Studying at the University of Verona

Here you can find information on the organisational aspects of the Programme, lecture timetables, learning activities and useful contact details for your time at the University, from enrolment to graduation.

A.A. 2018/2019

Academic calendar

The academic calendar shows the deadlines and scheduled events that are relevant to students, teaching and technical-administrative staff of the University. Public holidays and University closures are also indicated. The academic year normally begins on 1 October each year and ends on 30 September of the following year.

Academic calendar

Course calendar

The Academic Calendar sets out the degree programme lecture and exam timetables, as well as the relevant university closure dates..

Definition of lesson periods
Period From To
Sem. 1A Sep 24, 2018 Nov 10, 2018
Sem. 1B Nov 19, 2018 Jan 12, 2019
Sem. 2A Feb 18, 2019 Mar 30, 2019
Sem. 2B Apr 8, 2019 Jun 1, 2019
Exam sessions
Session From To
Sessione Invernale Jan 14, 2019 Feb 16, 2019
Sessione Estiva (Gli esami sono sospesi durante la Sessione di laurea) Jun 3, 2019 Jul 27, 2019
Sessione Autunnale Aug 26, 2019 Sep 21, 2019
Degree sessions
Session From To
Sessione Estiva Jul 8, 2019 Jul 13, 2019
Sessione Autunnale Nov 4, 2019 Nov 9, 2019
Sessione Invernale Mar 30, 2020 Apr 4, 2020
Holidays
Period From To
Festa di Ognissanti Nov 1, 2018 Nov 1, 2018
Festa dell’Immacolata Dec 8, 2018 Dec 8, 2018
Vacanze di Natale Dec 22, 2018 Jan 6, 2019
Vacanze di Pasqua Apr 19, 2019 Apr 23, 2019
Festa della liberazione Apr 25, 2019 Apr 25, 2019
Festa del lavoro May 1, 2019 May 1, 2019
Festa del Santo Patrono - S. Zeno May 21, 2019 May 21, 2019
Festa della Repubblica Jun 2, 2019 Jun 2, 2019
Vacanze Estive Aug 12, 2019 Aug 17, 2019

Exam calendar

Exam dates and rounds are managed by the relevant Humanistic Studies Teaching and Student Services Unit.
To view all the exam sessions available, please use the Exam dashboard on ESSE3.
If you forgot your login details or have problems logging in, please contact the relevant IT HelpDesk, or check the login details recovery web page.

Exam calendar

Should you have any doubts or questions, please check the Enrolment FAQs

Academic staff

A B C E G M N O P R S T Z

Annechini Claudia

claudia.annechini@univr.it

Bernini Lorenzo

lorenzo.bernini@univr.it +39 045 8028687

Buonopane Alfredo

alfredo.buonopane@univr.it +39 0458028120

Ciancio Luca

luca.ciancio@univr.it +39 045802 8122

Cusinato Guido

guido.cusinato@univr.it 045-802-8150

Erle Giorgio

giorgio.erle@univr.it +39 045802 8688

Guaraldo Olivia

olivia.guaraldo@univr.it +39 045802 8066

Macor Laura Anna

lauraanna.macor@univr.it 045 802 8686

Marcolungo Ferdinando Luigi

ferdinando.marcolungo@univr.it +39 045 802 8389

Moro Valentina

Valentina.Moro@univr.it +39 045 802 8370

Napolitano Linda

linda.napolitano@univr.it 045/8028431

Ophaelders Markus Georg

markus.ophalders@univr.it 045-8028732

Panattoni Riccardo

riccardo.panattoni@univr.it +39 045 802 8185

Piasere Leonardo

leonardo.piasere@univr.it +39 045 802 8619

Poggi Davide

davide.poggi@univr.it +39 045802 8361
Foto 11/18,  January 31, 2019

Pozzo Riccardo

riccardo.pozzo@univr.it +390458028053

Prandi Luisa

luisa.prandi@univr.it +39 045 802 8718

Righetti Nicola

nicola.righetti@univie.ac.at

Rossi Mariaclara

mariaclara.rossi@univr.it 045 802 8380

Solla Gianluca

gianluca.solla@univr.it 0458028667

Stavru Alessandro

alessandro.stavru@univr.it 045 8028143

Tommasi Wanda

wanda.tommasi@univr.it +39 045802 8094

Tuppini Tommaso

tommaso.tuppini@univr.it 045 802 8142

Zamboni Chiara

chiara.zamboni@univr.it +39 045802 8384

Study Plan

The Study Plan includes all modules, teaching and learning activities that each student will need to undertake during their time at the University. Please select your Study Plan based on your enrolment year.

ModulesCreditsTAFSSD
12
B
(M-FIL/03)
ModulesCreditsTAFSSD
2 modules among the following
6
C
(L-ANT/02)
6
C
(L-ANT/03)
Foreign language: B2 level if 1st language, B1 CB TEST, if 2nd language
6
F
-
Compulsory Traineeship
6
F
-
Final exam
18
E
-

1° Year

ModulesCreditsTAFSSD
12
B
(M-FIL/03)

2° Year

ModulesCreditsTAFSSD
2 modules among the following
6
C
(L-ANT/02)
6
C
(L-ANT/03)
Foreign language: B2 level if 1st language, B1 CB TEST, if 2nd language
6
F
-
Compulsory Traineeship
6
F
-
Final exam
18
E
-
Modules Credits TAF SSD
Between the years: 1°- 2°3 modules among the following
6
B
(M-FIL/03)
6
B
(M-FIL/01)
Between the years: 1°- 2°3 modules among the following
Between the years: 1°- 2°1 module among the following
Between the years: 1°- 2°

Legend | Type of training activity (TTA)

TAF (Type of Educational Activity) All courses and activities are classified into different types of educational activities, indicated by a letter.




SPlacements in companies, public or private institutions and professional associations

Teaching code

4S007344

Coordinatore

Laura Anna Macor

Credits

6

Scientific Disciplinary Sector (SSD)

M-FIL/06 - HISTORY OF PHILOSOPHY

Language

Italian

Period

Sem. 2B dal Apr 8, 2019 al Jun 1, 2019.

Learning outcomes

The course aims to foster a fruitful dialogue with the classics of German philosophy, focusing on a topic of crucial interest and enduring relevance. The learning objectives (whose attainment will be carefully checked and tested during the exam) comprise an ability to read and understand texts: students will be exposed to dialogue with some of the protagonists of German philosophical thought in the eighteenth and nineteenth centuries. They will sharpen their awareness of key terminology and, at the same time, increase their disposition to connect acquired knowledge with personal experience.

The anticipated learning objectives are as follows:
Knowledge:
1) Knowledge and understanding of classical German philosophy and its major exponents;
2) Knowledge and understanding of some of the most important texts of classical German philosophy;
3) Knowledge and understanding of the German philosophical lexicon developed between the eighteenth and the nineteenth centuries.
-Skills:
1) Applying acquired knowledge and understanding to the reading of and commentary on philosophical texts belonging to the classical German tradition, possibly in the original or at least with some reference to it; this should be demonstrated by the possession of an appropriate vocabulary and the ability to identify interpretative problems and suggest possible solutions;
2) Applying acquired knowledge and understanding to the translation of the key words of classical German philosophy, which are often intrinsically polysemous;
3) Making autonomous judgments and engaging in independent reasoning;
4) Developing communication skills in the following areas: participating in guided discussions, explaining ideas and defending these through argument, and possibly delivering short presentations in class;
5) Enacting autonomous learning skills through the development of an appropriate methodology of study and interpretation of texts;
6) Developing the ability to connect study outcomes with personal experience with regard to the specific subject of the course, wherein particular attention will be paid to ability to differentiate between historical circumstances and contexts.

Program

-Prerequisites:
Knowledge of early-modern philosophy at B.A. level. The linguistic considerations of the classes do not presuppose knowledge of German; all necessary information for a full understanding of the concepts and key words arising during the course will be provided in the teaching.



-Course Content:
The vocation of man between Enlightenment and Idealism.

The course will centre on the history of a key word of classical German philosophy, which at the same time expresses an existential interrogation of a-temporal validity: the “vocation of man” (Bestimmung des Menschen). The urgency of the need to understand “whence” human life comes, but also and most importantly, “towards which final goal” it is directed, represents one of philosophy’s major challenges, and it is no coincidence that German intellectuals between Enlightenment and Idealism made it one of their main theoretical interests.

The course will consist of three parts, each devoted to a specific phase in the history of the concept being discussed:

1) Introduction of the concept “vocation of man” into the German lexicon and thought by Johann Joachim Spalding (1748): religious genesis, innovative potential from a theological perspective, polysemy and concomitant translation issues;
2) Controversy between Thomas Abbt and Moses Mendelssohn (1764-1767) and its legacy in Immanuel Kant: ethics and the philosophy of history;
3) Johann Gottlieb Fichte: the vocation of man in society and the role of the intellectual.



-Teaching Methods:
The course will successively involve lectures, discussions guided by the professor and short papers given by students. Students’ presentations are not mandatory, though strongly recommended in order to demonstrate attainment of both knowledge and skills outlined in the "Further Learning Objectives". Possible themes for papers will be offered in class, but students are equally invited to make their own pertinent suggestions: indeed, the ability to identify and explore new perspectives relating to the subject of the course represents a further, important step in the process of acquiring the anticipated skills.



-Mandatory Reading*:

1) J. J. Spalding, La vocazione dell’uomo, ed. by L. Balbiani and G. Landolfi Petrone, Bompiani, Milano 2011;

2) Learning materials distributed in class and/or published on e-learning;

3) J. G. Fichte, Missione del dotto, ed. by D. Fusaro, Postfazione by M. Ivaldo, Bompiani, Milano 2013;

4) L. A. Macor, Destinazione, missione, vocazione: “un’espressione pura per la pura idea filosofica di Bestimmung des Menschen”, in Rivista di storia della filosofia 70 (2015), 1, 163–201;

5) One of the following texts: M. Mendelssohn, Fedone. Sull’immortalità dell’anima, ed. by F. Tomasoni, Morcelliana, Brescia 2009; J. G. Fichte, La destinazione dell’uomo, transl. by R. Cantoni, ed. by C. Cesa, Laterza, Roma – Bari 2001.

* Students delivering a paper are exempt from 5).



-Learning Materials:

Additional learning materials, which will form part of the mandatory reading, will be distributed during the class and/or published on e-learning.

Bibliografia

Reference texts
Author Title Publishing house Year ISBN Notes
L. A. Macor Destinazione, missione, vocazione: “un’espressione pura per la pura idea filosofica di Bestimmung des Menschen” 2015 in "Rivista di storia della filosofia", 70 (2015), 1, 163–201.
M. Mendelssohn Fedone. Sull'immortalità dell'anima Morcelliana 2009
J. G. Fichte La destinazione dell'uomo Laterza 2001
J. J. Spalding La vocazione dell'uomo Bompiani 2011
J. G. Fichte Missione del dotto Bompiani 2013

Examination Methods

Oral exam + optional presentation in class.

The exam aims to assess the attainment of the course’s twofold (further) learning objectives (knowledge/understanding and skills), and this will be addressed as follows: 1) reading of and commenting on a philosophical text from among those discussed in class: students will have to demonstrate knowledge of the genesis of the text, ability to establish connections with other texts dealt with in class, and, finally, acquisition of a robust methodology for analysing texts and reflecting on their theoretical implications; 2) discussion of the linguistic features of the concept Bestimmung des Menschen and the concomitant issues involved in translating it: students will have to demonstrate understanding of the major challenges connected with the polysemy of the German term Bestimmung, and formulate their own position in this regard; 3) introduction and discussion of one of the two texts indicated in 5) of the Mandatory Reading: students will have to demonstrate capacity to introduce the relevant work in a systematic manner and contextualize it within the history of the concept; in doing this, they will have to demonstrate mastery of the lexicon and theoretical maturity.
Each part of the exam has equal weighting, i.e., a third of the final mark. Students who have presented an optional short paper will be exempt from part 3) of the exam, because both part 3) and the oral presentation relate to proficiency in the same skill, i.e. learning autonomy. The paper’s assessment will contribute a third of the final total.
No distinction will be made between attending and non-attending students. However, non-attending students are requested to contact the professor in order to receive the additional learning materials distributed in class.

Type D and Type F activities

Modules not yet included

Career prospects


Module/Programme news

News for students

There you will find information, resources and services useful during your time at the University (Student’s exam record, your study plan on ESSE3, Distance Learning courses, university email account, office forms, administrative procedures, etc.). You can log into MyUnivr with your GIA login details.

Graduation

Attachments

List of theses and work experience proposals

theses proposals Research area
Linguaggio e mito in Tolkien ENGLISH LITERATURE - Critical Theory & Poetics
Dialettica del negativo in Meister Eckhart HISTORY OF PHILOSOPHY - MIDDLE AGES
La felicità nel Medioevo HISTORY OF PHILOSOPHY - MIDDLE AGES
Le figure di Eva e Maria in Ildegarda di Bingen HISTORY OF PHILOSOPHY - MIDDLE AGES
IA. Una critica fenomenologica al concetto di Intelligenza Artificiale The Human Mind and Its Complexity: Cognitive science, psychology, linguistics, philosophy of mind - Philosophy of science, epistemology and logic

Activities

This web page aims to publicise, in a direct and targeted way, the activities (conferences, seminars, books presentations, etc.) promoted by the Master's Degree in Philosophical Sciences of the UniVr or pertaining to the same, in so far as they are linked to the themes and the teachers of the two-year Master's Degree.

Student mentoring


Internships


Practical information for students


Stage e Tirocini

LINEE GUIDA TIROCINIO CURRICOLARE
CdS LM IN SCIENZE FILOSOFICHE (LM 78)
PER STUDENTI IMMATRICOLATE/I A PARTIRE DALL’A.A. 2018-2019
(NUOVO ORDINAMENTO DI SCIENZE FILOSOFICHE)
 
Documento redatto dalla Commissione Tirocini:
Prof. Davide Poggi: presidente della Commissione e referente del CdS LM in Scienze Filosofiche;
Prof.ssa Laura Anna Macor: componente e Referente alla Mobilità internazionale per i CdS di area filosofica;
Prof. Alessandro Stavru, componente con funzione di segretario verbalizzante.

LINEE GUIDA “TRADIZIONALI” DEL TIROCINIO CURRICOLARE
 
  • OBIETTIVI FORMATIVI
 
L’obiettivo del Tirocinio obbligatorio è quello di:
  1. stimolare in vivo la capacità di valutazione autonoma e critica delle/degli studenti;
  2. favorire l’applicazione degli strumenti teoretici e metodologici e l’attualizzazione delle teorie etiche, politiche ed estetiche apprese nel biennio magistrale (anche e soprattutto in maniera interdisciplinare);
  3. declinare le competenze acquisite durante il percorso di studi (learning) nei vari contesti extra-accademici in cui le/gli studenti si troveranno a operare (experience), facendo di questi ultimi una preziosa fonte di arricchimento delle prime (experiential learning).
Vengono così incentivate, nel quadro generale di una maggior professionalizzazione della/del laureata/o in Scienze Filosofiche:
  1. l’acquisizione e il perfezionamento della capacità di allacciare e gestire collaborazioni con contesti lavorativi e/o fondazioni/istituzioni culturali del territorio e, conseguentemente,
  2. la capacità di gestire le dinamiche socio-comunicative in contesti lavorativi.
Ne deriverà altresì una maggior coscienza critica, da parte della/o studente, delle Risorse del Territorio, delle relative esigenze e degli strumenti connessi con il proprio ruolo/professione.
 
 
  • MODALITÀ DI SVOLGIMENTO
 
Le/gli studenti iscritti alla Magistrale in Scienze Filosofiche (LM 78), nel corso del secondo anno del biennio formativo (come previsto dal piano didattico), possono svolgere il proprio tirocinio curricolare di almeno 150 ore pari a 6 cfu di tipo F,[1] secondo le seguenti modalità:
 
  1. MODALITÀ TRADIZIONALE
 
La/lo studente individua un Ente accreditato (o da accreditare, vedi il documento pdf Procedura Attivazione Stage disponibile online al seguente URL, cui si rimanda per tutta la documentazione necessaria: https://www.univr.it/it/i-nostri-servizi/servizi-per-aziende/stage-e-tirocini/spazio-stage-aziende-per-studenti), entro cui diventa possibile svolgere il proprio tirocinio curricolare sulla base della disponibilità dell’Ente e, nel caso in cui questa sussista, di un progetto formativo concordato fra Ente e Università (per la verifica delle possibilità già esistenti, si segua il percorso: Sito Docente ® Verbali Esami ® Tirocini ® Opportunità e Aziende).
Ci dovrà essere un referente interno all’ente ospitante (chiamato Tutor aziendale) e una/un referente interna/o all’Università (una/un docente afferente al Corso di Studi di appartenenza, chiamato Tutor accademico). Vi possono essere variazioni di orario od altro rispetto a quanto inizialmente concordato e sottoscritto (da comunicare secondo le modalità indicate nel documento pdf: Guida per la gestione dello stage/tirocinio reperibile online all’URL: https://www.univr.it/it/i-nostri-servizi/servizi-per-aziende/stage-e-tirocini/spazio-stage-aziende-per-studenti).
Tale tirocinio ha diversi obiettivi, che, espressi nella sezione Obiettivi Formativi della SUA del CdS LM in Scienze Filosofiche, si possono così compendiare:
  1. permettere alla/o studente di entrare in contatto con un ambiente lavorativo strutturato nel quale sono presenti ruoli e mansioni;
  2. riflettere criticamente sull’esperienza stessa;
  3. applicare quanto appreso nelle aule universitarie e sviluppare competenze di diverso tipo, a partire dalle specifiche e concrete esigenze che i diversi contesti richiedono.
 
A tal fine, l’esperienza di tirocinio va accompagnata e monitorata per mezzo di:
  1. strumenti somministrati durante e/o successivamente all’esperienza stessa (questionario di qualità dell’esperienza di tirocinio);
  2. colloqui periodici con il Tutor studentesco che il CdS seleziona e mette a disposizione delle/degli studenti per il loro accompagnamento in itinere: tra le varie funzioni appartenenti al ruolo del Tutor studentesco vi è quello di “intermediario” tra studenti tirocinanti e Commissione Tirocini; in assenza del Tutor studentesco, il riferimento dei colloqui periodici è costituito dal Tutor accademico con cui la/lo studente ha elaborato il proprio progetto formativo e pianificato l’attività di tirocinio curricolare;
  3. la compilazione, da parte del/la tirocinante, di un “diario di bordo” (da consegnare poi, alla fine del percorso di tirocinio, al Tutor accademico e alla Commissione Tirocini), che consente al/alla studente una costante riflessione sulla propria esperienza, costituendo la base per la stesura della relazione scritta finale (di cui al punto successivo) e, eventualmente, qualora appaia utile ed opportuno, della tesi magistrale;
  4. una relazione scritta che, solitamente al termine del tirocinio, viene consegnata al Tutor accademico, dando forma unitaria e sistematica alle esperienze raccolte nel “diario di bordo”: tale relazione (di max 20.000 battute; carattere: Times New Roman; dimensioni carattere: 12 pt.; interlinea: 1,5; testo giustificato) deve illustrare l’obiettivo del tirocinio (il progetto formativo eventualmente concordato con l’Ente), la coerenza tra quest’ultimo e le attività svolte, che cosa si ritiene di aver appreso, punti di forza e aree di miglioramento del tirocinio stesso (così che ogni relazione costituisca un feedback volto all’implementazione dell’attività formativa del tirocinio curricolare e delle relazioni tra Università ed Ente).
 
La conclusione del tirocinio avviene secondo quanto indicato nel documento pdf: Guida per la gestione dello stage/tirocinio reperibile online all’URL: https://www.univr.it/it/i-nostri-servizi/servizi-per-aziende/stage-e-tirocini/spazio-stage-aziende-per-studenti).
 
 
  1. TIROCINIO ALL’ESTERO
Il tirocinio potrà essere svolto anche all'estero, nel contesto dei programmi di incentivazione dell'internazionalizzazione del CdS in Scienze Filosofiche. 
Tale tipologia di tirocinio consiste: 
 
 
a) nel cosiddetto "Erasmus+ Tirocinio", che offre alle/agli studenti l'opportunità di effettuare un'esperienza di tirocinio all'estero presso aziende/imprese pubbliche o private, università, centri di ricerca, organizzazioni no-profit, scuole di ogni ordine e grado con sede in Europa, usufruendo di una borsa di studio a sostegno delle spese di mobilità. 
L'Ufficio Mobilità internazionale, in collaborazione con l'Ufficio Stage e Tirocini, si occupa della pubblicazione del bando di selezione annuale "a sportello", generalmente con più di una finestra temporale per la presentazione delle domande, e della gestione amministrativa dei programmi (stipula di accordi bilaterali, contatti con l'Agenzia Nazionale Erasmus+, gestione fondi). Vi è ampia flessibilità nella scelta della sede ove svolgere il tirocinio: la/o stessa/o studente può infatti individuare in autonomia la sede che meglio si adatta alle esigenze formative e professionalizzanti per la sua attività di tirocinio. Il bando, insieme a tutta la documentazione necessaria alla conoscenza del programma e alla presentazione delle candidature, è disponibile, in versione aggiornata di anno in anno, al link: https://www.univr.it/it/i-nostri-servizi/internazionalizzazione/studiare-all-estero-international-students/erasmus-e-altre-esperienze-all-estero
Possono partecipare solo le/gli iscritte/i a tempo pieno e in regola con le tasse. Si ricorda alle/agli studenti che anche tale tipologia di Tirocinio va effettuata secondo la tempistica prevista dal piano di studi, ossia nel corso del secondo anno del biennio magistrale. Tale tirocinio (presso Aziende, Fondazioni culturali, Centri di ricerca e Università) ha una durata che va da un minimo di 2 mesi a un massimo, variabile a seconda del bando, di 3-5 mesi e può essere considerato – dietro parere del Collegio didattico – "mobilità per ricerca tesi". I CFU minimi da accreditare al rientro sono 4 per ciascun mese di mobilità. A seconda del numero dei CFU acquisiti, il loro riconoscimento potrà essere totale o parziale;   
 
b) nel Programma di tirocinio del Ministero Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (MAECI) promosso dalla Fondazione CRUI, che permette alle/agli studenti iscritte/i a Corsi di Laurea Magistrale e Magistrale a ciclo unico di partecipare alla selezione per lo svolgimento di tirocini curriculari presso Ambasciate, Rappresentanze permanenti presso le OO.II., Consolati e Istituti italiani di Cultura (IIC) in tutto il mondo, acquisendo una conoscenza diretta e concreta delle attività istituzionali svolte dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (MAECI). Nello specifico, le/gli studenti di LM-78 in Scienze Filosofiche possono accedere al bando per tirocini in IIC. I tirocini prevedono una durata di tre mesi e sono prorogabili di un ulteriore mese, d’intesa tra la Sede ospitante, la/il tirocinante e l’Università di provenienza della/o studente. I tirocini comportano il riconoscimento di almeno 1 credito formativo universitario (CFU) per ciascun mese di attività effettiva, ferma restando la valutazione del periodo formativo di competenza degli Atenei di riferimento. Nel caso specifico del Tirocinio curricolare per la LM in Scienze Filosofiche, il Collegio Didattico di Filosofia ha approvato il riconoscimento dei 6 CFU richiesti per il tirocinio curricolare. Le relative informazioni sono disponibili al link: https://www.univr.it/it/i-nostri-servizi/servizi-per-aziende/stage-e-tirocini/programmi-di-stage-all-estero-aziende#categdoc_1509.

 

  1. CASI PARTICOLARI (studenti lavoratrici/lavoratori e altro)
 
A fronte del fatto che la Laurea Magistrale in Scienze Filosofiche annovera studenti che hanno esperienze/rapporti di tipo lavorativo già in corso, La Commissione Tirocini si riserva di esaminare la situazione di ogni studente che si appresti ad avviare il proprio tirocinio formativo, così da studiare le soluzioni più adeguate ai singoli casi. Tra le soluzioni possibili che la Commissione ha studiato per la/lo studente che voglia/debba conciliare la propria attività lavorativa con il tirocinio curricolare, vi sono:
  1. il Project Work: la/lo studente, in accordo con il Tutor accademico e l’Ente presso il quale lavora, redige un progetto, interno alla propria azienda, finalizzato all’applicazione delle competenze acquisite durante il proprio percorso formativo filosofico. Tale Project work è svolto essenzialmente da casa e riguarda l’ambiente lavorativo della/o studente (a titolo esemplificativo, può trattarsi di implementare qualche processo o buona pratica relativi al proprio ambiente di lavoro, di implementare un servizio sperimentale, elaborare un'analisi particolare, etc.). La compilazione, da parte della/o studente-lavoratrice/lavoratore tirocinante, di un “diario di bordo” (con dettaglio delle ore dedicate al progetto, da consegnare, alla fine del percorso di tirocinio, al Tutor accademico e alla Commissione Tirocini) e di una relazione scritta (di minimo 40.000 battute e max 60.000 battute – carattere: Times New Roman; dimensioni carattere: 12 pt.; interlinea: 1,5; testo giustificato – da consegnare al Tutor accademico e alla Commissione Tirocini al termine del Project Work) mostreranno l’eventuale raggiungimento dell’obiettivo che la/lo studente si era preposta/o e la coerenza tra quest’ultimo e le attività svolte e saranno oggetto di valutazione ai fini dell’assegnazione dei 6 CFU obbligatori;
  2. l’attivazione del percorso di tirocinio nell'azienda stessa nella quale la/lo studente lavora. Questa soluzione è possibile per coloro che effettuano un lavoro in modalità part time (o altre tipologie analoghe). L’attivazione segue la normale procedura di attivazione del tirocinio, ma nel rispetto delle seguenti regole: il tirocinio deve essere distinto dall'orario lavorativo (la non sovrapponibilità dei due ruoli è connessa a problemi di carattere assicurativo e di controllo ispettivo) e deve portare a termine un progetto che esuli dalla normale attività lavorativa per la quale la/lo studente-lavoratrice/lavoratore è già formata/o. Si tratta quindi di ricoprire una mansione diversa, oppure, mantenendo la stessa mansione, di assumere un ruolo differente. La compilazione, da parte della/o studente-lavoratrice/lavoratore tirocinante, di un “diario di bordo” (con dettaglio delle ore dedicate al progetto, da consegnare, alla fine del percorso di tirocinio, al Tutor accademico e alla Commissione Tirocini) e di una relazione scritta (di max 20.000 battute – carattere: Times New Roman; dimensioni carattere: 12 pt.; interlinea: 1,5; testo giustificato – da consegnare anch’essa al Tutor accademico e alla Commissione Tirocini) evidenzierà l’eventuale raggiungimento dell’obiettivo che la/lo studente si era prefissata/o e la coerenza tra quest’ultimo e le attività svolte. Il “diario di bordo” e la relazione scritta saranno oggetto di valutazione ai fini dell’assegnazione dei 6 CFU obbligatori.
 
Altri casi che debordino dalle situazioni precedentemente descritte e normate saranno discussi dalla Commissione Tirocini, la quale terrà conto di eventuali esigenze specifiche delle/degli studenti interessate/i e provvederà a studiare con loro soluzioni ad hoc e a sottoporle all’approvazione del Collegio Didattico di Filosofia.
 
  • MODALITÀ DI INFORMAZIONE/DIFFUSIONE/PUBBLICIZZAZIONE
 
Parte essenziale del tirocinio curricolare è l’incentivazione dell’iniziativa personale e della proattività delle/degli studenti, le/i quali saranno così chiamate/i, in base alle proprie inclinazioni e ai propri interessi, a costruire/stringere una rete di legami con il Territorio (nelle sue più ampie determinazioni: area geografica di provenienza, altre regioni, contesto nazionale), sia attingendo alla banca dati di Ateneo (nella quale sono presenti oltre 12.500 Enti già accreditati per i tirocini), sia proponendo a sua volta nuovi accreditamenti.
Al fine di rendere consapevole le/gli studenti di queste possibilità d’azione/scelta, nonché delle norme generali riguardanti l’attività di tirocinio più in generale, la Commissione Tirocini, avvalendosi della collaborazione dell’Ufficio Stage-Tirocini dell’Ateneo e del Tutor studentesco della Laurea Magistrale, organizzerà incontri informativi nel contesto degli insegnamenti obbligatori (o, in alternativa, all’interno degli insegnamenti che risultano maggiormente frequentati) in entrambi i semestri di ogni anno accademico, ritenendo questa soluzione la più adeguata per raggiungere il maggior numero di studenti possibile relativamente a coloro che, di volta in volta, sono iscritte/i al primo anno della LM e a coloro che si apprestano a iniziare il secondo e ultimo anno.
 
[1] Fatto salvo il monte ore minimo (150), si ha sempre la possibilità di gestire liberamente la durata della propria esperienza di tirocinio, estendendola e vedendosi riconosciuti i corrispondenti CFU in esubero o fuori piano, oppure in ambito D (senza che essi possano fare media). Tale riconoscimento in ambito D è possibile, da Regolamento di Ateneo, senza limitazioni (quindi per l'intero ammontare dei CFU previsti in questo ambito). La richiesta di prolungamento dell’attività di tirocinio (in special modo se connessa al riconoscimento dei relativi CFU in ambito D) deve tuttavia essere sostenuta da adeguate motivazioni (che ne esplicitino e argomentino l’importanza ai fini del raggiungimento o del perfezionamento del progetto formativo legato al tirocinio), motivazioni che il Tutor accademico incaricato di seguire la/lo studente tirocinante si riserva di esaminare e valutare congiuntamente alla Commissione Tirocini.

Per altre informazioni in merito alle procedure per svolgere il tirocinio, è possibile contattare l'Ufficio Stage e Tirocini.

Gestione carriere


Linguistic training CLA


Further services

I servizi e le attività di orientamento sono pensati per fornire alle future matricole gli strumenti e le informazioni che consentano loro di compiere una scelta consapevole del corso di studi universitario.