Studiare

In questa sezione è possibile reperire le informazioni riguardanti l'organizzazione pratica del corso, lo svolgimento delle attività didattiche, le opportunità formative e i contatti utili durante tutto il percorso di studi, fino al conseguimento del titolo finale.

A.A. 2017/2018

Calendario accademico

Il calendario accademico riporta le scadenze, gli adempimenti e i periodi rilevanti per la componente studentesca, personale docente e personale dell'Università. Sono inoltre indicate le festività e le chiusure ufficiali dell'Ateneo.
L’anno accademico inizia il 1° ottobre e termina il 30 settembre dell'anno successivo.

Calendario accademico

Calendario didattico

Il calendario didattico indica i periodi di svolgimento delle attività formative, di sessioni d'esami, di laurea e di chiusura per le festività.

Definizione dei periodi di lezione
Periodo Dal Al
I semestre 2-ott-2017 20-gen-2018
II semestre 26-feb-2018 9-giu-2018
Sessioni degli esami
Sessione Dal Al
ESAMI LINGUE - sessione invernale 22-gen-2018 24-feb-2018
ESAMI LINGUE - sessione estiva 11-giu-2018 28-lug-2018
ESAMI LINGUE - sessione autunnale 27-ago-2018 22-set-2018
Sessioni di lauree
Sessione Dal Al
LAUREE LINGUE - sessione autunnale a.a. 2016/2017 18-dic-2017 21-dic-2017
LAUREE LINGUE - sessione invernale a.a. 2016/2017 23-mar-2018 29-mar-2018
LAUREE LINGUE - sessione estiva 16-lug-2018 21-lug-2018
LAUREE LINGUE - sessione autunnale 12-nov-2018 17-nov-2018
LAUREE LINGUE - sessione invernale 12-apr-2019 18-apr-2019
Vacanze
Periodo Dal Al
Festa di Ognissanti 1-nov-2017 1-nov-2017
Festa dell'Immacolata 8-dic-2017 8-dic-2017
Vacanze di Natale 22-dic-2017 7-gen-2018
Vacanze di Pasqua 30-mar-2018 3-apr-2018
Festa della liberazione 25-apr-2018 25-apr-2018
Festa del lavoro 1-mag-2018 1-mag-2018
Festa del Santo Patrono 21-mag-2018 21-mag-2018
Festa della Repubblica 2-giu-2018 2-giu-2018
Vacanze Estive 13-ago-2018 18-ago-2018

Calendario esami

Gli appelli d'esame sono gestiti dalla Unità Operativa Didattica e Studenti Lingue e letterature straniere.
Per consultazione e iscrizione agli appelli d'esame visita il sistema ESSE3.
Per problemi inerenti allo smarrimento della password di accesso ai servizi on-line si prega di rivolgersi al supporto informatico della Scuola o al servizio recupero credenziali

Calendario esami

Per dubbi o domande leggi le risposte alle domande più frequenti F.A.Q. Iscrizione Esami

Docenti

A B C D F G H K P R

Artoni Daniele

daniele.artoni@univr.it +39 045802 8465

Bertazzoli Raffaella

raffaella.bertazzoli@univr.it +39 045802 8331

Bognolo Anna

anna.bognolo@univr.it +39 045802 8327

Carpi Daniela

daniela.carpi@univr.it

Dalle Pezze Francesca

francesca.dallepezze@univr.it + 39 045802 8598

Forner Fabio

fabio.forner@univr.it + 39 045 802 8194

Frassi Paolo

paolo.frassi@univr.it +39 045802 8408

Gorris Rosanna

rosanna.gorris@univr.it +39 045802 8324

Hourani Martin Dunia

dunia.houranimartin@univr.it +39 045802 8105

Kofler Peter Erwin

peter.kofler@univr.it +39 045802 8313

Padovan Andrea

andrea.padovan@univr.it +39 045 802 8753

Renna Dora

dora.renna@univr.it

Piano Didattico

Il piano didattico è l'elenco degli insegnamenti e delle altre attività formative che devono essere sostenute nel corso della propria carriera universitaria.
Selezionare il piano didattico in base all'anno accademico di iscrizione.

InsegnamentiCreditiTAFSSD
InsegnamentiCreditiTAFSSD
A philology to be chosen among the following (philology must be related to one of the chosen languages)
6
B
(L-FIL-LET/09)
6
B
(L-LIN/21)
Dissertation
21
E
-

1° Anno

InsegnamentiCreditiTAFSSD

2° Anno

InsegnamentiCreditiTAFSSD
A philology to be chosen among the following (philology must be related to one of the chosen languages)
6
B
(L-FIL-LET/09)
6
B
(L-LIN/21)
Dissertation
21
E
-
Insegnamenti Crediti TAF SSD
Tra gli anni: 1°- 2°
Tra gli anni: 1°- 2°
Other teaching activities
6
F
-

Legenda | Tipo Attività Formativa (TAF)

TAF (Tipologia Attività Formativa) Tutti gli insegnamenti e le attività sono classificate in diversi tipi di attività formativa, indicati da una lettera.




SStage e tirocini presso imprese, enti pubblici o privati, ordini professionali

Codice insegnamento

4S006113

Crediti

9

Coordinatore

Paolo Frassi

L'insegnamento è organizzato come segue:

2e partie

Crediti

3

Periodo

II semestre

Docenti

Paolo Frassi

1ère partie

Crediti

6

Periodo

II semestre

Docenti

Paolo Frassi

Obiettivi formativi

------------------------
MM: 2E PARTIE
------------------------
La seconda parte del corso corrisponde alla prima parte sia negli obiettivi che nel programma.
------------------------
MM: 1ÈRE PARTIE
------------------------
Il corso intende fornire agli studenti conoscenze ai fini di sviluppare una coscienza relativa alla variazione diatopica, con esemplificazioni relative alla varietà di francese parlata in Québec, nonché strumenti teorici relativi all’individuazione delle diverse tipologie di unità fraseologiche da poter utilizzare nell’ambito dell’insegnamento del francese L2.

Programma

------------------------ MM: 2E PARTIE ------------------------ La seconda parte del corso corrisponde alla prima parte sia negli obiettivi che nel programma. ------------------------ MM: 1ÈRE PARTIE ------------------------ 1. La variazione diatopica e il francese nel mondo (nozioni di base). Le principali specificità del francese parlato in Québec. 2. Tipologie di unità fraseologiche (locuzioni, collocazioni, pragmatèmes, clichés) ed esemplificazione tramite raffronto fra unità fraseologiche diffuse in Francia e unità fraseologiche diffuse in Québec. 3. Applicazione delle nozioni teoriche in contesto didattico (Francese L2). Modalità didattiche Studenti frequentanti Lezioni frontali riguardanti l’illustrazione della variazione diatopica con particolare riferimento alla varietà di francese parlata in Québec, la presentazione di principali nozioni teoriche per la modellizzazione delle unità fraseologiche, ed esercizi esemplificativi relativi ai diversi tipi di unità fraseologiche. L’ultima parte del corso, che vedrà la presenza della Prof.ssa Ophélie Tremblay (Université du Québec à Montréal) sarà dedicata all’applicazione delle nozioni teoriche in contesto didattico. Gli studenti potranno presentare durante il corso, in forma seminariale, una proposta di unità didattica incentrata sull’insegnamento di unità fraseologiche ad apprendenti di francese L2. I materiali del corso ed eventuali approfondimenti saranno pubblicati di volta in volta sulla piattaforma e-learning dedicata, sulla quale si troverà la calendarizzazione dell’insieme delle lezioni e il programma complessivo e dettagliato, già disponibili a partire dalla prima lezione. Durante l’anno accademico il docente riceverà gli studenti negli orari indicati nella pagina web (senza necessità di fissare specifico appuntamento). Studenti non frequentanti Gli studenti non frequentanti troveranno, sulla piattaforma e-learning dedicata, i materiali e gli approfondimenti relativi agli argomenti trattati durante il corso, oltre che il programma complessivo e dettagliato, già disponibile a partire dalla prima lezione. Il docente fornirà supporto durante gli orari di ricevimento. Bibliografia Prima parte: E. Szlezák, “Le français dans le monde: Canada” in C. Polzin-Haumann-W. Schweickard, Manuel de linguistique française, Berlin-Boston, De Gruyter, pp. 478-504. Conseil supérieur de la langue française, Consensus quant à la nécessité de définir le français québecois standard (http://www.cslf.gouv.qc.ca/bibliotheque-virtuelle/publication-html/?tx_iggcpplus_pi4%5Bfile%5D=publications/avis116/a116.htm). Base de données lexicographiques panfrancophones (http://www.bdlp.org/). Multidictionnaire de la langue française (http://multidictionnaire.com/). Antidote (https://www.druide.com/). Seconda parte: I. Mel’cuk, A. Clas, A. Polguère (1995), Introduction à la Lexicologie Explicative et Combinatoire, Louvain-la-Neuve, Duculot. I. Mel’cuk (1995), Phrasemes in Language and Phraseology in Linguistics, in M. Everaert, E.-J. Van Der Linden, A. Schenk, R. Schreuder (éds.), Idioms. Structural and Psychological Perspectives, Hillsdale-Hove, Lawrence Erlbaum Associates, pp. 167-232. I. Mel’cuk (2008), Phraséologie dans la langue et dans le dictionnaire, « Repères & Applications », VI, pp. 187-200. I. Mel’cuk (2013), Tout ce que nous voulions savoir sur les phrasèmes, mais… « Cahiers de lexicologie », 102, pp. 129-149. A. Polguère (2011), Perspective épistémologique sur l’approche linguistique Sens-Texte, « Mémoires de la Société de Linguistique de Paris », XX, pp. 79-114. I. Mel’cuk, A. Polguère (2008), Prédicats et quasi-prédicats sémantiques dans une perspective lexicographique, Lidil, 37 (http://lidil.revues.org/2691). Terza parte: Les langues modernes 1/2009 : « Enseigner et apprendre le lexique ». J. Scott, W. Nagy (2009), Developing word consciousness. Essential readings on vocabulary instruction. Newark: International Reading Association, pp. 106-117.

Modalità d'esame

------------------------
MM: 2E PARTIE
------------------------
La seconda parte del corso corrisponde alla prima parte sia negli obiettivi che nel programma.
------------------------
MM: 1ÈRE PARTIE
------------------------
Esame orale, interamente in lingua francese, volto ad accertare l’acquisizione delle nozioni teoriche e la capacità di applicazione a casi pratici. Il colloquio orale verificherà: - l’ampiezza e la completezza dei contenuti; - la capacità di esemplificazione; - la chiarezza espositiva. La prova orale verte sull’intero programma. La valutazione è espressa in 30esimi. Per gli studenti frequentanti sono previsti due accertamenti in itinere. Il primo accertamento, in forma scritta, riguarderà la prima e la seconda parte del programma e consisterà in un insieme di domande di tipo ‘aperto’ ed esercizi riguardanti le unità fraseologiche, sul modello di quelli presentati durante le lezioni. Il secondo accertamento, in forma orale, consisterà nella presentazione, da parte dello studente, del proprio progetto didattico relativo alle unità fraseologiche, che si svolgerà in forma seminariale. Ognuna delle prove in itinere sarà valutata in trentesimi. L’esame sarà perfezionato durante la prova orale. Il voto finale sarà dato dalla media matematica fra il voto della prova orale e i voti delle prove in itinere. La prova orale potrà essere sostenuta solo dopo aver conseguito il livello di competenza linguistica C2. Il voto finale in trentesimi sarà ottenuto dalla media tra quello della competenza linguistica convertito in trentesimi in base alle indicazioni presenti nel “Vademecum normativo per gli studenti dell'Area di Lingue e Letterature Straniere") e quello della prova orale e sarà espresso in trentesimi. Gli studenti ERASMUS sono pregati di prendere contatto con il docente all’inizio del corso per delucidazioni. Il programma, la bibliografia e le modalità d’esame sono le medesime per tutti gli studenti, compresi i non frequentanti. È richiesta una competenza linguistica di livello C2. La verifica della competenza linguistica si basa sulle certificazioni rilasciate dal CLA (Centro Linguistico di Ateneo) o da enti certificatori riconosciuti dal MIUR (DALF C2, DFP DALF C2; si consulti, a tale proposito, la pagina web dedicata: https://cla.univr.it/files/4-tabella_equipollenze.pdf) ed è propedeutica all’esame con il docente di Lingua francese. Come indicato nel "Vademecum normativo per gli studenti dell'Area di Lingue e Letterature Straniere" la validità della certificazione linguistica C2 è di sei anni dalla data di conseguimento.

Bibliografia

Testi di riferimento
Autore Titolo Casa editrice Anno ISBN Note
Mel'cuk I., Clas A., Polguère A. Introduction à la lexicologie explicative et combinatoire Duculot 1995
C. Polzin-Haumann-W. Schweickard Manuel de linguistique française De Gruyter 2015 Solo il seguente capitolo: E. Szlezák, “Le français dans le monde: Canada”, pp. 478-504.

Tipologia di Attività formativa D e F

Insegnamenti non ancora inseriti

Prospettive


Avvisi degli insegnamenti e del corso di studio

Per la comunità studentesca

Se sei già iscritta/o a un corso di studio, puoi consultare tutti gli avvisi relativi al tuo corso di studi nella tua area riservata MyUnivr.
In questo portale potrai visualizzare informazioni, risorse e servizi utili che riguardano la tua carriera universitaria (libretto online, gestione della carriera Esse3, corsi e-learning, email istituzionale, modulistica di segreteria, procedure amministrative, ecc.).
Entra in MyUnivr con le tue credenziali GIA.

Gestione carriere


Doppio Titolo

Grazie ad una rete di accordi con Atenei esteri, l’Università di Verona offre percorsi formativi internazionali che consentono l’acquisizione di un doppio titolo di studio. L’ammissione ad un CdS a doppio titolo consente di conseguire contemporaneamente, nel tempo di un normale ciclo di studi (di cui una parte viene svolta all'estero), sia il titolo di studio dell’Università di Verona che il titolo rilasciato dall'Ateneo partner, garantendo di vedere riconosciuto il diploma di laurea in entrambi i Paesi.
L'accesso al doppio titolo (così come l’eventuale sostengo finanziario) è regolato da uno specifico bando, e il numero di posti è limitato.

⇒ Per informazioni vedi LINK


Esercitazioni Linguistiche CLA


Prova finale

La prova finale, cui sono attribuiti 21 CFU, deve presentare un approccio originale su un argomento attinente la prima o la seconda lingua scelte dallo studente; la prima o la seconda letteratura; le relative materie d’area; le relative filologie oppure il settore delle letterature comparate. Si tratta di un approfondito lavoro di ricerca che dovrà sfociare in un elaborato in lingua italiana o straniera di almeno ottanta cartelle. Guidato dal relatore, lo studente dimostrerà di saper raccogliere informazioni e materiali bibliografici, di rielaborare e collegare tra loro le letture effettuate, di applicare conoscenze teorico-metodologiche all’analisi dei testi o alle problematiche affrontate.

La discussione della tesi avviene in presenza di una Commissione di Laurea composta da non meno di 5 docenti dell’Ateneo.
Alla prova finale potranno essere attribuiti non più di 11 punti su 110.
Lo studente potrà chiedere l’assegnazione di un argomento per la tesi dopo aver acquisito almeno 50 CFU del biennio.
Per le altre disposizioni, si rimanda espressamente al Regolamento Didattico di Ateneo e al Regolamento di Ateneo per gli studenti.
Il voto di laurea è formato da:
a) la media aritmetica dei voti conseguiti negli esami, rapportata a 110,
b) la valutazione dell’esame di laurea: un massimo di 11 punti riservati alla tesi magistrale e relativa discussione. Al candidato che abbia ottenuto il massimo dei voti può essere concessa la distinzione della lode, se la Commissione è unanime nel giudicare eccellente la tesi e ottima la discussione in sede di esame. A tesi particolarmente significative può essere riconosciuta anche la dignità di stampa.
c) punti supplementari di incentivazione:
  • un massimo di 2 punti per le lodi (1 punto per due lodi, 2 punti per più lodi).

  • 2 punti per la partecipazione al Programma Erasmus o assimilato, a condizione che lo studente: abbia acquisito almeno 12 CFU per un semestre di mobilità nel corso del ciclo di studi (24 CFU per due semestri di mobilità) e consegua il titolo finale entro la durata normale del corso di studi.
  • 1 punto per la partecipazione al Programma Erasmus o assimilato, a condizione che lo studente: abbia acquisito almeno 12 CFU per un semestre di mobilità nel corso del ciclo di studi (24 CFU per due semestri di mobilità) e consegua il titolo finale anche oltre la durata normale del corso di studi.

Non possono essere attribuiti punti di incentivazione per qualsiasi esperienza all’estero svolta dallo studente su iniziativa privata, anche se riconosciuta come equipollente dal Dipartimento/Collegio Didattico.

Allegati


Stage e tirocini

Le attività di stage sono finalizzate a far acquisire allo studente una conoscenza diretta in settori di particolare interesse per l’inserimento nel mondo del lavoro e per l’acquisizione di abilità professionali specifiche.
Le attività di stage sono svolte sotto la diretta responsabilità di un singolo docente presso studi professionali, enti della pubblica amministrazione, aziende accreditate dall’Ateneo veronese.
I crediti maturati in seguito ad attività di stage saranno attribuiti secondo quanto disposto nel dettaglio dal “Regolamento d’Ateneo per il riconoscimento dei crediti maturati negli stage universitari” vigente.
Tutte le informazioni in merito agli stage sono reperibili al link https://www.univr.it/it/i-nostri-servizi/stage-e-tirocini.
 

Vademecum per lo studente

In allegato il vademecum normativo per gli studenti dell'area Lingue e letterature straniere.

Allegati

Titolo Info File
Doc_Univr_pdf Vademecum normativo area Lingue e letterature straniere 1006 KB, 24/09/21 

Ulteriori servizi

I servizi e le attività di orientamento sono pensati per fornire alle future matricole gli strumenti e le informazioni che consentano loro di compiere una scelta consapevole del corso di studi universitario.