Studiare

In questa sezione è possibile reperire le informazioni riguardanti l'organizzazione pratica del corso, lo svolgimento delle attività didattiche, le opportunità formative e i contatti utili durante tutto il percorso di studi, fino al conseguimento del titolo finale.

Calendario accademico

Il calendario accademico riporta le scadenze, gli adempimenti e i periodi rilevanti per la componente studentesca, personale docente e personale dell'Università. Sono inoltre indicate le festività e le chiusure ufficiali dell'Ateneo.
L’anno accademico inizia il 1° ottobre e termina il 30 settembre dell'anno successivo.

Calendario accademico

Calendario didattico

Il calendario didattico indica i periodi di svolgimento delle attività formative, di sessioni d'esami, di laurea e di chiusura per le festività.

Anno accademico:
Definizione dei periodi di lezione
Periodo Dal Al
I semestre 2-ott-2017 20-gen-2018
II semestre 26-feb-2018 9-giu-2018
Sessioni degli esami
Sessione Dal Al
ESAMI LINGUE - sessione invernale 22-gen-2018 24-feb-2018
ESAMI LINGUE - sessione estiva 11-giu-2018 28-lug-2018
ESAMI LINGUE - sessione autunnale 27-ago-2018 22-set-2018
Sessioni di lauree
Sessione Dal Al
LAUREE LINGUE - sessione autunnale a.a. 2016/2017 18-dic-2017 21-dic-2017
LAUREE LINGUE - sessione invernale a.a. 2016/2017 23-mar-2018 29-mar-2018
LAUREE LINGUE - sessione estiva 16-lug-2018 21-lug-2018
LAUREE LINGUE - sessione autunnale 12-nov-2018 17-nov-2018
LAUREE LINGUE - sessione invernale 12-apr-2019 18-apr-2019
Vacanze
Periodo Dal Al
Festa di Ognissanti 1-nov-2017 1-nov-2017
Festa dell'Immacolata 8-dic-2017 8-dic-2017
Vacanze di Natale 22-dic-2017 7-gen-2018
Vacanze di Pasqua 30-mar-2018 3-apr-2018
Festa della liberazione 25-apr-2018 25-apr-2018
Festa del lavoro 1-mag-2018 1-mag-2018
Festa del Santo Patrono 21-mag-2018 21-mag-2018
Festa della Repubblica 2-giu-2018 2-giu-2018
Vacanze Estive 13-ago-2018 18-ago-2018

Calendario esami

Gli appelli d'esame sono gestiti dalla Unità Operativa Segreteria Corsi di Studio Lingue e letterature straniere.
Per consultazione e iscrizione agli appelli d'esame visita il sistema ESSE3.
Per problemi inerenti allo smarrimento della password di accesso ai servizi on-line si prega di rivolgersi al supporto informatico della Scuola o al servizio recupero credenziali

Calendario esami

Per dubbi o domande leggi le risposte alle domande più frequenti F.A.Q. Iscrizione Esami

Docenti

A B C D F G H K P R

Artoni Daniele

daniele.artoni@univr.it +39 045802 8465

Bertazzoli Raffaella

raffaella.bertazzoli@univr.it +39 045802 8331

Bognolo Anna

anna.bognolo@univr.it +39 045802 8327

Carpi Daniela

daniela.carpi@univr.it

Dalle Pezze Francesca

francesca.dallepezze@univr.it + 39 045802 8598

Forner Fabio

fabio.forner@univr.it + 39 045 802 8194

Frassi Paolo

paolo.frassi@univr.it +39 045802 8408

Gorris Rosanna

rosanna.gorris@univr.it +39 045802 8324

Hourani Martin Dunia

dunia.houranimartin@univr.it +39 045802 8105

Kofler Peter Erwin

peter.kofler@univr.it +39 045802 8313

Padovan Andrea

andrea.padovan@univr.it +39 045 802 8753

Renna Dora

dora.renna@univr.it

Piano Didattico

Il piano didattico è l'elenco degli insegnamenti e delle altre attività formative che devono essere sostenute nel corso della propria carriera universitaria.
Selezionare il piano didattico in base all'anno accademico di iscrizione.

InsegnamentiCreditiTAFSSD
InsegnamentiCreditiTAFSSD
A philology to be chosen among the following (philology must be related to one of the chosen languages)
6
B
L-FIL-LET/09
Dissertation
21
E
-

1° Anno

InsegnamentiCreditiTAFSSD

2° Anno

InsegnamentiCreditiTAFSSD
A philology to be chosen among the following (philology must be related to one of the chosen languages)
6
B
L-FIL-LET/09
Dissertation
21
E
-
Insegnamenti Crediti TAF SSD
Tra gli anni: 1°- 2°
Tra gli anni: 1°- 2°
Other teaching activities
6
F
-

Legenda | Tipo Attività Formativa (TAF)

TAF (Tipologia Attività Formativa) Tutti gli insegnamenti e le attività sono classificate in diversi tipi di attività formativa, indicati da una lettera.




S Stage e tirocini presso imprese, enti pubblici o privati, ordini professionali

Codice insegnamento

4S002939

Coordinatore

Rosanna Gorris

Crediti

6

Lingua di erogazione

Italiano

Settore Scientifico Disciplinare (SSD)

L-LIN/03 - LETTERATURA FRANCESE

Periodo

I semestre dal 2-ott-2017 al 20-gen-2018.

Obiettivi formativi

Il corso si propone di introdurre gli studenti allo studio approfondito e critico della letteratura francese dal Rinascimento alla letteratura contemporanea attraverso un percorso particolare rappresentato dal tema dell’infanticidio che verrà ripercorso dalla letteratura antica alla letteratura francese dell’extrême contemporain. La docente intende inoltre fornire agli studenti gli strumenti teorici e metodologici necessari all’analisi letteraria e linguistica dei testi presi in esame. Le lezioni, tenute in lingua francese, hanno inoltre lo scopo di migliorare il livello linguistico dei discenti. Le lezioni si svolgeranno con delle lezioni frontali e attraverso attitività di carattere seminariale, Saranno inolte organizzati dei corsi di recupero.

Programma

Il corso si propone di introdurre gli studenti allo studio approfondito e critico della letteratura francese dal Rinascimento alla letteratura contemporanea attraverso un percorso particolare rappresentato dal tema dell’infanticidio che verrà ripercorso dalla letteratura antica alla letteratura francese dell’extrême contemporain. La docente intende inoltre fornire agli studenti gli strumenti teorici e metodologici necessari all’analisi letteraria e linguistica dei testi presi in esame. Le lezioni, tenute in lingua francese, hanno inoltre lo scopo di migliorare il livello linguistico dei discenti. Le lezioni si svolgeranno con delle lezioni frontali e attraverso attitività di carattere seminariale, Saranno inolte organizzati dei corsi di recupero.
Il corso focalizzerà la sua attenzione sulla letteratura tragica del Rinascimento ed in particolare sulle tragedie di combat (La Famine, Jephté) e classiche (Medea). Verrà inoltre studiata la letteratura contemporanea alle guerre di religione e la diffusione del tema dell'infanticidio in tale periodo. Il tema verrà inoltre studiato nel Seicento con le tragedie di Corneille e Racine e nei secoli successivi fino al romanzo contemporaneo.

Textes

Florent CHRESTIEN, Jepthé ou le vœu, in La tragédie à l’époque d’Henri II et de Charles IX, “Théatre français de la Renaissance”, Ie série, vol. 3 (1566-1567), éd. Daniela Boccassini, Florence-Paris, Olschki-PUF, 1990, pp. 407-489

Jean de LA TAILLE, La Famine ou les Gabéonites [1573], dans Saül le Furieux. La Famine ou les Gabéonites, éd. E. Forsyth, Paris, M. Didier, STFM, 1968, pp. 91-165

Jean BASTIER DE LA PERUSE, Médée, in La Tragédie à l’époque d’Henri II et de Charles IX, éd. Michel Dassonville, “Théatre français dela Renaissance”, Ie série, vol. I, Florence-Paris, Olschki-PUF, 1989, pp. 119-173

Agrippa D’AUBIGNÉ, Les Tragiques, éd. établie par Frank Lestringant, Paris, Gallimard, coll. "Poésie", 1995 oppure éd. numérique [archive] établie par Samizdat, Québec, 2013 http://www.samizdat.qc.ca/arts/lit/LesTragiques_AD.pdf

CORNEILLE, Médée, Paris, Flammarion, Coll. “Etonnants classiques”, 2014

RACINE, Iphigénie, Paris, Gallimard, éd. “Folio Théâtre”, 54, 1999 (o altra edizione)

Jean ANOUILH, Médée, Paris, Flammarion, Coll. “Etonnants classiques”, 2014

Pascal QUIGNARD, Médée, Bordeaux, Ritournelle, 2011

Leïla SLIMANI, Chanson douce, Paris, Gallimard, 2016


Textes critiques

Le Théâtre biblique de Jean de La Taille, textes réunis par Y. Bellenger, Champion, Unichamp, 1998, n. 148, p. 150

Zoé Schweitzer, Variations sur la mort des enfants : Jephté, Médée et La Famine, dans « Albineana » n° 20 - Cahier d’Aubigné, dir. M.-H. Servet, Genève, Slatkine, décembre 2008, pp. 101-116

Philippe FOREST, Le roman infanticide : Dostoievski, Faulkner, Camus. Essai sur la littérature et le deuil, Nantes, Cécile Defaut, 2010

M. BUSCA, Autour de deux sources de la Médée de La Péruse: Ovide et George Buchanan traducteur d’Euripide, in La tragédie et son modèle à l’époque de la Renaissance entre France, Italie et Espagne, Torino, “Biblioteca di Studi Francesi”, 2015, pp. 47-89

M. G. CIANI, Medea: variazioni sul mito, Venezia, Marsilio, 1991

N. DOIRON, La vengeance d'une déesse. La Médée de Pierre Corneille, “Poétique”, 3/2012, no 171, pp. 321-336

Stefano GENETTI, Méditer Médée, in Pascal Quignard, translations et métamorphoses, sous la direction de Mireille Calle-Gruber, Jonathan Degenève et Irène Fenoglio, Paris, Hermann, 2015, pp. 435-447

Rosanna GORRIS CAMOS, Le voile de Timanthe : le Jephté ou le vœu de Florent Chrestien, une tragédie de la solitude, in La Tragédie Sainte en France (1540-1610). Problématique d’un genre, Actes du Colloque de Vercelli, 18-19 mars 2015, Genève, Droz, sous presse (fotocopie a cura della docente)
F. JAOUEN, Iphigénie : poétique et politique du sacrifice, “Littérature”, 103, 1996, pp. 3-19

François JOUAN, La Figure de Médée chez Euripide, Sénèque et Corneille, “Cahiers du Groupe interdisciplinaire du théâtre antique”, 1986, no 2, p. 1-17

Chantal LAPEYRE-DESMAISON , Éclats de Médée, in “Contemporary French and Francophone Studies”, vol. 18, 3, May 2014, pp. 266-272
(articolo on line al link: http://www.tandfonline.com/author/Lapeyre-Desmaison%2C+Chantal)

Magia, gelosia, vendetta. Il Mito di Medea nelle lettere francesi, Milano, Cisalpino, 2006

G. REGOLIOSI MORANI, Il destino del giusto: percorsi mitici nei secoli intorno alle figure di Ifigenia, Ippolito, Alcesti, Eracle, Roma, Aracne, 2006

Testi di riferimento
Autore Titolo Casa editrice Anno ISBN Note
Leïla Slimani Chanson douce Gallimard 2016
Racine Iphigénie Gallimard 1999
Florent Chrestien Jepthé ou le vœu Olschki 1990 In La tragédie à l’époque d’Henri II et de Charles IX, “Théatre français de la Renaissance”, Ie série, vol. 3 (1566-1567), éd. Daniela Boccassini, Florence-Paris, Olschki-PUF, 1990, pp. 407-489
Jean de La Taille La Famine ou les Gabéonites Didier 1968
Agrippa d'Aubigné Les Tragiques Gallimard 1995
Corneille Médée Flammarion 2014
Jean Bastier de La Péruse Médée Olschki 1989 in La Tragédie à l’époque d’Henri II et de Charles IX, éd. Michel Dassonville, “Théatre français dela Renaissance”, Ie série, vol. I, Florence-Paris, Olschki-PUF, 1989, pp. 119-173
Jean Anouilh Médée Flammarion 2014
Pascal Quignard Médée Ritournelle 2011

Modalità d'esame

L'esame consiste in un colloquio orale in lingua francese sugli argomenti svolti durante il corso.
Il programma, la bibliografia e le modalità d’esame sono le medesime per tutti gli studenti, compresi i non frequentanti.

Materiale Didattico

Tipologia di Attività formativa D e F

Anno accademico:

Insegnamenti non ancora inseriti

Prospettive


Avvisi degli insegnamenti e del corso di studio

Per la comunità studentesca

Se sei già iscritta/o a un corso di studio, puoi consultare tutti gli avvisi relativi al tuo corso di studi nella tua area riservata MyUnivr.
In questo portale potrai visualizzare informazioni, risorse e servizi utili che riguardano la tua carriera universitaria (libretto online, gestione della carriera Esse3, corsi e-learning, email istituzionale, modulistica di segreteria, procedure amministrative, ecc.).
Entra in MyUnivr con le tue credenziali GIA.

Gestione carriere


Area riservata studenti


Attività accreditate D/F


Calendario didattico dettagliato


Competenze linguistiche (prima e seconda lingua)


Competenze linguistiche in magistrale (terza lingua CFU F)


Compilazione del piano didattico


Doppio Titolo

Grazie ad una rete di accordi con Atenei esteri, l’Università di Verona offre percorsi formativi internazionali che consentono l’acquisizione di un doppio titolo di studio. L’ammissione ad un CdS a doppio titolo consente di conseguire contemporaneamente, nel tempo di un normale ciclo di studi (di cui una parte viene svolta all'estero), sia il titolo di studio dell’Università di Verona che il titolo rilasciato dall'Ateneo partner, garantendo di vedere riconosciuto il diploma di laurea in entrambi i Paesi.
L'accesso al doppio titolo (così come l’eventuale sostengo finanziario) è regolato da uno specifico bando, e il numero di posti è limitato.

⇒ Per informazioni vedi LINK


Erasmus+ e altre esperienze all'estero


Esercitazioni Linguistiche CLA


Percorso verso l'insegnamento

Una delle possibilità per gli studenti dopo il conseguimento della laurea magistrale è l’insegnamento nella scuola: l’Università degli Studi di Verona è tra gli enti accreditati dal MIUR per l'erogazione di corsi di formazione e aggiornamento e qualificazione delle competenze per insegnanti. Il percorso per diventare insegnante è legato alle seguenti condizioni:

1a CONDIZIONE
Il possesso della laurea magistrale o a ciclo unico, oppure diploma di II livello dell’alta formazione artistica, musicale e coreutica, oppure titolo equipollente o equiparato, coerente con le classi di concorso vigenti alla data di indizione del concorso; il futuro insegnante dovrà, inoltre, soddisfare i requisiti di accesso previsti per la classe di concorso scelta.
Per le classi di concorso:

  • A-24 (Lingue e culture straniere negli istituti di istruzione secondaria di II grado) e 
  • A-25 (Lingua inglese e seconda lingua comunitaria nella scuola secondaria I primo grado)

sono previsti i seguenti requisiti di accesso (vedi l’allegato A al DM 259/2017): 

1)    18 CFU nei settori scientifico disciplinari L-LIN/01 e/o L-LIN/02
2)    36 CFU della lingua di specializzazione scelta
3)    24 CFU della letteratura relativa alla lingua di specializzazione scelta.

I requisiti specifici delle classi di concorso A-24 e A-25 possono essere soddisfatti nell’ambito dei piani didattici o negli esami a scelta libera superati all’interno del percorso di studio universitario (Laurea Triennale e Magistrale), oppure attraverso l’iscrizione a corsi singoli.
Il requisito relativo alla lingua di specializzazione (2) è soddisfatto (sulla base degli esami previsti nel piano didattico) nell’ambito del percorso formativo che comprende una laurea triennale dell’area di Lingue e Letterature Straniere, seguita da una laurea magistrale della medesima area (qualsiasi Corso di Laurea triennale e magistrale dell’area di Lingue e Letterature Straniere).
Per verificare i requisiti relativi alla letteratura di specializzazione (3) e agli insegnamenti di linguistica che appartengono ai settori scientifico-disciplinari di L-LIN/01 e L-LIN/02 (1), invece, gli studenti sono invitati a consultare il proprio piano didattico per verificare il numero di CFU previsti nel percorso formativo.

2a CONDIZIONE
Il possesso dei 24 crediti formativi universitari o accademici acquisiti in forma curricolare, aggiuntiva o extra curricolare nelle discipline antropo-psico-pedagogiche e nelle metodologie e tecnologie didattiche, garantendo comunque il possesso di almeno 6 CFU conseguiti in ciascuno di almeno tre dei seguenti quattro ambiti disciplinari: 
1)    pedagogia;
2)    pedagogia speciale e didattica dell’inclusione; 
3)    psicologia; antropologia; 
4)    metodologie e tecnologie didattiche.

Percorso formativo 24 CFU
Consente di acquisire uno dei requisiti di partecipazione al concorso nazionale per l’accesso al “percorso annuale di formazione iniziale e prova” su posti comuni e di sostegno, ai sensi del D.Lgs 13 aprile 2017, n. 59 come modificato dalla legge n.145 del 30/12/2018 (c. dal 792 al 796).
I settori scientifico disciplinari, gli obiettivi formativi, le modalità organizzative e gli eventuali costi sono stati stabiliti dal D.M. 10 agosto 2017, n. 616.
Per sapere quali insegnamenti della propria carriera vengano automaticamente riconosciuti si rimanda alla pagina del sito di Ateneo dedicata al percorso formativo 24 CFU.
Si consiglia agli interessati di consultare la pagina https://www.univr.it/it/i-nostri-servizi/futuri-studenti/post-laurea/formazione-degli-insegnanti in costante aggiornamento, in particolare sezione documenti in cui vengono pubblicati formulari, programmi degli insegnamenti ed elenchi di studenti ammessi.
Tra gli insegnamenti automaticamente riconosciuti nell’ambito dei 24 CFU vi sono: Insegnamento delle lingue (L-LIN/02) e Apprendimento delle lingue (L-LIN/02), previsti nel piano didattico del curriculum Linguistico-didattico del CdS di Lingue e letterature straniere (LLS).
Gli studenti immatricolati nel CdS di LLS che hanno scelto i curricula Letterario e Artistico possono comunque inserire tali insegnamenti nel piano di studi come crediti D (a scelta libera).
Gli studenti immatricolati negli altri CdS triennali del Dipartimento di Lingue e letterature straniere (Lingue e culture per il turismo e il commercio internazionale; Lingue e culture per l’editoria [a esaurimento]; Lingue e letterature per l’editoria e i media digitali) posso inserire tali insegnamenti nella propria carriera solo su eventuale autorizzazione preventiva del Presidente del Collegio Didattico (mediante Help desk).
Il soddisfacimento della 1a e 2a condizione è requisito obbligatorio per partecipare ai concorsi di abilitazione o specifici percorsi post lauream previsti dal Ministero.
 

 


Prova finale

La prova finale, cui sono attribuiti 21 CFU, deve presentare un approccio originale su un argomento attinente la prima o la seconda lingua scelte dallo studente; la prima o la seconda letteratura; le relative materie d’area; le relative filologie oppure il settore delle letterature comparate. Si tratta di un approfondito lavoro di ricerca che dovrà sfociare in un elaborato in lingua italiana o straniera di almeno ottanta cartelle. Guidato dal relatore, lo studente dimostrerà di saper raccogliere informazioni e materiali bibliografici, di rielaborare e collegare tra loro le letture effettuate, di applicare conoscenze teorico-metodologiche all’analisi dei testi o alle problematiche affrontate. Lo studente potrà chiedere l’assegnazione di un argomento per la tesi dopo aver acquisito almeno 50 CFU del biennio.

La discussione della tesi avviene in presenza di una Commissione di Laurea composta da non meno di 5 docenti dell’Ateneo.
Alla prova finale potranno essere attribuiti non più di 11 punti su 110.
Per le altre disposizioni, si rimanda espressamente al Regolamento Didattico di Ateneo e al Regolamento di Ateneo per gli studenti.
Il voto di laurea è formato da:
a) la media aritmetica dei voti conseguiti negli esami, rapportata a 110,
b) la valutazione dell’esame di laurea: un massimo di 11 punti riservati alla tesi magistrale e relativa discussione. Al candidato che abbia ottenuto il massimo dei voti può essere concessa la distinzione della lode, se la Commissione è unanime nel giudicare eccellente la tesi e ottima la discussione in sede di esame. A tesi particolarmente significative può essere riconosciuta anche la dignità di stampa.
c) punti supplementari di incentivazione:
  • un massimo di 2 punti per le lodi (1 punto per due lodi, 2 punti per più lodi).

  • 2 punti per la partecipazione al Programma Erasmus o assimilato, a condizione che lo studente: abbia acquisito almeno 12 CFU per un semestre di mobilità nel corso del ciclo di studi (24 CFU per due semestri di mobilità) e consegua il titolo finale entro la durata normale del corso di studi.
  • 1 punto per la partecipazione al Programma Erasmus o assimilato, a condizione che lo studente: abbia acquisito almeno 12 CFU per un semestre di mobilità nel corso del ciclo di studi (24 CFU per due semestri di mobilità) e consegua il titolo finale anche oltre la durata normale del corso di studi.

Non possono essere attribuiti punti di incentivazione per qualsiasi esperienza all’estero svolta dallo studente su iniziativa privata, anche se riconosciuta come equipollente dal Dipartimento/Collegio Didattico.


Adempimenti amministrativi, scadenze domanda di laurea, calendari delle discussioni di laurea al seguente link Sessioni di laurea


Stage e tirocini

Le attività di stage sono finalizzate a far acquisire allo studente una conoscenza diretta in settori di particolare interesse per l’inserimento nel mondo del lavoro e per l’acquisizione di abilità professionali specifiche.
Le attività di stage sono svolte sotto la diretta responsabilità di un singolo docente presso studi professionali, enti della pubblica amministrazione, aziende accreditate dall’Ateneo veronese.
I crediti maturati in seguito ad attività di stage saranno attribuiti secondo quanto disposto nel dettaglio dal “Regolamento d’Ateneo per il riconoscimento dei crediti maturati negli stage universitari” vigente.


Tutte le informazioni in merito agli stage sono reperibili al link https://www.univr.it/it/i-nostri-servizi/stage-e-tirocini

Ulteriori informazioni al seguente link https://www.univr.it/it/i-nostri-servizi/gestione-carriere-studenti-lingue-e-letterature-straniere/stage-e-tirocini-lingue-e-letterature-straniere

 


Vademecum dello studente