Studiare

In questa sezione è possibile reperire le informazioni riguardanti l'organizzazione pratica del corso, lo svolgimento delle attività didattiche, le opportunità formative e i contatti utili durante tutto il percorso di studi, fino al conseguimento del titolo finale.

A.A. 2016/2017

Calendario accademico

Il calendario accademico riporta le scadenze, gli adempimenti e i periodi rilevanti per la componente studentesca, personale docente e personale dell'Università. Sono inoltre indicate le festività e le chiusure ufficiali dell'Ateneo.
L’anno accademico inizia il 1° ottobre e termina il 30 settembre dell'anno successivo.

Calendario accademico

Calendario didattico

Il calendario didattico indica i periodi di svolgimento delle attività formative, di sessioni d'esami, di laurea e di chiusura per le festività.

Definizione dei periodi di lezione
Periodo Dal Al
FISIO VI 2^ ANNO - 1^ SEMESTRE 3-ott-2016 18-nov-2016
FISIO VI 3^ ANNO - 1^ SEMESTRE 3-ott-2016 11-nov-2016
FISIO VI 1^ ANNO - 1^ SEMESTRE 10-ott-2016 21-dic-2016
FISIO VI 3^ ANNO - 2^ SEMESTRE 27-feb-2017 12-apr-2017
FISIO VI 2^ ANNO - 2^ SEMESTRE 27-feb-2017 28-apr-2017
FISIO VI 1^ ANNO - 2^ SEMESTRE 6-mar-2017 12-mag-2017
Sessioni degli esami
Sessione Dal Al
FISIO VI SESSIONE INVERNALE 2 e 3 ANNO 19-dic-2016 27-gen-2017
FISIO VI SESSIONE INVERNALE 1 ANNO 9-gen-2017 3-feb-2017
FISIO VI SESSIONE ESTIVA 3-lug-2017 28-lug-2017
FISIO VI SESSIONE AUTUNNALE 4-set-2017 29-set-2017
Sessioni di lauree
Sessione Dal Al
FISIO SESSIONE AUTUNNALE 1-nov-2017 30-nov-2017
FISIO SESSIONE PRIMAVERILE 1-mar-2018 31-mar-2018
Vacanze
Periodo Dal Al
Festa di Ognissanti 1-nov-2016 1-nov-2016
Festa dell'Immacolata 8-dic-2016 8-dic-2016
Vacanze Natalizie 23-dic-2016 7-gen-2017
Vacanze Pasquali 14-apr-2017 18-apr-2017
Festa della Liberazione 25-apr-2017 25-apr-2017
Festa dei Lavoratori 1-mag-2017 1-mag-2017
Festa della Repubblica 2-giu-2017 2-giu-2017
Vacanze Estive 14-ago-2017 19-ago-2017
FESTA DEL SANTO PATRONO Vicenza 8-set-2017 8-set-2017
Altri Periodi
Descrizione Periodo Dal Al
FISIO VI 3^ anno - 1^semestre (1° esperienza) FISIO VI 3^ anno - 1^semestre (1° esperienza) 14-nov-2016 16-dic-2016
FISIO VI 2^ anno - 1^semestre (1° esperienza) FISIO VI 2^ anno - 1^semestre (1° esperienza) 21-nov-2016 16-dic-2016
FISIO VI 3^ anno - 1^semestre (2° esperienza) FISIO VI 3^ anno - 1^semestre (2° esperienza) 30-gen-2017 24-feb-2017
FISIO VI 2^ anno - 1^semestre (2° esperienza) FISIO VI 2^ anno - 1^semestre (2° esperienza) 30-gen-2017 24-feb-2017
FISIO VI 1^ anno - 1^semestre FISIO VI 1^ anno - 1^semestre 6-feb-2017 3-mar-2017
FISIO VI 3^ anno - 2^semestre FISIO VI 3^ anno - 2^semestre 19-apr-2017 23-giu-2017
FISIO VI 2^ anno - 2^semestre FISIO VI 2^ anno - 2^semestre 2-mag-2017 23-giu-2017
FISIO VI 1^ anno - 2^semestre FISIO VI 1^ anno - 2^semestre 15-mag-2017 23-giu-2017

Calendario esami

Gli appelli d'esame sono gestiti dalla Unità Operativa Didattica e Studenti Medicina.
Per consultazione e iscrizione agli appelli d'esame visita il sistema ESSE3.
Per problemi inerenti allo smarrimento della password di accesso ai servizi on-line si prega di rivolgersi al supporto informatico della Scuola o al servizio recupero credenziali

Calendario esami

Per dubbi o domande leggi le risposte alle domande più frequenti F.A.Q. Iscrizione Esami

Docenti

B C D E F G L M N P R S T Z

Bettale Fernanda

fernanda.bettale@ulssvicenza.it 0444 753218

Bombieri Cristina

cristina.bombieri@univr.it 045-8027209

Bortolotti Federica

federica.bortolotti@univr.it 045 8124618

Cantalupo Gaetano

gaetano.cantalupo@univr.it +39 045 812 7123

Cecchetto Simone

simone.cek@libero.it 0444/431354

Cecchin Enrica

enrica.cecchin@aulss8.veneto.it 0444753218

Cerruto Maria Angela

mariaangela.cerruto@univr.it +39 045 812 7728

Cuzzolin Laura

laura.cuzzolin@univr.it 0458027609

Della Libera Chiara

chiara.dellalibera@univr.it +39 0458027219

De Marchi Sergio

sergio.demarchi@univr.it +39 045 8126813-4

Domenicali Chiara

Eccher Claudio

cleccher@fbk.eu 0461 314161

Fumene Feruglio Paolo

paolo.fumeneferuglio@univr.it +39 0458027680

Gabbrielli Armando

armando.gabbrielli@univr.it +39 045 812 4153

Galie' Mirco

mirco.galie@univr.it +39.045.8027681

Giacomuzzi Renata

Goracci Giada

giada.goracci@univr.it giada.goracci@libero.it

Gotte Giovanni

giovanni.gotte@univr.it 0458027694

Locatelli Francesca

francesca.locatelli@univr.it 045 8027655

Mansueto Giancarlo

giancarlo.mansueto@univr.it 0458124301

Mariotti Raffaella

raffaella.mariotti@univr.it 0458027164

Mazzariol Annarita

annarita.mazzariol@univr.it 045 8027690

Moro Valentina

Valentina.Moro@univr.it +39 045 802 8370

Nai Fovino Federica

fnajf@yahoo.it 0444/753603

Negrin Rolando

segreteria.pneumo@ulssvicenza.it 0444/753634

Pavan Silvana

pavan.silvana@ulss4.veneto.it

Pilotto Franco

francopilotto@libero.it 049/5594050

Princivalle Andrea

andrea.princivalle@univr.it 045 8124805

Prior Manlio

manlio.prior@univr.it +39 045 812 6812

Ramondo Angelo Bruno

Randon Fabio Mario

Rigoni Sergio

Sergiorigoni@hotmail.com 0424604326

Rizzello Carla

carizzello@libero.it 0445 599757

Rossini Maurizio

maurizio.rossini@univr.it +39 045 8124049

Sartori Riccardo

riccardo.sartori@univr.it +39 045 802 8140

Scapin Mario

Scarton Cinzia

Scuma' Cristina

cristina.scuma@univr.it 045 8027240

Sorio Claudio

claudio.sorio@univr.it 045 8027688

Tamburin Stefano

stefano.tamburin@univr.it +39 0458124285 (segreteria)

Tardivo Stefano

stefano.tardivo@univr.it +39 045 802 7660

Tinazzi Michele

michele.tinazzi@univr.it +39 045 8122601

Piano Didattico

Il piano didattico è l'elenco degli insegnamenti e delle altre attività formative che devono essere sostenute nel corso della propria carriera universitaria.
Selezionare il piano didattico in base all'anno accademico di iscrizione.

InsegnamentiCreditiTAFSSD
7
A/B
(BIO/16 ,BIO/17 ,MED/48)
6
A/B
(BIO/09 ,MED/48)
6
A/B
(BIO/09 ,M-PSI/01)
1
F
(INF/01)
3
E/F
(L-LIN/12)
5
A/B
(M-DEA/01 ,MED/36 ,MED/42 ,MED/48)
5
A/B
(MED/34 ,MED/48 ,M-PED/01)
8
A/B
(BIO/10 ,BIO/13 ,FIS/07 ,MED/01)
InsegnamentiCreditiTAFSSD
6
B
(MED/26 ,MED/27)
4
A/B
(BIO/14 ,MED/05 ,MED/07)
4
B
(MED/48 ,MED/50 ,M-PSI/02)
9
B
(MED/16 ,MED/33 ,MED/34 ,MED/48)
5
B
(MED/38 ,MED/39 ,MED/48)

1° Anno

InsegnamentiCreditiTAFSSD
7
A/B
(BIO/16 ,BIO/17 ,MED/48)
6
A/B
(BIO/09 ,MED/48)
6
A/B
(BIO/09 ,M-PSI/01)
1
F
(INF/01)
3
E/F
(L-LIN/12)
5
A/B
(M-DEA/01 ,MED/36 ,MED/42 ,MED/48)
5
A/B
(MED/34 ,MED/48 ,M-PED/01)
8
A/B
(BIO/10 ,BIO/13 ,FIS/07 ,MED/01)

2° Anno

InsegnamentiCreditiTAFSSD
6
B
(MED/26 ,MED/27)
4
A/B
(BIO/14 ,MED/05 ,MED/07)
4
B
(MED/48 ,MED/50 ,M-PSI/02)
9
B
(MED/16 ,MED/33 ,MED/34 ,MED/48)
5
B
(MED/38 ,MED/39 ,MED/48)

Legenda | Tipo Attività Formativa (TAF)

TAF (Tipologia Attività Formativa) Tutti gli insegnamenti e le attività sono classificate in diversi tipi di attività formativa, indicati da una lettera.




SStage e tirocini presso imprese, enti pubblici o privati, ordini professionali

Codice insegnamento

4S01546

Coordinatore

Fernanda Bettale

Crediti

20

Settore Scientifico Disciplinare (SSD)

MED/48 - SCIENZE INFERMIERISTICHE E TECNICHE NEURO-PSICHIATRICHE E RIABILITATIVE

Lingua di erogazione

Italiano

Periodo

FISIO VI 2^ anno - 2^semestre dal 2-mag-2017 al 23-giu-2017.

Obiettivi formativi

1. Interpretare i dati clinici del paziente:
a) Raccogliere i dati anamnestici e clinici del paziente
b) Scegliere ed interpretare gli esami strumentali pertinenti

2. Eseguire una valutazione clinica funzionale del paziente:
a) Selezionare strumenti di misurazione validati
b) Applicare gli strumenti di misurazione selezionati

3. Identificare l’ipotesi diagnostica più verosimile:
a) Individuare le cause specifiche
b) Formulare più ipotesi diagnostiche funzionali

4. Individuare la correlazione fra Impairments, Disabilities e Partecipations (menomazione, disabilità, partecipazione sociale) (ICF):
a) Valutare il grado di autonomia nelle attività della vita quotidiana
b) Mettere in relazione quanto la menomazione condiziona l’autonomia funzionale
c) Mettere in relazione quanto la menomazione condiziona l’attività lavorativa
d) Mettere in relazione quanto la menomazione condiziona l’interazione sociale

5. Identificare le problematiche funzionali:
a) Mettere in relazione gli elementi emersi dalla valutazione con i parametri di normalità
b) Identificare gli elementi che determinano l’alterazione del movimento

6. Formulare gli obiettivi fisioterapici:
a) Identificare i problemi prioritari
b) Rilevare le aspettative del paziente
c) Rispettare il tempo disponibile

7. Pianificare interventi di natura preventiva, fisioterapica, educativa, palliativa coerenti con il ragionamento clinico definito:
a) UTILIZZARE LE CONOSCENZE PER MOTIVARE LA SCELTA DELL’AZIONE TERAPEUTICA (II° SEMESTRE)
b) Identificare le risorse necessarie per attuare la proposta terapeutica, predisporre il setting e preparare la persona
c) Collaborare nel promuovere l’assistenza alla persona prima, durante e dopo la proposta fisioterapica
d) RICONOSCERE I PRINCIPI DI UNA PROPOSTA FISIOTERAPICA (II° SEMESTRE)
e) SVILUPPARE CAPACITÀ CREATIVA NELLA PROPOSTA FISIOTERAPICA (II° SEMESTRE)

8. Svolgere attività di ricerca e di approfondimento su argomento specifico:
a) Individuare aspetti riabilitativi significativi per un confronto della realtà clinica con l’evidenza scientifica
b) Leggere e analizzare criticamente la letteratura scientifica

9. Realizzare l’intervento fisioterapico in fase acuta, post-acuta e degli esiti:
a) Adottare le modalità ergonomiche per il paziente e il fisioterapista al fine di attuare il trattamento fisioterapico in sicurezza
b) Conoscere le proposte operative-fisioterapiche
c) Dimostrare competenze gestuali che consentano di attuare le proposte operative-fisioterapiche
d) IDENTIFICARE E PROPORRE AL PAZIENTE ATTIVITÀ COERENTI CON LE PROBLEMATICHE INDIVIDUATE (II° SEMESTRE)
e) CONOSCERE LA TIPOLOGIA DELLE ORTESI E DEGLI AUSILI, LE LORO INDICAZIONI E L’ADDESTRAMENTO ALL’USO DEGLI STESSI (II° SEMESTRE)

10. Documentare il percorso fisioterapico del paziente:
a) Compilare la cartella fisioterapica didattica ispirata ai principi ICF

11. Assistere la persona nel rispetto delle norme vigenti e del Codice Deontologico:
a) Assicurare e tutelare la riservatezza delle informazioni relative alla persona
b) Agire riconoscendo i limiti delle proprie conoscenze e competenze
c) Diffondere i risultati, all’interno dell’equipe, in merito agli approfondimenti relativi ad un problema evidenziato

12. Relazionarsi con la persona assistita, con i familiari e con i membri dell’équipe mettendo in atto comportamenti finalizzati alla relazione di aiuto:
a) Riconoscere le persone di riferimento per l’assistito
b) Utilizzare tecniche di ascolto attivo nella relazione con paziente, caregiver ed équipe
c) Collaborare con l’équipe e partecipare in modo integrato alla realizzazione del progetto riabilitativo del paziente
d) Rispettare la puntualità ed avere cura della propria persona

AREA RIABILITATIVA ORTOPEDICA
OBIETTIVI SPECIFICI
1. Eseguire ed interpretare i risultati della valutazione di:
 dolore
 range articolare
 lunghezza, trofismo, forza e resistenza muscolare
 sensibilità
 dismorfismi e deviazioni sui diversi piani
2. Eseguire la valutazione delle alterazioni funzionali nella deambulazione, nel raggiungimento-prensione e negli altri gesti
3. Interpretare i compensi messi in atto dal paziente
4. Proporre attività finalizzate a:
 recupero articolare
 recupero della forza muscolare
 contenimento del dolore
 recupero dell’organizzazione del gesto
 interazione dei diversi sistemi funzionali
5. Proporre attività per il recupero della funzione lesa tenendo conto delle eventuali linee guida aggiornate

AREA NEUROLOGICA
OBIETTIVI SPECIFICI
1. Valutare lo stato di coscienza e le funzioni cognitive del paziente individuandone le eventuali alterazioni
2. Valutare la sensibilità, il tono muscolare, i riflessi, il reclutamento muscolare del paziente individuandone eventuali alterazioni nella funzione motoria e sensitiva
3. Identificare e classificare le alterazioni di movimento in base all’esame clinico funzionale
4. Valutare l’autonomia del paziente nei passaggi posturali
5. Individuare le alterazioni delle funzioni viscerali del paziente e situazione di comorbilità come possibili variabili da considerare nella proposta fisioterapica (II° SEMESTRE)
6. Attuare interventi di prevenzione delle complicanze (rigidità articolari, lesioni cutanee, alterazione del tono muscolare)
7. Proporre attività finalizzate al recupero di: (II° SEMESTRE)
 funzioni cognitive
 sensibilità
 reclutamento muscolare
 funzionalità del tronco
 deambulazione
 manipolazione
8. Proporre attività per il recupero della funzione lesa tenendo conto delle eventuali linee guida aggiornate (II° SEMESTRE)

Programma

A conclusione delle Lezioni frontali, delle Sessioni tutoriali, delle Esercitazioni/simulazioni e del Laboratorio professionale del 1° semestre lo studente farà due esperienze pratiche di 8 settimane complessive in strutture di degenza e/o ambulatoriali con pazienti adulti con patologia ortopedica.
A conclusione delle Lezioni frontali, delle Sessioni tutoriali, delle Esercitazioni/simulazioni e del Laboratorio professionale del 2° semestre lo studente farà due esperienze pratiche di 8 settimane complessive in strutture di degenza, con pazienti adulti con patologia neurologica.

Bibliografia

Testi di riferimento
Autore Titolo Casa editrice Anno ISBN Note
ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITA' ICF Classificazione Internazionale del Funzionamento della Disabilità e della Salute Erickson 2001 92 4 154542 9
A.I.FI. Linee Guida per la formazione del fisioterapista MASSON 2003 8821427226

Modalità d'esame

Il raggiungimento delle competenze richieste per il passaggio all’anno successivo viene valutato da una Commissione composta dal Coordinatore e da almeno due docenti (MED/48) e si articola in una prova scritta e una prova pratica.
Nella prova scritta si valuterà la capacità dello studente di individuare in un paziente (caso clinico su carta) le menomazioni strutturali e funzionali, le limitazioni delle attività e restrizione alla partecipazione in relazione a fattori ambientali e personali (ICF). Inoltre si valuterà la capacità dello studente di condurre un ragionamento clinico per ipotizzare una diagnosi funzionale, individuare i problemi fisioterapici, definire gli obiettivi e individuare alcune condotte terapeutiche.
Nella prova pratica, con paziente simulato con patologia ortopedica e neurologica, lo studente dovrà dimostrare di aver acquisito le competenze tecniche e gestuali e quelle relazionali e comunicative in relazione agli obiettivi di anno.

Tipologia di Attività formativa D e F

Insegnamenti non ancora inseriti

Prospettive


Avvisi degli insegnamenti e del corso di studio

Per la comunità studentesca

Se sei già iscritta/o a un corso di studio, puoi consultare tutti gli avvisi relativi al tuo corso di studi nella tua area riservata MyUnivr.
In questo portale potrai visualizzare informazioni, risorse e servizi utili che riguardano la tua carriera universitaria (libretto online, gestione della carriera Esse3, corsi e-learning, email istituzionale, modulistica di segreteria, procedure amministrative, ecc.).
Entra in MyUnivr con le tue credenziali GIA.

Gestione carriere


Prova Finale

Per essere ammessi alla prova finale occorre avere conseguito tutti i crediti nelle attività formative previste dal piano degli studi, compresi quelli relativi all’attività di tirocinio. Alla preparazione della tesi sono assegnati 7 CFU. La prova è organizzata, con decreto del Ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca di concerto con il Ministro del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali, in due sessioni definite a livello nazionale. La prova finale, con valore di esame di Stato abilitante, si compone di: - una prova pratica nel corso della quale lo studente deve dimostrare di aver acquisito le conoscenze e abilità teorico-pratiche e tecnico-operative proprie dello specifico profilo professionale; - redazione dell’elaborato di una tesi e sua dissertazione. Lo studente avrà la supervisione di un docente del Corso di Laurea, detto Relatore, ed eventuali correlatori anche esterni al Corso di Laurea. Scopo della tesi è quello di impegnare lo studente in un lavoro di formalizzazione, progettazione e di ricerca, che contribuisca sostanzialmente al completamento della sua formazione professionale e scientifica. Il contenuto della tesi deve essere inerente a tematiche o discipline strettamente correlate al profilo professionale. La valutazione della tesi sarà basata sui seguenti criteri: livello di approfondimento del lavoro svolto, contributo critico del laureando, accuratezza della metodologia adottata per lo sviluppo della tematica. Il punteggio finale di Laurea è espresso in cento/decimi con eventuale lode e viene formato, a partire dalla media ponderata rapportata a 110 dei voti conseguiti negli esami di profitto, dalla somma delle valutazioni ottenute nella prova pratica (fino ad un massimo di 5 punti) e nella discussione della Tesi (fino ad un massimo di 5 punti). In caso di valutazione insufficiente alla prova pratica, l’esame si interromperà e si riterrà non superato. La prova finale verrà quindi sospesa e dovrà essere interamente in una delle sessioni successive. La commissione di Laurea potrà attribuire ulteriori punti in base a: -presenza di eventuali lodi ottenute negli esami sostenuti; -partecipazione ai programmi Erasmus prevede 2 punti aggiuntivi; È prevista la possibilità per lo studente di redigere l'elaborato in lingua inglese. La scadenza per la presentazione della domanda di laurea e relativa documentazione, verrà indicata negli avvisi dello specifico Corso di laurea. Commissioni decreto e specifiche sul numero componenti

Ulteriori servizi

I servizi e le attività di orientamento sono pensati per fornire alle future matricole gli strumenti e le informazioni che consentano loro di compiere una scelta consapevole del corso di studi universitario.