Studiare

In questa sezione è possibile reperire le informazioni riguardanti l'organizzazione pratica del corso, lo svolgimento delle attività didattiche, le opportunità formative e i contatti utili durante tutto il percorso di studi, fino al conseguimento del titolo finale.

Calendario accademico

Il calendario accademico riporta le scadenze, gli adempimenti e i periodi rilevanti per la componente studentesca, personale docente e personale dell'Università. Sono inoltre indicate le festività e le chiusure ufficiali dell'Ateneo.
L’anno accademico inizia il 1° ottobre e termina il 30 settembre dell'anno successivo.

Calendario accademico

Calendario didattico

Il calendario didattico indica i periodi di svolgimento delle attività formative, di sessioni d'esami, di laurea e di chiusura per le festività.

Definizione dei periodi di lezione
Periodo Dal Al
1 A 26-set-2022 5-nov-2022
1 B 14-nov-2022 22-dic-2022
2 A 13-feb-2023 6-apr-2023
2 B 12-apr-2023 27-mag-2023
Sessioni degli esami
Sessione Dal Al
Sessione invernale 9-gen-2023 11-feb-2023
Sessione estiva 5-giu-2023 29-lug-2023
Sessione autunnale 28-ago-2023 23-set-2023
Sessioni di lauree
Sessione Dal Al
Sessione straordinaria (a.a. 2021/22) 31-mar-2023 6-apr-2023
Sessione estiva 10-lug-2023 15-lug-2023
Sessione autunnale 6-nov-2023 11-nov-2023
Vacanze
Periodo Dal Al
Chiusura edifici 31-ott-2022 31-ott-2022
Festa di Ognissanti 1-nov-2022 1-nov-2022
Festa dell'Immacolata 8-dic-2022 8-dic-2022
Chiusura edifici 9-dic-2022 10-dic-2022
Vacanze di Natale 23-dic-2022 7-gen-2023
Vacanze di Pasqua 7-apr-2023 10-apr-2023
Festa della Liberazione 25-apr-2023 25-apr-2023
Festa del lavoro 1-mag-2023 1-mag-2023
Festa del Santo Patrono 21-mag-2023 21-mag-2023
Festa della Repubblica 2-giu-2023 2-giu-2023
Chiusura estiva 13-ago-2023 19-ago-2023

Calendario esami

Per consultazione e iscrizione agli appelli d'esame visita il sistema ESSE3.
Per problemi inerenti allo smarrimento della password di accesso ai servizi on-line si prega di rivolgersi al supporto informatico della Scuola o al servizio recupero credenziali

Calendario esami

Per dubbi o domande leggi le risposte alle domande più frequenti F.A.Q. Iscrizione Esami

Docenti

A B C D F M R S T Z

Arcangeli Alessandro

symbol email alessandro.arcangeli@univr.it symbol phone-number +39 045802 8351

Barbierato Federico

symbol email federico.barbierato@univr.it symbol phone-number 045 802 8351

Bertagna Federica

symbol email federica.bertagna@univr.it symbol phone-number 0458028637

Bianchi Edoardo

symbol email edoardo.bianchi@univr.it symbol phone-number +39 045 802 8108

Borghetti Vincenzo

symbol email vincenzo.borghetti@univr.it symbol phone-number +39 045 802 8584

Camurri Renato

symbol email renato.camurri@univr.it symbol phone-number +39 045 802 8635

Coden Fabio

symbol email fabio.coden@univr.it symbol phone-number 045802 8365

Dal Pozzolo Enrico

symbol email enrico.dalpozzolo@univr.it symbol phone-number +39 045802 8569

Fossaluzza Giorgio

symbol email giorgio.fossaluzza@univr.it symbol phone-number +39 045 802 8795

Franco Tiziana

symbol email tiziana.franco@univr.it symbol phone-number +39 045802 8380

Moro Sergio

symbol email sergio.moro@univr.it symbol phone-number +39 045 8028857

Rossi Mariaclara

symbol email mariaclara.rossi@univr.it symbol phone-number 045 802 8380

Stoffella Marco

symbol email marco.stoffella@univr.it symbol phone-number +39 045802 8376

Terraroli Valerio

symbol email valerio.terraroli@univr.it symbol phone-number 0458028441

Zamperini Alessandra

symbol email alessandra.zamperini@univr.it symbol phone-number 0458028685

Piano Didattico

Il piano didattico è l'elenco degli insegnamenti e delle altre attività formative che devono essere sostenute nel corso della propria carriera universitaria.
Selezionare il piano didattico in base all'anno accademico di iscrizione.

CURRICULUM TIPO:
Insegnamenti Crediti TAF SSD
Tra gli anni: 1°- 2°
Lingua inglese liv. B2
6
F
-
Tra gli anni: 1°- 2°
Altre attività formative
6
F
-
Tra gli anni: 1°- 2°

Legenda | Tipo Attività Formativa (TAF)

TAF (Tipologia Attività Formativa) Tutti gli insegnamenti e le attività sono classificate in diversi tipi di attività formativa, indicati da una lettera.




S Stage e tirocini presso imprese, enti pubblici o privati, ordini professionali

iIntroduttivo
pProgredito
mMagistrale

Codice insegnamento

4S010517

Docente

Sergio Moro

Coordinatore

Sergio Moro

Crediti

6

Lingua di erogazione

Italiano

Settore Scientifico Disciplinare (SSD)

IUS/10 - DIRITTO AMMINISTRATIVO

Periodo

1 A, 1 B

Obiettivi di apprendimento

Approfondire le nozioni di base in materia di diritto dei beni culturali, in particolare nei settori, operativamente di primario interesse, della circolazione internazionale dei beni culturali e degli illeciti sanzionati in sede amministrativa e penale.

Prerequisiti e nozioni di base

Nessuno

Programma

PRIMA PARTE - GLI ELEMENTI DEGLI ORDINAMENTI GIURIDICI
I L'ordinamento giuridico: inquadramento generale
II La normazione.
III Le organizzazioni pubbliche ed, in specie, le pubbliche amministrazioni.
SECONDA PARTE - IL DIRITTO DEI BENI CULTURALI
I MODULO - LA TUTELA: INDIVIDUAZIONE E PROTEZIONE DEI BENI CULTURALI
I Le fonti del diritto per la tutela dei beni culturali
II La tutela dei beni culturali: nozione
III La funzione amministrativa di tutela dei beni culturali.
IV La nozione di beni culturali
V L’individuazione dei beni culturali
VI La protezione dei beni culturali: inquadramento generale.
VII La protezione diretta dei beni culturali
VIII La protezione indiretta dei beni culturali
IX La conservazione dei beni culturali
X Le sanzioni
XI Il problema del rapporto fra la tutela dei beni culturali ed la proprietà privata
XII La vigilanza e l'ispezione;
XIII La scoperta ed il ritrovamento dei beni culturali;
II MODULO - LA TUTELA: LA NON DISPERSIONE GIURIDICA E LA NON DISPERSIONE MATERIALE DEI BENI CULTURALI
I. La non dispersione giuridica dei beni culturali: inquadramento generale
II L’alienazione dei beni culturali
III La denuncia
IV La prelazione: rinvio
V La non dispersione materiale dei beni culturali: inquadramento generale
VI Uscita dal territorio nazionale dei beni culturali e di corse di interesse culturale
XVII La circolazione dei beni culturali nell'ambito dell'Unione europea e fuori dall'Unione europea.
III MODULO - LA FRUIZIONE
I Le fonti del diritto in materia di fruizione dei beni culturali
II Le pubbliche amministrazioni titolari della funzione amministrativa di fruizione dei beni culturali
III Nozione di fruizione
IV La fruizione dei beni di proprietà degli enti pubblici
V La fruizione dei documenti degli archivi
VI La fruizione dei beni culturali privati
VII L'uso individuale dei beni culturali
IV MODULO - LA VALORIZZAZIONE
I Le fonti del diritto in materia di valorizzazione dei beni culturali
II La valorizzazione dei beni culturali: nozione
III La funzione amministrativa di valorizzazione dei beni culturali
IV Valorizzazione preordinata a garantire il miglioramento delle condizioni di utilizzazione e di fruizione dei beni culturali
V Valorizzazione preordinata a promuovere la conoscenza dei beni culturali
VI Valorizzazione preordinata a sostenere gli interventi di conservazione
VII La sponsorizzazione
VIII Accordi di valorizzazione con le fondazioni bancarie
V MODULO - GLI ACQUISTI C.D. PRIVILEGIATI
I Espropriazione per fini strumentali
II La prelazione
III L'acquisto c.d. coattivo
IV L'espropriazione tout court
VI MODULO - IL RAPPORTO FRA, DA UN LATO, LA TUTELA E, DALL'ALTRO, LA FRUIZIONE E LA VALORIZZAZIONE

Bibliografia

Visualizza la bibliografia con Leganto, strumento che il Sistema Bibliotecario mette a disposizione per recuperare i testi in programma d'esame in modo semplice e innovativo.

Modalità didattiche

Lezioni frontali
Materiale didattico caricato sulla piattaforma moodle dell'insegnamento
Le lezioni frontali sono registrate e sono disponibili sulla piattaforma moodle dell'insegnamento.

Modalità di verifica dell'apprendimento

L'esame consiste in un colloquio orale.
STUDENTI FREQUENTANTI
L'esame concerne le nozioni, le questioni e i problemi sviluppati:
1) nelle lezioni frontali;
E
2) nel materiale didattico disponibile (dal 1 Novembre 2022) sulla piattaforma moodle dell'insegnamento;
E
3) nel manuale «Diritto dei beni culturali e del paesaggio», a cura di M. A. Cabiddu e N. Grasso, casa editrice Giappichelli, anno 2021 LIMITATAMENTE alla sezione II del capitolo V («Le funzioni di vigilanza ed ispezione»), alla sezione III.B. del capitolo V («Le miSure di conservazione dei beni culturali») ed al capitolo IX («I ritrovamenti e le scoperte»)
Più precisamente:
1) le lezioni frontali hanno ad oggetto: a) gli elementi degli ordinamenti giuridici (prima parte del programma); b) la tutela dei beni culturali sub specie di individuazione e protezione dei beni culturali (I modulo); c) i c.d. acquisti privilegiati (V modulo); d) il rapporto fra, da un lato, la tutela dei beni culturali; dall’altro, la fruizione e la valorizzazione dei beni culturali (VI modulo).
2) il materiale didattico ha ad oggetto: a) la tutela: non dispersione giuridica e non dispersione materiale (II modulo); b) la fruizione dei beni culturali (III modulo); c) la valorizzazione dei beni culturali (IV modulo);
3) il manuale, limitatamente alle parti indicate, ha ad oggetto: le funzioni di vigilanza ed ispezione (punto XII del I modulo), le misure di conservazione dei beni culturali (punto IX del I modulo); i ritrovamenti e le scoperte (punto XIII del I modulo).
N.b. Per studenti frequentanti si intendono coloro che seguono le lezioni in presenza o mediante strumenti di videoregistrazione.
STUDENTI NON frequentanti.
L'esame concerne gli argomenti:
1) del manuale «Beni culturali e paesaggistici», A. Crosetti e D. Vaiano, casa editrice Giappichelli, 2018 LIMITATAMENTE al paragrafo 1 del capitolo 1 della parte I;
E
2) del manuale «Diritto dei beni culturali e del paesaggio», a cura di M. A. Cabiddu e N. Grasso, casa editrice Giappichelli, anno 2021, AD ECCEZIONE dei capitoli XI - XII ed il paragrafo 9 del capitolo XIII.
Studenti ERASMUS c.d. in entrata (i.e. iscritti a corsi di studio di Università dell'Unione Europea non aventi sede in Italia) sono invitati a prendere contatto con il docente verbalizzante, all’inizio del corso, per l’assegnazione di uno specifico argomento da approfondire mediante la redazione di un elaborato scritto. Tale elaborato sarà oggetto di discussione orale nelle sessioni di esame previste dal calendario accademico.

Le/gli studentesse/studenti con disabilità o disturbi specifici di apprendimento (DSA), che intendano richiedere l'adattamento della prova d'esame, devono seguire le indicazioni riportate QUI

Criteri di valutazione

I criteri di valutazione della prova sono:
- conoscenza e comprensione della materia;
- chiarezza, ordine logico ed utilizzo di un lessico tecnico adeguato e corretto in sede di esposizione;
- capacità di inquadramento sistematico degli istituti giuridici;
- capacità di evidenziare elementi comuni ed elementi di differenza fra gli istituti giuridici;
- capacità di soluzioni di alcuni elementari casi concreti.

Criteri di composizione del voto finale

Equilibrata ponderazione fra i criteri di valutazione

Lingua dell'esame

ITALIANO

Tipologia di Attività formativa D e F

Cuci 1 A Dal 26/09/22 Al 05/11/22
anni Insegnamenti TAF Docente
Musiche nella storia F Vincenzo Borghetti (Coordinatore)
1° 2° Attività FAI (3 cfu) F Edoardo Bianchi (Coordinatore)
1° 2° Mondi di moda: temi e protagonisti F Alessandra Zamperini (Coordinatore)
CuCi 1 B Dal 14/11/22 Al 22/12/22
anni Insegnamenti TAF Docente
Musiche nella storia F Vincenzo Borghetti (Coordinatore)
1° 2° Attività FAI (3 cfu) F Edoardo Bianchi (Coordinatore)
1° 2° Mondi di moda: temi e protagonisti F Alessandra Zamperini (Coordinatore)
CuCi 2 A Dal 13/02/23 Al 06/04/23
anni Insegnamenti TAF Docente
1° 2° Attività FAI (3 cfu) F Edoardo Bianchi (Coordinatore)
CuCi 2 B Dal 12/04/23 Al 27/05/23
anni Insegnamenti TAF Docente
1° 2° Attività FAI (3 cfu) F Edoardo Bianchi (Coordinatore)
Elenco degli insegnamenti con periodo non assegnato
anni Insegnamenti TAF Docente
Conferenze musei civici di Verona F Tiziana Franco (Coordinatore)
1° 2° I giovedì culturali dell'ISSR di Verona F Tiziana Franco (Coordinatore)
1° 2° Ritratti di famiglia: gli Erizzo e l'immagine dell'aristocrazia a Venezia F Alessandra Zamperini (Coordinatore)

Prospettive


Avvisi degli insegnamenti e del corso di studio

Per la comunità studentesca

Se sei già iscritta/o a un corso di studio, puoi consultare tutti gli avvisi relativi al tuo corso di studi nella tua area riservata MyUnivr.
In questo portale potrai visualizzare informazioni, risorse e servizi utili che riguardano la tua carriera universitaria (libretto online, gestione della carriera Esse3, corsi e-learning, email istituzionale, modulistica di segreteria, procedure amministrative, ecc.).
Entra in MyUnivr con le tue credenziali GIA.

Doppio Titolo

Grazie ad una rete di accordi con Atenei esteri, l’Università di Verona offre percorsi formativi internazionali che consentono l’acquisizione di un doppio titolo di studio. L’ammissione ad un CdS a doppio titolo consente di conseguire contemporaneamente, nel tempo di un normale ciclo di studi (di cui una parte viene svolta all'estero), sia il titolo di studio dell’Università di Verona che il titolo rilasciato dall'Ateneo partner, garantendo di vedere riconosciuto il diploma di laurea in entrambi i Paesi.
L'accesso al doppio titolo (così come l’eventuale sostengo finanziario) è regolato da uno specifico bando, e il numero di posti è limitato.

⇒ Per informazioni vedi LINK


Area riservata studenti


Prova finale

Alla prova finale per il conseguimento della laurea magistrale in Storia delle arti sono assegnati 24 cfu. La prova finale consiste nella preparazione e nella discussione di una tesi di laurea magistrale, di non meno di 120 pagine scritte, elaborata in modo originale dallo studente sotto la guida di un docente relatore; è prevista la figura del correlatore. L'argomento della prova finale deve riguardare uno degli insegnamenti del piano di studi. I laureati devono saper dimostrare con il lavoro di tesi di aver applicato le loro conoscenze, di possedere capacità di comprensione e abilità nella risoluzione di problemi e nell'affrontare tematiche nuove in modo autonomo e in un contesto di ricerca e di progettazione originale. La discussione della prova finale ha luogo davanti a una Commissione composta secondo le relative norme del Regolamento didattico di Ateneo. Per la prova finale è previsto un massimo di 7 punti. Per l'attribuzione del punteggio la commissione si attiene ai seguenti criteri: 1) originalità dell'elaborato; 2) efficacia e coerenza nelle argomentazioni; 3) qualità della scrittura; 4) capacità dello studente di illustrare e discutere adeguatamente il suo lavoro davanti alla commissione. La votazione è espressa in centodecimi, a cui la Commissione può aggiungere, in casi di eccellenza, la distinzione della lode