Studiare

In questa sezione è possibile reperire le informazioni riguardanti l'organizzazione pratica del corso, lo svolgimento delle attività didattiche, le opportunità formative e i contatti utili durante tutto il percorso di studi, fino al conseguimento del titolo finale.

A.A. 2018/2019

Calendario accademico

Il calendario accademico riporta le scadenze, gli adempimenti e i periodi rilevanti per la componente studentesca, personale docente e personale dell'Università. Sono inoltre indicate le festività e le chiusure ufficiali dell'Ateneo.
L’anno accademico inizia il 1° ottobre e termina il 30 settembre dell'anno successivo.

Calendario accademico

Calendario didattico

Il calendario didattico indica i periodi di svolgimento delle attività formative, di sessioni d'esami, di laurea e di chiusura per le festività.

Definizione dei periodi di lezione
Periodo Dal Al
1° semestre (1A) - 2° anno 27-set-2018 10-nov-2018
Periodo riservato ad eventuali recuperi di lezioni (1A) 27-set-2018 10-nov-2018
Periodo riservato ad eventuali recuperi di lezioni (1B) 15-nov-2018 22-dic-2018
1° semestre (1B) - 1° anno 15-nov-2018 22-dic-2018
2° semestre (2A) - 2° anno 7-feb-2019 16-mar-2019
Periodo riservato ad eventuali recuperi di lezioni (2A) 7-feb-2019 16-mar-2019
2° semestre (2B) - 1° anno 21-mar-2019 11-mag-2019
Periodo riservato ad eventuali recuperi di lezioni (2B) 21-mar-2019 11-mag-2019
Sessioni degli esami
Sessione Dal Al
Sessione invernale – 2 appelli 8-gen-2019 6-feb-2019
Sessione estiva – 2 appelli 22-mag-2019 13-lug-2019
Sessione autunnale – 2 appelli 27-ago-2019 25-set-2019
Sessioni di lauree
Sessione Dal Al
Sessione autunnale – 29 ottobre 2018 29-ott-2018 29-ott-2018
Sessione straordinaria – 18 aprile 2019 18-apr-2019 18-apr-2019
Sessione estiva – 3 luglio 2019 3-lug-2019 3-lug-2019
Vacanze
Periodo Dal Al
Festa di Ognissanti 1-nov-2018 1-nov-2018
Festa dell’Immacolata 8-dic-2018 8-dic-2018
Vacanze di Natale 24-dic-2018 6-gen-2019
VACANZE DI PASQUA 19-apr-2019 23-apr-2019
FESTA DELLA LIBERAZIONE 25-apr-2019 25-apr-2019
Festa del Santo Patrono 21-mag-2019 21-mag-2019
Festa della Repubblica 2-giu-2019 2-giu-2019
VACANZE ESTIVE 13-ago-2019 18-ago-2019

Calendario esami

Gli appelli d'esame sono gestiti dalla Unità Operativa Didattica e Studenti Giurisprudenza.
Per consultazione e iscrizione agli appelli d'esame visita il sistema ESSE3.
Per problemi inerenti allo smarrimento della password di accesso ai servizi on-line si prega di rivolgersi al supporto informatico della Scuola o al servizio recupero credenziali

Calendario esami

Per dubbi o domande leggi le risposte alle domande più frequenti F.A.Q. Iscrizione Esami

Docenti

B C F G L M N O P T

Butturini Daniele

daniele.butturini@univr.it +39 045 8028882

Cordiano Alessandra

alessandra.cordiano@univr.it +39 045 8028841

Flor Roberto

roberto.flor@univr.it +39 045 8028899

Gaudenzi Barbara

barbara.gaudenzi@univr.it 045 802 8623

Giusti Marco

marco.giusti@univr.it

Gottardi Donata

donata.gottardi@univr.it +39 045 8028866

Guaraldo Olivia

olivia.guaraldo@univr.it +39 045802 8066

Ligugnana Giovanna

giovanna.ligugnana@univr.it +39 045 8028892

Masotti Lucia

lucia.masotti@univr.it 0458028272

Milano Enrico

enrico.milano@univr.it +39 045 8028836

Nicolini Matteo

matteo.nicolini@univr.it +39 045 8028893

Omodei Sale' Riccardo

riccardo.omodeisale@univr.it 045 802 8855

Pasini Margherita

margherita.pasini@univr.it +39 045 802 8558

Polin Veronica

veronica.polin@univr.it 045 802 8267

Tincani Chiara

chiara.tincani@univr.it +39 045 8028896

Tronca Luigi

luigi.tronca@univr.it +39 045 8028075

Piano Didattico

Il piano didattico è l'elenco degli insegnamenti e delle altre attività formative che devono essere sostenute nel corso della propria carriera universitaria.
Selezionare il piano didattico in base all'anno accademico di iscrizione.

InsegnamentiCreditiTAFSSD
Un insegnamento a scelta
Un insegnamento a scelta
Prova finale
18
E
-

2° Anno

InsegnamentiCreditiTAFSSD
Un insegnamento a scelta
Un insegnamento a scelta
Prova finale
18
E
-
Insegnamenti Crediti TAF SSD
Tra gli anni: 1°- 2°
Tra gli anni: 1°- 2°
Ulteriori competenze linguistiche
6
F
-
Tra gli anni: 1°- 2°
Stage o project work
6
F
-

Legenda | Tipo Attività Formativa (TAF)

TAF (Tipologia Attività Formativa) Tutti gli insegnamenti e le attività sono classificate in diversi tipi di attività formativa, indicati da una lettera.




SStage e tirocini presso imprese, enti pubblici o privati, ordini professionali

Codice insegnamento

4S003634

Coordinatore

Enrico Milano

Crediti

6

Settore Scientifico Disciplinare (SSD)

IUS/13 - DIRITTO INTERNAZIONALE

Lingua di erogazione

Inglese en

Periodo

1° semestre (1A) - 2° anno dal 27-set-2018 al 10-nov-2018.

Obiettivi formativi

L’insegnamento tratterà i profili istituzionali e normativi relativi alla gestione dei disastri naturali e antropici da parte dell’Unione Europea, con particolare riferimento allo sviluppo nel corso degli anni di una politica europea in questo ambito. Il corso intende definire la nozione di disastro secondo gli atti normativi dell’Unione Europea e identificare quali siano i meccanismi preventivi e i sistemi di gestione e risposta che gli attori coinvolti devono adottare, ex ante ed ex post, al fine di rispondere il più efficacemente possibile alle esigenze peculiari di ciascun disastro. Si propone di formare lo studente alla piena comprensione delle funzioni e degli obiettivi dell’intervento dell’Unione Europea e della cornice giuridico-istituzionale all’interno della quale l’Unione e gli Stati membri operano. In linea con gli obiettivi formativi del corso di laurea per quanto concerne l’area di apprendimento giuridica, lo studente, anche all’interno del presente insegnamento, dovrà acquisire la capacità di comprendere il contesto giuridico, di individuare la normativa applicabile alle singole situazioni e di individuare le soluzioni applicative attraverso le corrette linee di ragionamento e argomentazione giuridica.
Ad eccezione della parte introduttiva, indispensabile in particolare per gli studenti di lauree triennali che non abbiano mai studiato il diritto dell’Unione Europea, il corso sarà organizzato in “blocchi tematici” settimanali di 6 ore, in cui gli studenti saranno invitati a partecipare attivamente alle lezioni, grazie alla distribuzione in anticipo di materiali didattici, anche attraverso la piattaforma di e-learning. Nell’ambito del programma di internazionalizzazione di Ateneo e dell’Erasmus Teaching, cinque delle sei settimane di docenza saranno tenute da esperti di università straniere (Prof. Mauro Gatti, Prof.ssa Erzsebet Csatlos), che affiancheranno il docente nell’attività didattica. Lingua di docenza del corso sarà l’inglese ed è quindi richiesta agli studenti una conoscenza adeguata della suddetta lingua.

Programma

L’insegnamento tratterà i profili istituzionali e normativi relativi alla gestione dei disastri naturali e antropici da parte dell’Unione Europea, con particolare riferimento allo sviluppo nel corso degli anni di una politica europea in questo ambito. Ad eccezione della parte introduttiva, indispensabile in particolare per gli studenti di lauree triennali che non abbiano mai studiato il diritto dell’Unione Europea, il corso sarà organizzato in “blocchi tematici” settimanali di 6 ore, in cui gli studenti saranno invitati a partecipare attivamente alle lezioni, grazie alla distribuzione in anticipo di materiali didattici, anche attraverso la piattaforma di e-learning. Nell’ambito del programma di internazionalizzazione di Ateneo e dell’Erasmus Teaching, cinque delle sei settimane di docenza saranno tenute da esperti di università straniere (Prof. Mauro Gatti, Prof.ssa Erzsebet Csatlos), che affiancheranno il docente nell’attività didattica. Lingua di docenza del corso sarà l’inglese ed è quindi richiesta agli studenti una conoscenza adeguata della suddetta lingua.

Dopo una prima settimana di richiamo dei principali profili istituzionali e normativi del diritto dell’Unione Europea, le lezioni saranno divise in cinque “blocchi” tematici. Ogni blocco affronterà un diverso aspetto della politica dell’UE in materia di gestione dei disastri.

Tema 1 – Il contesto della politica dell’UE sulla gestione dei disastri
Il primo gruppo di lezioni affronterà il contesto della politica europea, descrivendo lo sviluppo storico dei sistemi di gestione dei disastri a livello nazionale e mostrando in particolare l’emergere di un “ciclo” in quest’ambito, composto da quattro fasi: prevenzione, preparazione, risposta e recupero. L’attenzione si dirigerà poi alle iniziative di cooperazione internazionale emerse in questo settore durante il XX secolo, e renderà conto delle loro potenzialità, così come dei loro limiti. Infine, si discuterà dello sviluppo della politica dell’UE, presentando i principali strumenti giuridici in materia di gestione dei disastri.
Tema 2 – Prima del disastro: prevenzione e preparazione nel diritto dell’UE
Il secondo gruppo di lezioni si concentrerà sulle regole dell’UE riguardanti le attività che precedono i disastri. L’attenzione si focalizzerà dapprima sugli obblighi in materia di diritti umani in questo settore, previsti tanto dal diritto internazionale quanto da quello europeo. Si metterà poi in luce come l’intervento dell’Unione europea contribuisca ad adempiere a tali obblighi, con riferimento alla prevenzione, cioè l’insieme di attività volte a scongiurare i disastri, e alla preparazione, cioè l’organizzazione delle risorse di protezione civile.
Tema 3 – Durante il disastro: la politica europea di risposta alle calamità
Il terzo gruppo di lezioni affronterà la fase centrale della gestione dei disastri: la risposta, ovvero l’insieme di attività volte a proteggere persone e proprietà durante lo svolgimento della, o immediatamente di seguito alla, calamità. Le lezioni chiariranno gli obblighi in materia di diritti umani pertinenti alla risposta, e mostreranno il contributo dell’UE all’adempimento di tali obblighi, segnatamente con riferimento all’attivazione del Meccanismo unionale di protezione civile e all’intervento del Centro europeo di risposta alle emergenze.
Tema 4 – Dopo il disastro: le iniziative europee in materia di recupero
L’ultima fase gestione dei disastri – il recupero – copre le attività mese in opera dalle autorità pubbliche per tornare alle normali condizioni di vita. Le lezioni del quarto gruppo metteranno in luce i diritti umani rilevanti in questa fase e il contributo dell’Unione al loro adempimento, segnatamente con riferimento alle regole sugli aiuto di Stato e al Fondo europeo di solidarietà.
Tema 5 – L’assistenza consolare nel sistema dell’Unione Europea
A conclusione del corso, verranno presi in esame i meccanismi di assistenza consolare nei confronti di cittadini UE previsti dal diritto dell’Unione Europea, con particolare riferimento all’assistenza in caso di disastri naturali in Paesi terzi.

Modalità d'esame

Gli studenti frequentanti sosterranno una prova orale sul materiale didattico distribuito a lezione, articolata in una parte di conoscenza delle nozioni e in una parte di articolazione ed elaborazione critica delle tematiche affrontate a lezione.
Gli studenti non frequentanti sosterranno una prova d’esame orale sul materiale didattico reperibile sulla piattaforma di e-learning. Come per l’esame scritto, l’esame orale verterà sulla verifica dell’apprendimento delle nozioni di base e della capacità di elaborare in maniera critica un’analisi di problematiche concrete.

Materiale Didattico

Tipologia di Attività formativa D e F

Le attività che consentono l’acquisizione dei crediti riservati alle attività formative a libera scelta dello studente (TAF D) sono le seguenti:
• Un insegnamento attivato nei Corsi di studi afferenti al Dipartimento di Scienze Giuridiche;
• Un laboratorio didattico attivato nei Corsi di studi afferenti al Dipartimento di Scienze Giuridiche;
• Un insegnamento previsto dall’Offerta Formativa di Ateneo, non impartito nell’ambito dei corsi di studi afferenti al Dipartimento di Scienze Giuridiche: il riconoscimento dei crediti acquisiti sarà subordinato alla preventiva presentazione di coerenti programmi formativi valutati e approvati dal Collegio didattico.
• Attività formative organizzate dai singoli docenti del Collegio didattico o del Dipartimento di Scienze Giuridiche: previa approvazione del Collegio;
• Attività formative che implicano la partecipazione a convegni o seminari organizzati sotto il “logo” del Dipartimento di Scienze Giuridiche o dell’Ateneo: devono essere preventivamente approvate dal Collegio didattico indicando un docente di riferimento del Collegio didattico ovvero del Dipartimento di Scienze Giuridiche.
• Attività formative che implicano la partecipazione a convegni o seminari organizzati prive del “logo” del Dipartimento di Scienze Giuridiche o dell’Ateneo: devono essere approvate dal Collegio didattico indicando un docente di riferimento del Collegio didattico ovvero del Dipartimento di Scienze Giuridiche.

Le attività che consentono l’acquisizione dei crediti riservati alle ulteriori attività formative (TAF F) sono le seguenti:
• Ulteriori competenze linguistiche (6 cfu)
• Stage o Project Work (6 cfu)

Al link https://www.univr.it/it/i-nostri-servizi/segreterie-studenti/giurisprudenza#categdoc_7103 la modulistica per l'inserimento di attività non selezionabili in autonomia dallo studente in sede di compilazione del piano degli studi

Insegnamenti non ancora inseriti

Prospettive


Avvisi degli insegnamenti e del corso di studio

Per la comunità studentesca

Se sei già iscritta/o a un corso di studio, puoi consultare tutti gli avvisi relativi al tuo corso di studi nella tua area riservata MyUnivr.
In questo portale potrai visualizzare informazioni, risorse e servizi utili che riguardano la tua carriera universitaria (libretto online, gestione della carriera Esse3, corsi e-learning, email istituzionale, modulistica di segreteria, procedure amministrative, ecc.).
Entra in MyUnivr con le tue credenziali GIA.

Competenze linguistiche

I crediti previsti nel piano didattico tra le Ulteriori competenze linguistiche (Taf F) possono essere acquisiti:
I.Certificazione CLA: livello minimo richiesto b2 (completo)
Studente - Iscrizione presso il Centro Linguistico di Ateneo (CLA) per sostenimento prove + superamento prove + iscrizione in apposita lista per registrazione crediti 
Università - registrazione CFU (senza presenza)
I. Equipollenza di certificazioni linguistiche esterne: riconoscimento equipollenza di certificazioni linguistiche esterne (https://cla.univr.it/it/servizi/riconoscimento-delle-certificazioni-linguistiche-esterne)
III. Insegnamenti dedicati del CdS: Superamento dell’esame di uno degli insegnamenti di lingua straniera attivati nel CdS + registrazione CFU in presenza;

I dettagli delle diverse procedure sono disponibili al link https://www.univr.it/it/i-nostri-servizi/futuri-studenti/competenze-linguistiche

Tutorato per gli studenti

Il servizio tutorato è gestito da tutor selezionati da apposita Commissione costituita all'interno della struttura didattica (a cui il Corso di Studio afferisce).
Il Collegio didattico di Governance dell'emergenza ha nominato un docente di riferimento per facilitare l'attività dei tutor e per monitorarne l'attività.

I tutor, selezionati tra gli studenti del 1° e 2° anno offrono supporto e consulenza agli studenti, in particolare del primo anno. Vengono fornite indicazioni riguardanti l'inserimento nella vita universitaria, la partecipazione alle attività formative, la gestione dello studio, pur senza entrare nel contenuto dei singoli insegnamenti.

Gestione carriere


Tirocini e stage

Le attività di stage sono finalizzate a far acquisire allo studente una conoscenza diretta in settori di particolare interesse per l’inserimento nel mondo del lavoro e per l’acquisizione di abilità professionali specifiche.
Le attività di stage sono svolte sotto la diretta responsabilità di un singolo docente presso aziende nazionali ed estere accreditate presso l’Ateneo Veronese, nonché presso Pubbliche Amministrazioni, organizzazioni nazionali ed internazionali operanti nel terzo settore e nella gestione degli stati di crisi. Tali attività possono svolgersi anche nel contesto di corsi di laboratorio o seminariali organizzati sotto la diretta responsabilità di un docente o di un esperto del settore incaricato dal Collegio Didattico.
Per le modalità di verifica relative alle attività di stage, si rimanda al Regolamento di Ateneo per il riconoscimento dei crediti maturati. Le domande per il riconoscimento delle attività di stage, svolte esternamente all’Ateneo, vengono esaminate da apposita Commissione nominata dal Collegio Didattico.

Tutte le informazioni in merito agli stage sono reperibili al link https://www.univr.it/it/i-nostri-servizi/stage-e-tirocini.

Le attività di stage possono altresì essere svolte nella forma di project-work sotto la diretta responsabilità di un singolo docente o di un esperto del settore incaricato dal Collegio Didattico. Il Collegio didattico approva la richiesta da parte dello studente di effettuare il project-work.
Il Collegio didattico valuta e approva eventuali richieste presentate dagli studenti in merito allo svolgimento di attività, diverse dallo stage, finalizzate a far acquisire allo studente una conoscenza diretta in settori di particolare interesse per l’inserimento nel mondo del lavoro e per l’acquisizione di abilità professionali specifiche. 

La procedura di attivazione e svolgimento di un project-work prevede i seguenti adempimenti:
- Presentazione della richiesta all’U.O. Didattica e Studenti Giurisprudenza tramite Service Desk da sottoporre all'approvazione del Collegio Didattico;
- Comunicazione alla/allo studentessa/studente dell’avvenuta approvazione del progetto;
- Terminato il Project Work, compilazione dell’Attestato di Compiuto Project-work, a carico sia dal docente referente che della/dello studentessa/studente;
- Presentazione dell’Attestato Compiuto Project Work all’U.O. Didattica e Studenti Giurisprudenza tramite Service Desk per l’approvazione da parte del Collegio e il riconoscimento dei crediti nella carriera dello studente.

Al link https://www.univr.it/it/i-nostri-servizi/segreterie-studenti/giurisprudenza#categdoc_6274 è disponibile la modulistica necessaria.

Prova finale

La prova finale, cui sono attribuiti 18 CFU, consiste nella discussione di un elaborato prodotto sotto la guida di un relatore. La discussione della tesi avviene in presenza di una Commissione di Laurea composta da non meno di 5 docenti dell’Ateneo e alla presenza di un correlatore individuato dalla Commissione didattica su indicazione del relatore.

Alla prova finale potranno essere attribuiti non più di 10 punti su 110.

Lo studente potrà chiedere l’assegnazione di un argomento per la tesi dopo aver acquisito almeno 50 CFU del biennio.
Il titolo provvisorio dovrà essere depositato presso U.O. Didattica Studenti Giurisprudenza almeno sei mesi prima della sessione in cui è prevista la discussione.

Il Presidente del Collegio didattico nomina, almeno quindici giorni prima della discussione:
- un'apposita Commissione, composta di almeno cinque componenti e presieduta dal professore di ruolo di più alto grado accademico;
- un correlatore della tesi, su proposta del relatore, secondo quanto previsto dal Regolamento didattico di Ateneo.

Per le altre disposizioni, si rinvia espressamente al Regolamento Didattico di Ateneo e al Regolamento di Ateneo per gli Studenti. 

Al link https://www.univr.it/it/i-nostri-servizi/segreterie-studenti/giurisprudenza#categdoc_6885 sono disponibili gli adempimenti amministrativi richiesti e la modulistica.

Elenco delle proposte di tesi e stage

Proposte di tesi Area di ricerca
Analisi e riorganizzazione delle strutture comunitarie Argomenti vari
La social network analysis applicata allo studio dei contesti colpiti da eventi catastrofici Argomenti vari
L'intervento sociale in situazioni d'emergenza Argomenti vari
Politiche d'intervento in condizioni d'emergenza Argomenti vari
Terzo settore e gestione delle situazioni d'emergenza Argomenti vari

Ulteriori servizi

I servizi e le attività di orientamento sono pensati per fornire alle future matricole gli strumenti e le informazioni che consentano loro di compiere una scelta consapevole del corso di studi universitario.