Studiare

In questa sezione è possibile reperire le informazioni riguardanti l'organizzazione pratica del corso, lo svolgimento delle attività didattiche, le opportunità formative e i contatti utili durante tutto il percorso di studi, fino al conseguimento del titolo finale.

A.A. 2019/2020

Calendario accademico

Il calendario accademico riporta le scadenze, gli adempimenti e i periodi rilevanti per la componente studentesca, personale docente e personale dell'Università. Sono inoltre indicate le festività e le chiusure ufficiali dell'Ateneo.
L’anno accademico inizia il 1° ottobre e termina il 30 settembre dell'anno successivo.

Calendario accademico

Calendario didattico

Il calendario didattico indica i periodi di svolgimento delle attività formative, di sessioni d'esami, di laurea e di chiusura per le festività.

Anno accademico:
Definizione dei periodi di lezione
Periodo Dal Al
I semestre - sede TN 16-set-2019 20-dic-2019
Sem 1A 23-set-2019 31-ott-2019
Sem 1B 11-nov-2019 11-gen-2020
Sem 2A 17-feb-2020 28-mar-2020
II semestre - sede TN 17-feb-2020 29-mag-2020
Sem 2B 6-apr-2020 30-mag-2020
Sessioni degli esami
Sessione Dal Al
Sessione d'esame invernale 13-gen-2020 15-feb-2020
Sessione d'esame estiva (gli esami sono sospesi durante la sessione di laurea) 3-giu-2020 25-lug-2020
Sessione d'esame autunnale 24-ago-2020 19-set-2020
Sessioni di lauree
Sessione Dal Al
Sessione di laurea estiva 6-lug-2020 11-lug-2020
Sessione di laurea autunnale 19-20 2-nov-2020 7-nov-2020
Vacanze
Periodo Dal Al
Festa di Ognissanti 1-nov-2019 1-nov-2019
Sospensione delle lezioni 2-nov-2019 2-nov-2019
Festa dell'Immacolata 8-dic-2019 8-dic-2019
Vacanze di Natale 23-dic-2019 6-gen-2020
Vacanze di Pasqua 10-apr-2020 14-apr-2020
Festa della Liberazione 25-apr-2020 25-apr-2020
Festa del Lavoro 1-mag-2020 1-mag-2020
Sospensione delle lezioni 2-mag-2020 2-mag-2020
Festa del Santo Patrono 21-mag-2020 21-mag-2020
Sospensione delle lezioni 22-mag-2020 23-mag-2020
Festa della Repubblica 2-giu-2020 2-giu-2020
Vacanze estive 10-ago-2020 15-ago-2020

Calendario esami

Gli appelli d'esame sono gestiti dalla Unità Operativa Didattica e Studenti Culture e Civiltà.
Per consultazione e iscrizione agli appelli d'esame visita il sistema ESSE3.
Per problemi inerenti allo smarrimento della password di accesso ai servizi on-line si prega di rivolgersi al supporto informatico della Scuola o al servizio recupero credenziali

Calendario esami

Per dubbi o domande leggi le risposte alle domande più frequenti F.A.Q. Iscrizione Esami

Docenti

A B C D F G L M N P R S T V Z

Arcangeli Alessandro

alessandro.arcangeli@univr.it +39 045802 8351

Barbierato Federico

federico.barbierato@univr.it 045 802 8351

Bassetti Massimiliano

massimiliano.bassetti@univr.it 045802 8376

Bernini Lorenzo

lorenzo.bernini@univr.it +39 045 8028687

Bertagna Federica

federica.bertagna@univr.it 0458028637

Camurri Renato

renato.camurri@univr.it +39 045 802 8635

Ciancio Luca

luca.ciancio@univr.it +39 045802 8122

Coden Fabio

fabio.coden@univr.it 045802 8365

Danelon Fabio

fabio.danelon@univr.it 045/8028378

De Prisco Antonio

antonio.deprisco@univr.it +39 045 802 8553

Ferrari Maria Luisa

marialuisa.ferrari@univr.it 045 802 8532

Franco Tiziana

tiziana.franco@univr.it +39 045802 8380

Garbellotti Marina

marina.garbellotti@univr.it 045802 8403

Giusfredi Federico

federico.giusfredi@univr.it +39 045802 8481

Guaraldo Olivia

olivia.guaraldo@univr.it +39 045802 8066

Pagliaroli Stefano

stefano.pagliaroli@univr.it +39 045 8028056

Paini Anna Maria

anna.paini@univr.it +39 045802 8129

Rizza Alfredo

alfredo.rizza@univr.it +39 045802 8587

Romagnani Gian Paolo

gianpaolo.romagnani@univr.it +39 045802 8377

Rossi Mariaclara

mariaclara.rossi@univr.it 045 802 8380

Salgaro Silvino

silvino.salgaro@univr.it +39 045802 8272

Sandrini Giuseppe

giuseppe.sandrini@univr.it 045 802 8069

Stoffella Marco

marco.stoffella@univr.it +39 045802 8376

Tedoldi Leonida

leonida.tedoldi@univr.it 045 8028618

Varanini Gian Maria

gianmaria.varanini@univr.it +39 045802 8178

Piano Didattico

Il piano didattico è l'elenco degli insegnamenti e delle altre attività formative che devono essere sostenute nel corso della propria carriera universitaria.
Selezionare il piano didattico in base all'anno accademico di iscrizione.

CURRICULUM TIPO:
InsegnamentiCreditiTAFSSD
Un insegnamento a scelta
12
B
(M-STO/08)
12
B
(M-STO/08 ,M-STO/09)
12
B
(M-STO/09)
InsegnamentiCreditiTAFSSD
12
B
(L-ANT/02)
12
B
(L-ANT/03)
Ulteriori conoscenze linguistiche (livello B2)
3
F
-
Prova finale
18
E
-

1° Anno

InsegnamentiCreditiTAFSSD
Un insegnamento a scelta
12
B
(M-STO/08)
12
B
(M-STO/08 ,M-STO/09)
12
B
(M-STO/09)

2° Anno

InsegnamentiCreditiTAFSSD
12
B
(L-ANT/02)
12
B
(L-ANT/03)
Ulteriori conoscenze linguistiche (livello B2)
3
F
-
Prova finale
18
E
-

Legenda | Tipo Attività Formativa (TAF)

TAF (Tipologia Attività Formativa) Tutti gli insegnamenti e le attività sono classificate in diversi tipi di attività formativa, indicati da una lettera.




SStage e tirocini presso imprese, enti pubblici o privati, ordini professionali

Codice insegnamento

4S001212

Coordinatore

Anna Gianna Manca

Crediti

6

Settore Scientifico Disciplinare (SSD)

SPS/03 - STORIA DELLE ISTITUZIONI POLITICHE

Lingua di erogazione

Italiano

Periodo

I semestre - sede TN dal 16-set-2019 al 20-dic-2019.

Obiettivi formativi

Acquisizione di una adeguata preparazione come pure di specifiche competenze di tipo storico-metodologico, storico-fattuale e storico-concettuale per una comprensione comparata e interdisciplinare (storia, diritto, scienza politica) delle principali novità introdotte dalle Costituzioni moderne del XIX e del XX secolo.

Programma

Nel corso, dal titolo Il dualismo costituzionale tra Parlamento e Governo nella monarchia costituzionale del Regno d’Italia (1848-1922), si affronterà, dal punto di vista della storia politico-costituzionale, il periodo tra il 1848 e il 1922. L'arco di tempo preso in considerazione è cioè quello che va dall’affermarsi in Piemonte nel 1848 del moderno sistema rappresentativo, da dove nel 1861 sarà esteso a tutto il neo costituito Regno d'Italia, sino all’ascesa al potere del fascismo. Al centro dell'attenzione saranno le due istituzioni principali del sistema politico della monarchia costituzionale italiana, e cioè Parlamento e Governo (monarchico) nonché i loro rapporti nella lettera statutaria e nella realtà politico-costituzionale della monarchia costituzionale italiana di epoca liberale.
1. Nel prendere le mosse dal periodo precostituzionale si illustrerà la condizione di governo praticamente assoluto della nostra penisola nel passaggio dal periodo napoleonico a quello della Restaurazione sino al 1848.
2. Quindi si analizzerà il passaggio nel 1848 del Regno di Sardegna allo Stato costituzionale attraverso l’adozione dello Statuto Albertino.
3. Sarà quindi analizzato il sistema politico rappresentativo bicamerale eretto nel Regno di Sardegna sulla base dello Statuto Albertino, basato su una Camera dei Deputati elettiva e un Senato di nomina regia.
4. Nel presentare il nuovo ruolo assunto dal Re nel nuovo sistema monarchico-costituzionale saranno fatte oggetto di attenzione anche le nuove istituzioni di governo, il Consiglio dei ministri e la Presidenza del Consiglio, volte a limitarne il potere.
5. Nel prosieguo del corso saranno seguite le vicende delle nuove istituzioni rappresentative e governative all’interno del Regno d’Italia, come pure i mutamenti e le trasformazioni a cui esse andarono incontro.
Il corso si svolgerà attraverso lezioni frontali. Nel corso delle lezioni si farà ricorso sia a ricostruzioni storiche poggianti sulla letteratura secondaria di riferimento (contemporanea e successiva), sia all’analisi di fonti ufficiali (leggi e ordinanze, materiali tratti dagli Atti parlamentari). Lo studente potrà sottoporre all’attenzione dell’insegnante le proprie riflessioni critiche sull’oggetto delle lezioni. E' vivamente consigliata la frequenza.

Il corso mira all’acquisizione di conoscenze su origini, struttura, funzionamento e mutamento delle moderne istituzioni politiche apicali (Parlamento e Governo) del sistema politico italiano nel corso del cosiddetto lungo Ottocento (sino al 1914 - 1922); lo studente avrà così modo di riflettere sulle continuità e/o discontinuità rintracciabili nello svolgimento della storia costituzionale italiana.

Alla fine del corso lo studente sarà in grado :
1. di conoscere come avvenne nella nostra penisola, e prima ancora nel Regno di
Sardegna, la transizione da una forma di governo assoluto a una costituzionale, e di misurare la distanza che separa il nostro sistema politico repubblicano da quello monarchico-costituzionale;
2. di acquisire una conoscenza sufficiente della lettera e della vicenda applicativa dello Statuto albertino, le cui determinazioni erano alla base della forma di governo (monarchico-) costituzionale introdotta nella nostra penisola, e di toccare con mano quanto fosse per alcuni versi molto distante e per altri ancora vicino alla nostra carta costituzionale;
3. di ricostruire per grandi linee la complessa e mutevole relazione che intercorse in epoca (monarchico-) costituzionale tra Parlamento e Governo (monarchico);
4. di penetrare il funzionamento concreto del sistema rappresentativo bicamerale del Regno di Sardegna prima e del Regno d’Italia poi e di comprendere su questa base lo stretto nesso esistente in epoca moderna in genere tra sistema elettorale e sistema politico, costituendo il primo la pietra angolare del secondo;
5. di inquadrare il ruolo, spesso sottovalutato dalla storiografia filoparlamentarista postbellica, svolto dal Monarca nella regolazione del sistema politico.
Non è presupposta da parte dello studente alcuna conoscenza e/o abilità di base.

Testi di riferimento:
1) - Martucci, Roberto, Storia costituzionale italiana. Dallo Statuto albertino alla Repubblica (1848-2001), Roma, Carocci, 2002, sino a p. 197;
2) Luigi Musella, Il trasformismo, Bologna , Il Mulino, 2003, sino a p. 97.
3) Daniela Novarese, Le istituzioni politiche della Restaurazione, in Marco Meriggi – Leonida Tedoldi (a cura di), Storia delle istituzioni politiche. Dall’antico regime all’era globale, Roma, Carocci, 2014, pp. 103-127;

Modalità d'esame

La verifica dell'apprendimento avverrà per lo studente frequentante attraverso una prova orale sul testo di R. Martucci indicato al n.1 della bibliografia.
Per i non frequentanti la verifica dell'apprendimento consisterà in una prova orale sul testo di Martucci e inoltre sui due testi indicati in bibliografia ai numeri 2) e 3).

Tipologia di Attività formativa D e F

Anno accademico:
I semestre - sede TN Dal 16/09/19 Al 20/12/19
anni Insegnamenti TAF Docente
1° 2° Storia globale in eta' moderna D Serena Luzzi (Coordinatore)

Prospettive


Avvisi degli insegnamenti e del corso di studio

Per la comunità studentesca

Se sei già iscritta/o a un corso di studio, puoi consultare tutti gli avvisi relativi al tuo corso di studi nella tua area riservata MyUnivr.
In questo portale potrai visualizzare informazioni, risorse e servizi utili che riguardano la tua carriera universitaria (libretto online, gestione della carriera Esse3, corsi e-learning, email istituzionale, modulistica di segreteria, procedure amministrative, ecc.).
Entra in MyUnivr con le tue credenziali GIA.

Esercitazioni Linguistiche CLA


Prova finale

La prova finale consiste nella discussione di un elaborato originale su di un tema concordato con un docente e redatto sotto la sua guida, su tematiche relative al corso di studi. É inoltre prevista la figura del correlatore. A tale prova sono attribuiti 18 CFU.
La funzione della prova è quella di mettere il laureato in grado di esporre in modo articolato i risultati di ricerche che possono riguardare qualsiasi tipologia di fonte (dai reperti archeologici, alla documentazione archivistica, bibliotecaria e letteraria, alla stessa storiografia fatta oggetto di analisi e di approfondimenti comparativi). Il laureato si abitua così ad applicare metodologie appropriate per affrontare singoli problemi (anche in sinergia con le ricerche svolte dai docenti), e a porne successivamente a confronto i risultati, arrivando ad adeguate forme di sintesi. Oltre che nell'impostazione e nello sviluppo della ricerca, viene altresì espressamente guidato a fornire un'esposizione chiara e ordinata dei suoi risultati. Su proposta del relatore, la prova finale può essere compilata e discussa in lingua inglese.

CALENDARI E INFORMAZIONI GENERALI SULL'ESAME DI LAUREA (CdS Culture e Civiltà) -> LINK [apre un una pagina]

Elenco delle proposte di tesi e stage

Proposte di tesi Area di ricerca
Ambiti di tesi Art & Architecture - Art & Architecture

Tutorato per studenti

Tutti i docenti del Corso di Studio possono fornire una forma di tutorato volta ad orientare e assistere gli studenti lungo tutto il corso degli studi.

Doppio Titolo

Grazie ad una rete di accordi con Atenei esteri, l’Università di Verona offre percorsi formativi internazionali che consentono l’acquisizione di un doppio titolo di studio. L’ammissione ad un CdS a doppio titolo consente di conseguire contemporaneamente, nel tempo di un normale ciclo di studi (di cui una parte viene svolta all'estero), sia il titolo di studio dell’Università di Verona che il titolo rilasciato dall'Ateneo partner, garantendo di vedere riconosciuto il diploma di laurea in entrambi i Paesi.
L'accesso al doppio titolo (così come l’eventuale sostengo finanziario) è regolato da uno specifico bando, e il numero di posti è limitato.

⇒ Per informazioni vedi LINK


Ulteriori servizi

I servizi e le attività di orientamento sono pensati per fornire alle future matricole gli strumenti e le informazioni che consentano loro di compiere una scelta consapevole del corso di studi universitario.