Studiare

In questa sezione è possibile reperire le informazioni riguardanti l'organizzazione pratica del corso, lo svolgimento delle attività didattiche, le opportunità formative e i contatti utili durante tutto il percorso di studi, fino al conseguimento del titolo finale.

A.A. 2020/2021

Calendario accademico

Il calendario accademico riporta le scadenze, gli adempimenti e i periodi rilevanti per la componente studentesca, personale docente e personale dell'Università. Sono inoltre indicate le festività e le chiusure ufficiali dell'Ateneo.
L’anno accademico inizia il 1° ottobre e termina il 30 settembre dell'anno successivo.

Calendario accademico

Calendario didattico

Il calendario didattico indica i periodi di svolgimento delle attività formative, di sessioni d'esami, di laurea e di chiusura per le festività.

Definizione dei periodi di lezione
Periodo Dal Al
I semestre (Lingue e letterature straniere) 28-set-2020 9-gen-2021
II semestre (Lingue e letterature straniere) 15-feb-2021 29-mag-2021
Sessioni degli esami
Sessione Dal Al
ESAMI LINGUE - sessione invernale 11-gen-2021 13-feb-2021
ESAMI LINGUE - sessione estiva 31-mag-2021 24-lug-2021
ESAMI LINGUE - sessione autunnale 30-ago-2021 25-set-2021
Sessioni di lauree
Sessione Dal Al
LAUREE LINGUE - sessione autunnale (a.a. 2019/20) 2-nov-2020 7-nov-2020
LAUREE LINGUE - sessione straordinaria (a.a. 2019/20) 7-apr-2021 13-apr-2021
LAUREE LINGUE - sessione estiva (a.a. 2020/21) 5-lug-2021 10-lug-2021
Vacanze
Periodo Dal Al
Festa di Ognissanti 1-nov-2020 1-nov-2020
Festa dell'Immacolata 8-dic-2020 8-dic-2020
Festa della liberazione 25-apr-2021 25-apr-2021
Festa del lavoro 1-mag-2021 1-mag-2021
Festa del Santo Patrono 21-mag-2021 21-mag-2021
Festa della Repubblica 2-giu-2021 2-giu-2021

Calendario esami

Gli appelli d'esame sono gestiti dalla Unità Operativa Didattica e Studenti Lingue e letterature straniere.
Per consultazione e iscrizione agli appelli d'esame visita il sistema ESSE3.
Per problemi inerenti allo smarrimento della password di accesso ai servizi on-line si prega di rivolgersi al supporto informatico della Scuola o al servizio recupero credenziali

Calendario esami

Per dubbi o domande leggi le risposte alle domande più frequenti F.A.Q. Iscrizione Esami

Docenti

A B C D F G H K N P R S V Z

Aloe Stefano

stefano.aloe@univr.it +39 045802 8409

Babbi Anna Maria

annamaria.babbi@univr.it +39 045 802 8325

Bigliazzi Silvia

silvia.bigliazzi@univr.it +39 045802 8477

Bognolo Anna

anna.bognolo@univr.it +39 045802 8327

Bonadonna Maria Francesca

mariafrancesca.bonadonna@univr.it +39 045802 8663

Cagliero Roberto

roberto.cagliero@univr.it +39 045802 8694

Cantarini Sibilla

sibilla.cantarini@univr.it +39 045802 8199

Cappellotto Anna

anna.cappellotto@univr.it +39 045802 8314

Cipolla Maria Adele

adele.cipolla@univr.it +39 045802 8314

Dalle Pezze Francesca

francesca.dallepezze@univr.it + 39 045802 8598

De Beni Matteo

matteo.debeni@univr.it +39 045 802 8540

Facchinetti Roberta

roberta.facchinetti@univr.it +39 045802 8374

Frassi Paolo

paolo.frassi@univr.it +39 045802 8408

Gambin Felice

felice.gambin@univr.it +39 045802 8323

Genetti Stefano

stefano.genetti@univr.it +39 045802 8412

Giust Anna

anna.giust@univr.it +39 045 802 8465

Gorris Rosanna

rosanna.gorris@univr.it +39 045802 8324

Hourani Martin Dunia

dunia.houranimartin@univr.it

Kofler Peter Erwin

peter.kofler@univr.it +39 045802 8313

Nalesso Giulia

giulia.nalesso@univr.it

Palma Flavia

flavia.palma@univr.it

Paolini Sara

sara.paolini@univr.it

Pes Annalisa

annalisa.pes@univr.it +39 045802 8318

Rabanus Stefan

stefan.rabanus@univr.it +39 045802 8490

Rebora Simone

simone.rebora@univr.it

Salvi Luca

luca.salvi@univr.it +39 045802 8468

Schiffermuller Isolde

ischifferm@univr.it +39 045802 8478

Vettorel Paola

paola.vettorel@univr.it +39 045802 8259

Zinato Susanna

susanna.zinato@univr.it +39 045802 8318

Zivojinovic Jelena

jelena.zivojinovic@univr.it

Piano Didattico

Il piano didattico è l'elenco degli insegnamenti e delle altre attività formative che devono essere sostenute nel corso della propria carriera universitaria.
Selezionare il piano didattico in base all'anno accademico di iscrizione.

InsegnamentiCreditiTAFSSD
InsegnamentiCreditiTAFSSD
A philology to be chosen among the following (philology must be related to one of the chosen languages)
6
B
(L-FIL-LET/09)
6
B
(L-LIN/21)
Dissertation
21
E
-

1° Anno

InsegnamentiCreditiTAFSSD

2° Anno

InsegnamentiCreditiTAFSSD
A philology to be chosen among the following (philology must be related to one of the chosen languages)
6
B
(L-FIL-LET/09)
6
B
(L-LIN/21)
Dissertation
21
E
-
Insegnamenti Crediti TAF SSD
Tra gli anni: 1°- 2°
Tra gli anni: 1°- 2°
Other teaching activities
6
F
-

Legenda | Tipo Attività Formativa (TAF)

TAF (Tipologia Attività Formativa) Tutti gli insegnamenti e le attività sono classificate in diversi tipi di attività formativa, indicati da una lettera.




SStage e tirocini presso imprese, enti pubblici o privati, ordini professionali

Codice insegnamento

4S002983

Crediti

6

Settore Scientifico Disciplinare (SSD)

L-LIN/04 - LINGUA E TRADUZIONE - LINGUA FRANCESE

Lingua di erogazione

Francese fr

Periodo

II semestre (Lingue e letterature straniere) dal 15-feb-2021 al 29-mag-2021.

Obiettivi formativi

Alla fine del corso gli studenti sapranno dimostrare: - di aver acquisito una metodologia che permetta uno studio diacronico della lingua francese sulla base di documenti storici, tra cui i dizionari e le enciclopedie, accessibili in diversi formati; - di aver acquisito conoscenze relative alla storia dell’editoria e della stampa in ambito francese e delle connessioni tra questa e la storia della lingua, ad esempio: evoluzione della norma ortografica, ruolo dei dizionari istituzionali nella fissazione della nor-ma, innovazioni lessicali scaturite dal vocabolario della stampa e dal giornalismo.

Programma

L’insegnamento affronta la nascita e l’evoluzione della lingua francese, con particolare riferimento alla storia dell’editoria e della stampa in Francia. Saranno esaminati i tratti salienti del francese in diacronia in alcune principali espressioni editoriali, quali dizionari, enciclopedie e giornali.

L’insegnamento si svolge secondo due prospettive, una generale e una specifica:
- prospettiva generale : panorama dell’evoluzione del francese, dal Medioevo fino all’epoca classica
- prospettiva specifica :
- studio dell’evoluzione dell’ortografia e dei sistemi di scrittura.
- studio metalessicografico del ruolo dei dizionari e delle enciclopedie per la nascita di una lingua scientifica e tecnica.
- studio della nascita del francese giornalistico in epoca rivoluzionaria.

Scopo dei seminari generali:
- Studio di estratti da testi forniti agli studenti, come testimonianze dello stato della lingua in un determinato periodo. Verranno studiati in particolare:
1. Chrétien de Troyes : Le chevalier de la charrette
2. Louis Meigret: l’orthographe au moment de l’invention de l’imprimerie
3. François Rabelais : Le tiers livre
4. Denis Diderot : écrits sur la science
5. La langue de la presse française à la Révolution.

Scopo dei seminari metalessicografici:
1. Comprendere, analizzare, interpretare i dizionari francesi del passato
2. Rendere conto della nascita del francese scientifico e tecnico
3. Comprendere le problematiche linguistiche alla base dei dizionari studiati
4. Comprendere le problematiche sociali alla base dei dizionari studiati
5. Comprendere gli atteggiamenti latenti rispetto alla lingua, in particolare
a. La lingua della tecnica e della scienza
b. Le influenze esterne

Dizionari che saranno oggetto di una lettura approfondita :
Furetière (1690) Dictionnaire universel
Dictionnaire de l’Académie française (1694)
Dictionnaire “Trévoux” (1704 - 1771)
Diderot, d’Alembert (1751 - 1779), Encyclopédie
Panckoucke (1782 - 1832), Encyclopédie méthodique
Féraud : Dictionnaire critique ; Supplément

Testi obbligatori:
- Anglade, Joseph (1931), Grammaire élémentaire de l’ancien français, Paris, Armand Colin.
https://fr.wikisource.org/wiki/Grammaire_élémentaire_de_l’ancien_français
- Pruvost, Jean (2006), Les dictionnaires français, outils d’une langue et d’une culture, Paris, Éditions Ophrys. Collection : L'Essentiel français.
- Steuckardt, Agnès (2006), L’anglicisme politique dans la seconde moitié du 18e siècle. De la glose d’accueil à l’occultation, Mots, 86, p. 9-22 http://mots.revues.org/746
- Zanola, Maria Teresa (2014), Arts et métiers au XVIIIè siècle. Etudes de terminologie diachronique, Préface d’Alain Rey, postface de Bénédicte Madinier, Paris, L’Harmattan.

Siti Internet:
• Musée virtuel des dictionnaires (LDI, Cergy) https://dictionnaires.u-cergy.fr/
• Dictionnaires d’autrefois (Atilf, Nancy) http://artfl.atilf.fr/dictionnaires/index.html
• Dictionnaire universel (Furetière) : http://www.furetière.eu/
• Dictionnaire critique (Féraud) : http://www.cnrtl.fr/dictionnaires/anciens/feraud/index.php
• Édition Numérique Collaborative et CRitique de l’²Encyclopédie (Académie des sciences) http://enccre.academie-sciences.fr/encyclopedie/
• La Bouche de fer (French Revolutionary newspaper) : https://gallica.bnf.fr/ark:/12148/bpt6k85267n/f6.image

*************************

L’enseignement aborde la naissance et l'évolution de la langue française, avec une attention particulière consacrée à l'histoire de l'édition et de l'imprimerie en France. Les traits saillants du français en diachronie seront examinés dans des textes tels les dictionnaires, les encyclopédies et les journaux.

L’enseignement se fait selon deux perspectives, une générale, une spécifique
- perspective générale : panorama de l’évolution du français du Moyen-Age jusqu’à l’époque classique.
- perspectives spécifiques :
- étude de l'évolution des systèmes d'orthographe et d'écriture.
- étude métalexicographique du rôle des dictionnaires et encyclopédies dans l’éclosion d’une langue scientifique et technique.
- étude de l’émergence du français journalistique à l’époque révolutionnaire

Buts des séminaires panorama :
- Etude d’échantillons de textes fournis aux étudiants en tant que témoignages de l’état de la langue à une période donnée. Seront étudiés en particulier :
1. Chrétien de Troyes : Le chevalier de la charrette
2. Louis Meigret: l’orthographe au moment de l’invention de l’imprimerie
3. François Rabelais : Le tiers livre
4. Denis Diderot : écrits sur la science
5. La langue de la presse française à la Révolution.

But des séminaires métalexicographiques:
1. Comprendre, analyser, interpréter les dictionnaires français du passé
2. Rendre compte de l’émergence du français scientifique et technique
3. Comprendre les enjeux linguistiques sous-jacents dans les dictionnaires étudiés
4. Comprendre les enjeux sociaux sous-jacents dans les dictionnaires étudiés
5. Comprendre les attitudes sous-jacentes par rapport à la langue, en particulier
a. La langue scientifique et techniques
b. Les influences externes

Dictionnaires faisant l’objet d’une étude approfondie :
Furetière (1690) Dictionnaire universel
Dictionnaire de l’Académie française (1694)
Dictionnaire “Trévoux” (1704 - 1771)
Diderot, d’Alembert (1751 - 1779), Encyclopédie
Panckoucke (1782 - 1832), Encyclopédie méthodique
Féraud : Dictionnaire critique ; Supplément

Textes prescrits:
- Anglade, Joseph (1931), Grammaire élémentaire de l’ancien français, Paris, Armand Colin.
https://fr.wikisource.org/wiki/Grammaire_élémentaire_de_l’ancien_français
- Pruvost, Jean (2006), Les dictionnaires français, outils d’une langue et d’une culture, Paris, Éditions Ophrys. Collection : L'Essentiel français.
- Steuckardt, Agnès (2006), L’anglicisme politique dans la seconde moitié du 18e siècle. De la glose d’accueil à l’occultation, Mots, 86, p. 9-22 http://mots.revues.org/746
- Zanola, Maria Teresa (2014), Arts et métiers au XVIIIe siècle. Etudes de terminologie diachronique, Préface d’Alain Rey, postface de Bénédicte Madinier, Paris, L’Harmattan.

Sites :
• Musée virtuel des dictionnaires (LDI, Cergy) https://dictionnaires.u-cergy.fr/
• Dictionnaires d’autrefois (Atilf, Nancy) http://artfl.atilf.fr/dictionnaires/index.html
• Dictionnaire universel (Furetière) : http://www.furetière.eu/
• Dictionnaire critique (Féraud) : http://www.cnrtl.fr/dictionnaires/anciens/feraud/index.php
• Édition Numérique Collaborative et CRitique de l’²Encyclopédie (Académie des sciences) http://enccre.academie-sciences.fr/encyclopedie/
• La Bouche de fer (French Revolutionary newspaper) : https://gallica.bnf.fr/ark:/12148/bpt6k85267n/f6.image

Bibliografia

Testi di riferimento
Autore Titolo Casa editrice Anno ISBN Note
Zanola Maria Teresa Arts et métiers au XVIIIe siècle. Essais de terminologie diachronique L'Harmattan 2014
Pruvost Jean Les dictionnaires français, outils d’une langue et d’une culture Ophrys 2006

Modalità d'esame

Contrôle continu
Gli studenti che seguono i corsi saranno invitati a svolgere due presentazioni orali nel corso del semestre.
Inoltre, dovranno presentare alla fine del corso un articolo tratto dall'Enciclopedia. Questa presentazione metterà in luce tanto l'evoluzione delle pratiche lessicografiche quanto quella della lingua. Un'attenzione particolare sarà rivolta alle evoluzioni della lingua in grado di facilitare il pensiero scientifico, sia per quanto riguarda l'elaborazione delle terminologie sia l'impiego di alcune costruzioni sintattiche atte ad esprimere il ragionamento astratto.

Si pregano gli studenti che non seguono il corso di contattare quanto prima il docente.
A tali studenti verrà proposto un programma di esercizi da svolgere. Tale programma comporta dei compiti da consegnare a intervalli regolari.
L'esame orale finale consisterà in una presentazione e in una discussione del portfolio di esercizi realizzati nel corso del semestre.

*******************

Contrôle continu:
L’étudiant qui suivra les cours fera deux exposés pendant le semestre. En outre, il présentera en fin de semestre un article tiré de l’Encyclopédie. Cette présentation mettra en lumière l’évolution des pratiques lexicographiques aussi bien que celle de la langue. Une attention particulière sera portée aux évolutions de la langue propres à faciliter la pensée scientifique, tant sous la forme de l’élaboration des terminologies que sous celle de l’emploi de certaines constructions syntaxiques propres à exprimer l’abstraction.

Pour les étudiants qui n’assistent pas aux cours:
Un programme de travaux à réaliser sera adressé à chaque étudiant non assidu. Prière de se mettre en relation le plus rapidement possible avec l’enseignant. Celui-ci comporte des devoirs à rendre à intervalles réguliers. L’examen oral prendra la forme d’une présentation et de la défense du portefeuille de travaux réalisés au cours du semestre.

Prospettive


Avvisi degli insegnamenti e del corso di studio

Per la comunità studentesca

Se sei già iscritta/o a un corso di studio, puoi consultare tutti gli avvisi relativi al tuo corso di studi nella tua area riservata MyUnivr.
In questo portale potrai visualizzare informazioni, risorse e servizi utili che riguardano la tua carriera universitaria (libretto online, gestione della carriera Esse3, corsi e-learning, email istituzionale, modulistica di segreteria, procedure amministrative, ecc.).
Entra in MyUnivr con le tue credenziali GIA.

Vademecum per lo studente

In allegato il vademecum normativo per gli studenti dell'area Lingue e letterature straniere.

Allegati

Titolo Info File
pdf Vademecum normativo area Lingue e letterature straniere 1009 KB, 07/07/21 

Gestione carriere


Stage e tirocini

Le attività di stage sono finalizzate a far acquisire allo studente una conoscenza diretta in settori di particolare interesse per l’inserimento nel mondo del lavoro e per l’acquisizione di abilità professionali specifiche.
Le attività di stage sono svolte sotto la diretta responsabilità di un singolo docente presso studi professionali, enti della pubblica amministrazione, aziende accreditate dall’Ateneo veronese.
I crediti maturati in seguito ad attività di stage saranno attribuiti secondo quanto disposto nel dettaglio dal “Regolamento d’Ateneo per il riconoscimento dei crediti maturati negli stage universitari” vigente.
Tutte le informazioni in merito agli stage sono reperibili al link https://www.univr.it/it/i-nostri-servizi/stage-e-tirocini.
 

Prova finale

La prova finale, cui sono attribuiti 21 CFU, deve presentare un approccio originale su un argomento attinente la prima o la seconda lingua scelte dallo studente; la prima o la seconda letteratura; le relative materie d’area; le relative filologie oppure il settore delle letterature comparate. Si tratta di un approfondito lavoro di ricerca che dovrà sfociare in un elaborato in lingua italiana o straniera di almeno ottanta cartelle. Guidato dal relatore, lo studente dimostrerà di saper raccogliere informazioni e materiali bibliografici, di rielaborare e collegare tra loro le letture effettuate, di applicare conoscenze teorico-metodologiche all’analisi dei testi o alle problematiche affrontate.
La discussione della tesi avviene in presenza di una Commissione di Laurea composta da non meno di 5 docenti dell’Ateneo.
Alla prova finale potranno essere attribuiti non più di 11 punti su 110.
Lo studente potrà chiedere l’assegnazione di un argomento per la tesi dopo aver acquisito almeno 50 CFU del biennio.
Per le altre disposizioni, si rimanda espressamente al Regolamento Didattico di Ateneo e al Regolamento di Ateneo per gli studenti.
Il voto di laurea è formato da:
a) la media aritmetica dei voti conseguiti negli esami, rapportata a 110,
b) la valutazione dell’esame di laurea: un massimo di 11 punti riservati alla tesi magistrale e relativa discussione. Al candidato che abbia ottenuto il massimo dei voti può essere concessa la distinzione della lode, se la Commissione è unanime nel giudicare eccellente la tesi e ottima la discussione in sede di esame. A tesi particolarmente significative può essere riconosciuta anche la dignità di stampa.
c) punti supplementari di incentivazione:
  • un massimo di 2 punti per le lodi (1 punto per due lodi, 2 punti per più lodi).

  • 2 punti per la partecipazione al Programma Erasmus o assimilato, a condizione che lo studente: abbia acquisito almeno 12 CFU per un semestre di mobilità nel corso del ciclo di studi (24 CFU per due semestri di mobilità) e consegua il titolo finale entro la durata normale del corso di studi.
  • 1 punto per la partecipazione al Programma Erasmus o assimilato, a condizione che lo studente: abbia acquisito almeno 12 CFU per un semestre di mobilità nel corso del ciclo di studi (24 CFU per due semestri di mobilità) e consegua il titolo finale anche oltre la durata normale del corso di studi.
Non possono essere attribuiti punti di incentivazione per qualsiasi esperienza all’estero svolta dallo studente su iniziativa privata, anche se riconosciuta come equipollente dal Dipartimento/Collegio Didattico.

Allegati


Doppio Titolo

Grazie ad una rete di accordi con Atenei esteri, l’Università di Verona offre percorsi formativi internazionali che consentono l’acquisizione di un doppio titolo di studio. L’ammissione ad un CdS a doppio titolo consente di conseguire contemporaneamente, nel tempo di un normale ciclo di studi (di cui una parte viene svolta all'estero), sia il titolo di studio dell’Università di Verona che il titolo rilasciato dall'Ateneo partner, garantendo di vedere riconosciuto il diploma di laurea in entrambi i Paesi.
L'accesso al doppio titolo (così come l’eventuale sostengo finanziario) è regolato da uno specifico bando, e il numero di posti è limitato.

⇒ Pubblicato l'Avviso per la selezione di studenti da ammettere ai percorsi di laurea a doppio titolo dell’Università degli Studi di Verona


Esercitazioni Linguistiche CLA


Ulteriori servizi

I servizi e le attività di orientamento sono pensati per fornire alle future matricole gli strumenti e le informazioni che consentano loro di compiere una scelta consapevole del corso di studi universitario.