisa in due parti: una di domande con risposta a scelta multipla e una di domande aperte.

Odontoiatrica di comunità:
L'esame consiste in un colloquio orale

Metodologia educativa dell'igiene orale:
L'esame consiste in una prova scritta a domande aperte

Bibliografia

Testi di riferimento
Autore Titolo Casa editrice Anno ISBN Note
Wilkins Esther M. Clinical Practice of the Dental Hygienist (Edizione 12) Lippincott Williams 2016 9781451193114
Abbinante Antonia - Cortesi Ardizzone Viviana Igienista orale. Teoria e pratica professionale EDRA 2013 978-88-214-2746-6
STUDENTI FREQUENTANTI Per i frequentanti saranno poi messe a disposizione delle dispense, curate dal titolare e dai collaboratori del corso, su tutte le tematiche affrontate.  
Gillibrand R., Lam V., O'Donnell V. L., Tallandini M. A. Psicologia dello sviluppo. Seconda Edizione (Edizione 2) Pearson 2019 9788891905932

Tipologia di Attività formativa D e F

Insegnamenti non ancora inseriti

Prospettive


Avvisi degli insegnamenti e del corso di studio

Per la comunità studentesca

Se sei già iscritta/o a un corso di studio, puoi consultare tutti gli avvisi relativi al tuo corso di studi nella tua area riservata MyUnivr.
In questo portale potrai visualizzare informazioni, risorse e servizi utili che riguardano la tua carriera universitaria (libretto online, gestione della carriera Esse3, corsi e-learning, email istituzionale, modulistica di segreteria, procedure amministrative, ecc.).
Entra in MyUnivr con le tue credenziali GIA.

Gestione carriere


Prova Finale

Per essere ammessi alla prova finale occorre avere conseguito tutti i crediti nelle attività formative previste dal piano degli studi, compresi quelli relativi all’attività di tirocinio.
Alla preparazione della tesi sono assegnati 7 CFU.
La prova è organizzata, con decreto del Ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca di concerto con il Ministro del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali, in due sessioni definite a livello nazionale.
 
La prova finale, con valore di esame di Stato abilitante, si compone di:


una prova pratica nel corso della quale lo studente deve dimostrare di aver acquisito le conoscenze e abilità teorico-pratiche e tecnico-operative proprie dello specifico profilo professionale;
redazione di un elaborato di una tesi e sua dissertazione.

Lo studente avrà la supervisione di un docente del Corso di Laurea, detto Relatore, ed eventuali correlatori anche esterni al Corso di Laurea.
 
Scopo della tesi è quello di impegnare lo studente in un lavoro di formalizzazione, progettazione e di ricerca, che contribuisca sostanzialmente al completamento della sua formazione professionale e scientifica. Il contenuto della tesi deve essere inerente a tematiche o discipline strettamente correlate al profilo professionale.
La valutazione della tesi sarà basata sui seguenti criteri: livello di approfondimento del lavoro svolto, contributo critico del laureando, accuratezza della metodologia adottata per lo sviluppo della tematica.
 
Il punteggio finale di Laurea è espresso in cento/decimi con eventuale lode e viene formato, a partire dalla media ponderata rapportata a 110 dei voti conseguiti negli esami di profitto, dalla somma delle valutazioni ottenute nella prova pratica (fino ad un massimo di 5 punti) e nella discussione della Tesi (fino ad un massimo di 6 punti).
In caso di valutazione insufficiente della prova pratica l’esame si interrompe e si ritiene non superato. La prova finale viene sospesa e va ripetuta interamente in una seduta successiva.
 
La commissione di Laurea potrà attribuire ulteriori punti anche in base a:


presenza di eventuali lodi ottenute negli esami sostenuti;
partecipazione ai programmi Erasmus fino a 2 punti aggiuntivi;
laurea entro i termini della durata normale del corso 2 punti aggiuntivi.


È prevista la possibilità per lo studente di redigere l'elaborato in lingua inglese.
La scadenza per la presentazione della domanda di laurea e relativa documentazione verrà indicata negli avvisi dello specifico Corso di laurea. 

Ulteriori servizi

I servizi e le attività di orientamento sono pensati per fornire alle future matricole gli strumenti e le informazioni che consentano loro di compiere una scelta consapevole del corso di studi universitario.