Studiare

In questa sezione è possibile reperire le informazioni riguardanti l'organizzazione pratica del corso, lo svolgimento delle attività didattiche, le opportunità formative e i contatti utili durante tutto il percorso di studi, fino al conseguimento del titolo finale.

Calendario accademico

Il calendario accademico riporta le scadenze, gli adempimenti e i periodi rilevanti per la componente studentesca, personale docente e personale dell'Università. Sono inoltre indicate le festività e le chiusure ufficiali dell'Ateneo.
L’anno accademico inizia il 1° ottobre e termina il 30 settembre dell'anno successivo.

Calendario accademico

Calendario didattico

Il calendario didattico indica i periodi di svolgimento delle attività formative, di sessioni d'esami, di laurea e di chiusura per le festività.

Per l'anno 2019/2020 Nessun calendario ancora disponibile

Calendario esami

Gli appelli d'esame sono gestiti dalla Unità Operativa Segreteria Corsi di Studio Medicina.
Per consultazione e iscrizione agli appelli d'esame visita il sistema ESSE3.
Per problemi inerenti allo smarrimento della password di accesso ai servizi on-line si prega di rivolgersi al supporto informatico della Scuola o al servizio recupero credenziali

Calendario esami

Per dubbi o domande leggi le risposte alle domande più frequenti F.A.Q. Iscrizione Esami

Docenti

A B C D F G H K L M O P R S T V W Z

Accordini Simone

simone.accordini@univr.it +39 045 8027657

Berenzi Paolo

paoloberenzi@gmail.com 0471416220

Bertini Giuseppe

giuseppe.bertini@univr.it 045-802-7682

Cavada Maria Luisa

luisa.cavada@claudiana.bz.it 0471/442620

Cicoira Mariantonietta

mariantonietta.cicoira@univr.it +39 045 812 7720

Fabene Paolo

paolo.fabene@univr.it 0458027267

Fava Cristiano

cristiano.fava@univr.it +39 045 8124732

Fumagalli Guido Francesco

guido.fumagalli@univr.it 045 802 7605 (dipartimento)

Gajofatto Alberto

alberto.gajofatto@univr.it +39 0458124768

Landuzzi Maria Gabriella

mariagabriella.landuzzi@univr.it +39 045 802 8547

Liziero Luciano

luciano.liziero@univr.it 0429788181/85

Mazzariol Annarita

annarita.mazzariol@univr.it 045 8027690

Pancheri Loredana

info@loredanapancheri.it 0461264569

Pezzani Maria Diletta

mariadiletta.pezzani@univr.it 0458127933

Pilotto Sara

sara.pilotto@univr.it +390458128124

Polettini Aldo Eliano

aldo.polettini@univr.it 3337475432

Rossi Barbara

barbara.rossi@univr.it 045 8027222

Tardivo Stefano

stefano.tardivo@univr.it +39 045 802 7660

Valer Luisa

luisa.valer@claudiana.bz.it

Piano Didattico

Il piano didattico è l'elenco degli insegnamenti e delle altre attività formative che devono essere sostenute nel corso della propria carriera universitaria.
Selezionare il piano didattico in base all'anno accademico di iscrizione.

InsegnamentiCreditiTAFSSD
8
B
MED/09 ,MED/13 ,MED/26 ,MED/34 ,MED/45
6
B/C
MED/18 ,MED/33 ,MED/41 ,MED/45
8
B
MED/06 ,MED/09 ,MED/10 ,MED/11 ,MED/17 ,MED/45

2° Anno

InsegnamentiCreditiTAFSSD
8
B
MED/09 ,MED/13 ,MED/26 ,MED/34 ,MED/45
6
B/C
MED/18 ,MED/33 ,MED/41 ,MED/45
8
B
MED/06 ,MED/09 ,MED/10 ,MED/11 ,MED/17 ,MED/45

Legenda | Tipo Attività Formativa (TAF)

TAF (Tipologia Attività Formativa) Tutti gli insegnamenti e le attività sono classificate in diversi tipi di attività formativa, indicati da una lettera.




SStage e tirocini presso imprese, enti pubblici o privati, ordini professionali

Codice insegnamento

4S000109

Docente

Eva Aurich

Crediti

2

Lingua di erogazione

Italiano

Settore Scientifico Disciplinare (SSD)

MED/45 - SCIENZE INFERMIERISTICHE GENERALI, CLINICHE E PEDIATRICHE

Periodo

INF BZ 2° ANNO 2° SEM dal 11-mar-2021 al 30-apr-2021.

Per visualizzare la struttura dell'insegnamento a cui questo modulo appartiene, consultare:  organizzazione dell'insegnamento

Obiettivi formativi

- citare almeno 3 aspetti del perché le malattie croniche sono di importanza epidemiologica e sociale.
- nominare le diverse caratteristiche delle malattie croniche.
- possono descrivere con le loro parole perché le malattie croniche hanno un "carattere complesso".
- forniscono esempi delle 3 principali aree di lavoro secondo Corbin & Strauss: Malattia, vita quotidiana e lavoro biografico (coping work).
- descrivono il concetto di curva di progressione della malattia (traiettoria) e nominare i suoi aspetti.
- descrivono l'utilità delle traiettorie di malattia per le porfessioni sanitarie.
- nominano i fattori di rischio che possono portare alla perdita di autonomia durante l'ospedalizzazione.
- nominano gli aspetti di un approccio di cura riabilitativa.
- descrivono, con esempi, cosa comporta l'autogestione nella malattia cronica.
- indicano le priorità educative per promuovere l'autogestione.
- possono spiegare perché la cura continua è importante per le persone con malattie croniche.
- conoscono i passi importanti da fare durante la dimissione e nominano i fattori che dovrebbero essere presi in considerazione nella pianificazione della dimissione.
- descrivono situazioni che caratterizzano uno dimissione complessa.
- motivano l'importanza dell'educazione per la continuità delle cure.
- spiegano gli elementi del Chronic Care Model usando un'illustrazione.
-conoscono le fasi della deglutizione.
- conoscono i segni diretti e indiretti di un disturbo della deglutizione.
- conosconole cause di un disturbo della deglutizione.
- conoscono le conseguenze di un disturbo della deglutizione.
- conoscono gli strumenti di screening infermieristico e l'identificazione della disfagia nei pazienti neurologici.
- conoscono gli strumenti di screening infermieristico e l'identificazione della disfagia nella disfagia in età avanzata - presby(dys)phagia.
- conoscono approcci di trattamento adattivi, compensativi e riparativi.
- nominano la differenza tra assistenza informale e formale.
- spiegano almeno 4 criticità per i caregiver (Cargiver Burden).
- nominano le sfide specifiche per chi si prende cura delle persone affette da demenza.
- conoscono i pericoli associati all'ospedalizzazione delle persone con demenza.
- descrivono i sintomi della demenza, il loro decorso e gli effetti sui diversi aspetti della vita.
- descrivono come fare un'anamnesi delle persone con demenza e conoscere i dati importanti che vengono raccolte.
- nominano almeno 4 obiettivi della cura delle persone con demenza.
- descrivono quali abilità sono promosse nella formazione della memoria, conoscere l'area di applicazione e gli esempi di implementazione.
- nominano gli obiettivi della ROT, sapere quando viene usata e darne le ragioni.
- descrivono come vengono raccolti i dati biografici nella terapia della memoria per la demenza e come questo può influenzare la progettazione delle relazioni e la cura delle persone con demenza.
- motivano perché il metodo di validazione e nominano i principi di base.
- descrivono l' accertamento del dolore nelle persone con demenza in diverse fasi e conoscere esempi di come viene raccolto.
- Descrivono misure per favorire l' alimentazione e l' assunzione di liquidi nelle persone con demenza.
- descrivono la valutazione e la gestione dei disturbi di comportamento utilizzando il modello DICE.
- descrivono gli interventi per le persone con demenza secondo il Modello PLST.
- nominano i principi della comunicazione con le persone affette da demenza e sanno quali tipi di comunicazione dovrebbero essere evitati.
- valutano i fattori di rischio (vulnerabilità e nocività) per il delirio.
- conoscono gli approcci di gestione del delirio e sanno citare esempi.
- conoscono e motivano i dati raccolti durante il contatto con i pazienti con diabete mellito.
- nominano i fattori di rischio o le cause che portano a una deviazione del livello di glucosio nel sangue.
- spiegano i processi fisiopatologici associati alle complicazioni acute del diabete mellito.
- conoscono i segni di avvertimento/sintomi precoci e i sintomi neuroglicopenici associati all'ipoglicemia.
- sanno che cos'è un disturbo di percezione dell'ipoglicemia e il pericolo associato ad esso.
- conoscono le cause e le misure (adattate alla condizione) dell'ipoglicemia.
- distinguano la chetoacidosi diabetica e il coma iperosmolare, conoscere i segni e i sintomi, motivano le correlazioni fisiopatologiche e conoscono le misure da adottare.
- conoscono le basi di una corretta misurazione della glicemia.
- conoscono le diverse possibilità di terapie orali, le forme di somministrazione e gli importanti effetti collaterali osservabili.
- conoscono l'inizio e la durata dell'azione delle diverse insuline.
- conoscono la differenza tra una terapia insulinica intensificata ICT e la terapia insulinica convenzionale CT.
- nominano i fattori esterni che influenzano l'effetto dell'insulina.
- conoscono le basi della corretta somministrazione e conservazione dell'insulina.
- sanno cos'è la lipodistrofia e conoscere le misure per prevenirla.
- descrivono la fisiopatologia della sindrome del piede diabetico, conoscono i fattori di rischio, nominano i dati che vengono raccolti durante il controllo della sindrome del piede diabetico
- conoscono i contenuti educativi per la cura del piede nelle persone con diabete mellito
- conoscono l'obiettivo di promuovere la competenza di auto-cura nelle persone con diabete mellito e nominano momenti importanti di educazione
- nominano raccomandazioni dietetiche per le persone con diabete mellito
- gmotivano l'importanza dello sport e dell'esercizio fisico per le persone con diabete mellito
- conoscono la definizione di caduta secondo l'OMS (2007).
- conoscono e identificano i fattori di rischio legati alla persona e all'ambiente per una caduta.
- descrivono con parole proprie la spirale negativa della paura di cadere.
- nominano e descrivono le misure adeguate per ridurre i fattori di rischio per le cadute.
- conoscono i fattori di rischio modificabili e non modificabili per l'ictus ischemico.
- conoscono le misure da prendere pre-clinicamente in caso di sospetto ictus cerebri.
- descrivono i componenti della cura clinica acuta in caso di Ictus Cerebri.
- descrivono il monitoraggio nella fase acuta e le sue particolarità nei pazienti con Ictus cerebri, motivano i singoli componenti del monitoraggio.
- nominano raccomandazioni per il trattamento e la prevenzione delle complicazioni nella fase acuta e post-acuta secondo SPREAD (2016).
- descrivono la causa della spasticità dopo l'ictus e conoscere i fattori negativi che influenzano la sua comparsa e possono adattare le loro azioni di conseguenza.
- descrivono i principi del concetto di Bobath.
- motivano la progettazione della stanza per i pazienti dopo l'ictus (secondo Bobath).
- descrivono le misure che si osservano nella cura dei pazienti con neglect.
- descrivono le misure che si osservano nella cura dei pazienti con la sindrome del pusher.
- distinguono tra afasia motoria, sensoriale, amnestica e globale.
- conoscono i principi della comunicazione e della gestione delle persone con disturbi del linguaggio.
- conoscono la causa delle complicazioni dolorose alla spalla e all'anca e conoscere le misure per prevenirle.
- nominano i sintomi della malattia di Parkinson
- descrivono gli effetti dei sintomi della malattia di Parkinson sul deficit di auto-cura e sulla qualità della vita.
- conoscono i punti principali dell' accertamento nei pazienti con malattia di Parkinson.
- motivano l'importanza di mantenere una routine quotidiana strutturata per le persone con M. Parkinson.
- descrivono gli aspetti della terapia con la L-Dopa e motivare questi aspetti nella preparazione, nella somministrazione e nel monitoraggio della terapia.
- nominano diversi fattori per rendere l'ambiente sicuro per le persone con M. Parkinson e per facilitare la routine quotidiana.
- conoscono le misure per promuovere il movimento e sanno descriverle.

Programma

Principi della presa in carico della persona con malattia cronico degenerativa:
- promuovere l'autonomia e l'indipendenza del paziente e ridurre il rischio di disabilità
- promuovere l’autogestione della malattia ‐garantire continuità delle cure: transizioni, dimissione, riconciliazione trattamenti
- comprendere la traiettoria di malattia

Effetti dell’ospedalizzazione nella cronicità e strategie per evitare la “sindrome da ospedalizzazione”
Problematiche della persona anziana e/o con patologie cronico degenerative:
- Disfagia: valutazione e gestione
- Rischio di caduta: fattori di rischio e misure di prevenzione
- Stato cognitivo e disturbi cognitivi: valutazione e gestione del deficit di memoria, deficit di linguaggio, deficit di percezione
- Stato confusionale e delirium
- Caregiving e burden del cargiver
- Comunicazione con l’anziano senza o con deterioramento cognitivo: ageismo e elderspeak

Stroke
- Assessment e protocollo nelle prime24 ore
- Assessment e approccio riabilitativo-educativo nella fase post-acuta con particolare attenzione alla mobilizzazione precoce, agli esiti collegabili alla disabilità e ai bisogni della famiglia
Diabete mellito
- La triade educativa: trattamento farmacologico-insulinico, dieta e nutrizione e attività fisica
- Comportamenti di autocura delle complicanze acute: ipoglicemia e iperglicemia
- Situazioni acute che richiedono intervento integrato-Interventi per la prevenzione delle complicanze croniche
Parkinson e Alzheimer
- Assessment, definizione ed espressioni delle principali manifestazioni cliniche;
- Problemi e cluster di sintomi durante nella traiettoria di malattia dalla fase pre-clinica alla fase avanzata di malattia
- Approccio educativo –assistenziale/riabilitativo e palliativo nelle varie fasi di malattia -Bisogni della famiglia e caregiving

Testi di riferimento
Autore Titolo Casa editrice Anno ISBN Note
Georg Thieme Verlag KG. I care Pflege (Edizione 2) Georg Thieme Verlag KG. 2020
Saiani L, Brugnolli A Trattato di Medicina e infermieristica. Un approccio di cure integrate 2017

Modalità d'esame

Esame scritto: Domande Multiple Choice e domande aperte

Bibliografia

Prospettive


Avvisi degli insegnamenti e del corso di studio

Per la comunità studentesca

Se sei già iscritta/o a un corso di studio, puoi consultare tutti gli avvisi relativi al tuo corso di studi nella tua area riservata MyUnivr.
In questo portale potrai visualizzare informazioni, risorse e servizi utili che riguardano la tua carriera universitaria (libretto online, gestione della carriera Esse3, corsi e-learning, email istituzionale, modulistica di segreteria, procedure amministrative, ecc.).
Entra in MyUnivr con le tue credenziali GIA.

Ulteriori servizi

I servizi e le attività di orientamento sono pensati per fornire alle future matricole gli strumenti e le informazioni che consentano loro di compiere una scelta consapevole del corso di studi universitario.


Prova Finale

Per essere ammessi alla prova finale occorre avere conseguito tutti i crediti nelle attività formative previste dal piano degli studi, compresi quelli relativi all’attività di tirocinio. Alla preparazione della tesi sono assegnati 7 CFU.
La prova è organizzata, con decreto del Ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca di concerto con il Ministro del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali, in due sessioni definite a livello nazionale.
La prova finale, con valore di esame di Stato abilitante, si compone di:

  • una prova pratica che consiste in un elaborato scritto strutturato, semi-strutturata o con domande aperte su casi/situazioni esemplificative della pratica professionale. La prova deve comprendere una selezione di quesiti di problem solving e di quesiti sulla presa di decisione nelle aree di competenza infermieristica.
  • La redazione di un elaborato di tesi e sua dissertazione.

 
Le due diverse componenti della prova finale devono concorrere in egual misura alla determinazione del voto finale. In caso di valutazione insufficiente della prova pratica l’esame si interrompe e si ritiene non superato. La prova finale viene sospesa e va ripetuta interamente in una seduta successiva.
Il punteggio finale di Laurea è espresso in centodecimi con eventuale lode. Esso viene formato sommando la media ponderata dei voti conseguiti negli esami di profitto, rapportata a 110, con il punteggio ottenuto nella prova pratica (6 punti) e nella discussione della Tesi (parimenti fino ad un massimo di 6 punti)
La Commissione di Laurea potrà attribuire ulteriori punti anche in base a: presenza di eventuali lodi ottenute negli esami sostenuti; partecipazione progetto Erasmus fino a 1 punto aggiuntivo; laurea entro i termini della durata normale del corso 1 punto
Lo studente avrà la supervisione di un docente del Corso di Laurea, detto Relatore, ed eventuali correlatori anche esterni al Corso di Laurea.
Scopo della tesi è quello di impegnare lo studente in un lavoro di formalizzazione, progettazione e di ricerca, che contribuisca sostanzialmente al completamento della sua formazione professionale e scientifica. Il contenuto della tesi deve essere inerente a tematiche o discipline strettamente correlate al profilo professionale.
La valutazione della tesi sarà basata sui seguenti criteri: livello di approfondimento del lavoro svolto, contributo critico del laureando, accuratezza della metodologia adottata per lo sviluppo della tematica.
È prevista la possibilità per lo studente di redigere l'elaborato in lingua inglese.
La scadenza per la presentazione della domanda di laurea e relativa documentazione, verrà indicata negli avvisi dello specifico Corso di Laurea


Guida ai programmi degli insegnamenti

Guida ai programmi degli insegnamenti

Allegati

Titolo Info File
Doc_Univr_pdf Guida ai programmi degli insegnamenti 1598 KB, 08/11/21 
Doc_Univr_pdf Guida ai programmi degli insegnamenti - inglese 1310 KB, 02/09/21 

Gestione carriere


Linee guida per riconoscimento cfu

Lo studente che intende chiedere il riconoscimento di moduli o insegnamenti pregressi dovrà presentare domanda, entro il 30 novembre dell’anno accademico in corso, seguendo le indicazioni indicate al link seguente: https://www.univr.it/it/i-nostri-servizi/segreterie-studenti/gestione-carriere-studenti-medicina-e-chirurgia/riconoscimento-crediti-acquisiti-da-una-carriera-pregressa-medicina

Allegati

Titolo Info File
Doc_Univr_pdf linee guida per riconoscimento cfu 295 KB, 09/11/21 

Orario lezioni

Carissime Studentesse,

Carissimi Studenti,

di seguito un promemoria relativo alle modalità di erogazione della didattica per il corso di studio A.A. 2021-2022 in Infermieristica (triennale) e Scienze Infermieristiche ed Ostetriche (LM).

Il 29 giugno 2021 il Senato Accademico ed il Consiglio di Amministrazione hanno approvato le Linee guida per l’erogazione della didattica dei corsi di studio A.A. 2021-2022, che prevedono il graduale ritorno all’erogazione della didattica in presenza (previa verifica GREEN PASS) affiancato da organizzazione logistica, modalità̀, metodologie e tecnologie didattiche già̀ adottate dallo scorso anno.

In considerazione della peculiarità del corso professionalizzante, che prevede la presenza obbligatoria sia per le lezioni frontali che numerosi laboratori pratici in presenza, si ricorda che non sarà possibile ottenere la frequenza richiesta solamente con la frequenza streaming o tramite lezioni registrate. La gestione delle presenze in aula/streaming verrà quindi garantita dai coordinatori, in un piano di presenze che dovrà essere seguito dallo studente.

Nei giorni in cui i coordinatori proporranno allo studente la frequenza in streaming si sottolinea l’importanza di avere il video acceso ed una postura ed un abbigliamento consono alla lezione universitaria. In mancanza di questi elementi, la frequenza non verrà conteggiata.  La registrazione della lezione non potrà considerarsi come sostitutiva ma come elemento di supporto didattico. Non varrà quindi come frequenza.

Sperando che, anche grazie all’importantissima campagna vaccinale in corso, si possa tornare quanto prima ad una situazione pre-COVID-19, vi auguro buon lavoro!

In fede

Prof. Paolo F Fabene


Area riservata studenti