Studying at the University of Verona

A.A. 2017/2018

Academic calendar

Il calendario accademico riporta le scadenze, gli adempimenti e i periodi rilevanti per la componente studentesca, personale docente e personale dell'Università. Sono inoltre indicate le festività e le chiusure ufficiali dell'Ateneo.
L’anno accademico inizia il 1° ottobre e termina il 30 settembre dell'anno successivo.

Academic calendar

Course calendar

The Academic Calendar sets out the degree programme lecture and exam timetables, as well as the relevant university closure dates. .

Definition of lesson periods
Period From To
FISIO VR 2^ ANNO - 1^ SEMESTRE Oct 2, 2017 Nov 10, 2017
FISIO VR 3^ ANNO - 1^ SEMESTRE Oct 2, 2017 Nov 10, 2017
FISIO VR 1^ ANNO - 1^ SEMESTRE Oct 9, 2017 Dec 7, 2017
FISIO VR 2^ ANNO - 2^ SEMESTRE Jan 29, 2018 Mar 16, 2018
FISIO VR 1^ ANNO - 2^ SEMESTRE Mar 5, 2018 Apr 27, 2018
FISIO VR 3^ ANNO - 2^ SEMESTRE Mar 5, 2018 Mar 29, 2018
Exam sessions
Session From To
FISIO VR SESSIONE INVERNALE Jan 8, 2018 Jan 26, 2018
FISIO VR SESSIONE ESTIVA Jul 2, 2018 Jul 31, 2018
FISIO VR SESSIONE AUTUNNALE Sep 3, 2018 Sep 28, 2018
Degree sessions
Session From To
FISIO SESSIONE AUTUNNALE Nov 1, 2018 Nov 30, 2018
FISIO SESSIONE PRIMAVERILE Mar 1, 2019 Apr 30, 2019
Holidays
Period From To
All Saints Day Nov 1, 2017 Nov 1, 2017
Immaculate Conception Dec 8, 2017 Dec 8, 2017
Christmas break Dec 22, 2017 Jan 7, 2018
Easter break Mar 30, 2018 Apr 3, 2018
Liberation Day Apr 25, 2018 Apr 25, 2018
Labour Day May 1, 2018 May 1, 2018
Patron Saint Day May 21, 2018 May 21, 2018
Republic Day Jun 2, 2018 Jun 2, 2018
VACANZE ESTIVE Aug 6, 2018 Aug 19, 2018
Other Periods
Description Period From To
FISIO VR 3^ anno - 1^semestre (1 periodo) FISIO VR 3^ anno - 1^semestre (1 periodo) Nov 13, 2017 Dec 21, 2017
FISIO VR 2^ anno - 1^semestre FISIO VR 2^ anno - 1^semestre Nov 20, 2017 Dec 21, 2017
FISIO VR 3^ anno - 1^semestre (2 periodo) FISIO VR 3^ anno - 1^semestre (2 periodo) Jan 29, 2018 Mar 2, 2018
FISIO VR 1^ anno - 1^semestre FISIO VR 1^ anno - 1^semestre Jan 29, 2018 Mar 2, 2018
FISIO VR 2^ anno - 2^semestre FISIO VR 2^ anno - 2^semestre Mar 26, 2018 Jun 22, 2018
FISIO VR 3^ anno - 2^semestre FISIO VR 3^ anno - 2^semestre Apr 4, 2018 Jun 22, 2018
FISIO VR 1^ anno - 2^semestre FISIO VR 1^ anno - 2^semestre May 7, 2018 Jun 22, 2018

Exam calendar

The exam roll calls are centrally administered by the operational unit   Medicine Teaching and Student Services Unit
Exam Session Calendar and Roll call enrolment   sistema ESSE3 . If you forget your password to the online services, please contact the technical office in your Faculty or to the service credential recovery .

Exam calendar

Per dubbi o domande Read the answers to the more serious and frequent questions - F.A.Q. Examination enrolment

Academic staff

A B C E F G L M P R S T V Z

Accordini Simone

simone.accordini@univr.it +39 045 8027657

Adamoli Davide

davide.adamoli@univr.it

Antoniazzi Franco

franco.antoniazzi@univr.it +39 045 812 7811-7131

Bazzoni Flavia

flavia.bazzoni@univr.it +39 045 802 7128

Biasi Domenico

domenico.biasi@univr.it +39 045 812 4049

Biondani Cinzia

cinzia.biondani@ospedaleuniverona.it

Bombieri Cristina

cristina.bombieri@univr.it 045-8027209

Bortolotti Federica

federica.bortolotti@univr.it 045 8124618

Buffelli Mario Rosario

mario.buffelli@univr.it +39 0458027268

Cafaro Daniela

daniela.cafaro@univr.it 0458128121

Cantalupo Gaetano

gaetano.cantalupo@univr.it +39 045 812 7123

Cattaneo Luigi

luigi.cattaneo@univr.it +39 045 802 7198

Cecchetto Simone

simone.cek@libero.it 0444/431354

Ciccocioppo Rachele

rachele.ciccocioppo@univr.it 045 8124466

Cornacchia Marta

marta.cornacchia@alice.it 045/6138715

Costa Claudio

Eccher Claudio

cleccher@fbk.eu 0461 314161

Ferrari Marcello

marcello.ferrari@univr.it +39 045 8124262

Fumagalli Guido Francesco

guido.fumagalli@univr.it 045 802 7605 (dipartimento)

Furri Laura

laura.furri@univr.it 045 8027678

Gandolfi Marialuisa

marialuisa.gandolfi@univr.it +39 045 812 4943

Gotte Giovanni

giovanni.gotte@univr.it 0458027694

Landuzzi Maria Gabriella

mariagabriella.landuzzi@univr.it +39 045 802 8547

Majori Silvia

silvia.majori@univr.it +39 045 8027653

Mariotti Raffaella

raffaella.mariotti@univr.it 0458027164

Marzola Pasquina

pasquina.marzola@univr.it 045 802 7816 (ufficio); 045 802 7614 (laboratorio)

Mazzariol Annarita

annarita.mazzariol@univr.it 045 8027690

Molino Annamaria

annamaria.molino@univr.it 045 8122342

Moro Valentina

Valentina.Moro@univr.it +39 045 802 8370

Munari Daniele

daniele.munari@univr.it +39 0458124573

Perbellini Luigi

luigi.perbellini@univr.it +39 045 812 4295

Pilotto Franco

francopilotto@libero.it 049/5594050

Prior Manlio

manlio.prior@univr.it +39 045 812 6812

Ribichini Flavio Luciano

flavio.ribichini@univr.it +39 045 812 2039

Sala Francesco

francesco.sala@univr.it +39 045 812 2695 (segreteria)

Savazzi Silvia

silvia.savazzi@univr.it +39 0458027691

Scuma' Cristina

cristina.scuma@univr.it 045 8027240

Smania Nicola

nicola.smania@univr.it +39 045 8124573

Tassinari Giancarlo

giancarlo.tassinari@univr.it +39 0458027153

Tinazzi Michele

michele.tinazzi@univr.it +39 045 8122601

Trombetti Bice

trombetti.bice tiscali.it

Vecchini Eugenio

eugenio.vecchini@univr.it +39 045 812 3575 - 3553 - 3549

Zancanaro Carlo

carlo.zancanaro@univr.it 045 802 7157 (Medicina) - 8425115 (Scienze Motorie)

Zanusso Gianluigi

gianluigi.zanusso@univr.it +39 0458124285

Study Plan

The Study Plan includes all modules, teaching and learning activities that each student will need to undertake during their time at the University. Please select your Study Plan based on your enrolment year.

TeachingsCreditsTAFSSD
7
A/B
(BIO/16 ,BIO/17 ,MED/48)
6
A/B
(BIO/09 ,MED/48)
6
A/B
(BIO/09 ,M-PSI/01)
5
A/B
(M-DEA/01 ,MED/36 ,MED/42 ,MED/48)
5
A/B
(MED/34 ,MED/48 ,M-PED/01)
8
A/B
(BIO/10 ,BIO/13 ,FIS/07 ,MED/01)
3
E/F
(L-LIN/12)

1° Anno

TeachingsCreditsTAFSSD
7
A/B
(BIO/16 ,BIO/17 ,MED/48)
6
A/B
(BIO/09 ,MED/48)
6
A/B
(BIO/09 ,M-PSI/01)
5
A/B
(M-DEA/01 ,MED/36 ,MED/42 ,MED/48)
5
A/B
(MED/34 ,MED/48 ,M-PED/01)
8
A/B
(BIO/10 ,BIO/13 ,FIS/07 ,MED/01)
3
E/F
(L-LIN/12)

Legend | Type of training activity (TTA)

TAF (Type of Educational Activity) All courses and activities are classified into different types of educational activities, indicated by a letter.




SPlacements in companies, public or private institutions and professional associations

Teaching code

4S000145

Credits

5

Coordinatore

Franco Antoniazzi

The teaching is organized as follows:

Metodologia della riabilitazione in eta' evolutiva

Credits

2

Period

See the unit page

Academic staff

See the unit page

Pediatria

Credits

1

Period

FISIO VR 2^ ANNO - 2^ SEMESTRE

Academic staff

Franco Antoniazzi

Neuropsichiatria infantile

Credits

2

Period

FISIO VR 2^ ANNO - 2^ SEMESTRE

Academic staff

Gaetano Cantalupo

Learning outcomes

Knowledge of principles of growth and auxology; measures of growth, of bone and pubertal age.
Knowledge of most frequent growth pathologies, harmonic and disarmonic; overweight and obesity, epidemiology; general concepts of genetics and epigenetics.
Knowledge of skeletal functions and hormonal control of skeletal longitudinal growth, bone mass growth and peak bone mass. Knowledge of the importance of physical exercise on growth.
Knowledge of pediatric fractures, their epidemiology, causes and physiopathology. Definition and knowledge of primary and secondary pediatric osteoporosis: methods for prevention and therapy.
Knowledge of the importance of physical exercise, rehabilitative therapy, nutritional factors and pharmacological treatments in pediatric osteoporosis prevention and treatment. "Non accidental injuries" in children.
Knowledge of the importance of vitamin D as hormone for skeletal and extra-skeletal actions, for prevention and treatment of rickets.
Knowledge of the most frequent forms of musculoskeletal recurrent pain in children
Knowledge of osteogenesis imperfecta, some aspects of collagen physiopathology, surgical, rehabilitative and pharmacological treatments.

------------------------
MM: Rehabilitation Methodology in evolutive age
------------------------
Being able to: -recognize the differences between the main rehabilitation methods; -observe the disabled child and to assess his/her adaptive functions -identify treatment goals by building an individualized project -identify the appropriate tools and materials to achieve the setting -recognize the different types of infant cerebral palsy and its treatment -understand the concept of care in the preterm infant and its approach - use the main aids and orthotic devices.
------------------------
MM: Principi e tecniche abilitative-riabilitative e psicomotorie dello sviluppo 0-6 anni
------------------------
The course aims to provide the conceptual, methodological and cultural bases of rehabilitation in infants and adolescents. The aim of the course is to make the student understand the meaning of terms by enabling and rehabilitating them specifically in the context of the treatment of the child and adolescent. Teaching leads the student to know the phases of child development from 0 to 6 years in his psychological, psychomotor and relational components, studying them and evaluating them from a theoretical point of view to reach clinical practice. At the end of the course the student will acquire the knowledge and skills necessary to identify and recognize the constructs of development analysing the child’s behavior .

Program

Principles of growth and auxology; measures of growth, of bone and pubertal age.
Knowledge of most frequent growth pathologies, harmonic and disarmonic; overweight and obesity, epidemiology; general concepts of genetics and epigenetics.
Skeletal functions and hormonal control of skeletal longitudinal growth, bone mass growth and peak bone mass. Importance of physical exercise on growth.
Pediatric fractures, epidemiology, causes and physiopathology. Definition and knowledge of primary and secondary pediatric osteoporosis: methods for prevention and therapy.
Importance of physical exercise, rehabilitative therapy, nutritional factors and pharmacological treatments in pediatric osteoporosis prevention and treatment. "Non accidental injuries" in children.
Importance of vitamin D as hormone for skeletal and extra-skeletal actions, for prevention and treatment of rickets.
Frequent forms of musculoskeletal recurrent pain in children.
Osteogenesis imperfecta, some aspects of collagen physiopathology, surgical, rehabilitative and pharmacological treatments.


------------------------
MM: Metodologia della riabilitazione in età evolutiva
------------------------
Introduction: children affected by neurological pathology. General overview of the infant rehabilitation history in Italy, its complexity and new boundaries according to the most recent neuroscience acquisitions. Main methods: principles (Bobath, Voyta). From method to methodology: guidelines for infant rehabilitation performed on cerebral palsy (mainly, “Manifesto della Riabilitazione infantile” and “Linee guida per la riabilitazione dei bambini affetti da PCI”). The rehabilitation programme: the setting, the child-therapist interaction, the parents-therapist interaction, equipment and tools. Understanding emotional relationships of the child and his/her family. Latest definition of the infant cerebral palsy and presentation of the classification by Prof. Adriano Ferrari . Main clinical forms of tetraplegia, physiotherapy project. Video observation and teamwork. Diplegia and walking function in children with cerebral palsy. Assessment scale. Video observation and teamwork. Hemiplegia and classification of manipulation patterns. Manipulation function, assessment scale, intervention strategies. Video observation, teamwork. Combined rehabilitation treatment: orthosis and devices, pharmacology and functional surgery. Posture: observation, therapeutic proposals and use of the main assessment scales. Post surgery treatment and post toxin botulin treatment: therapeutic intervention protocols. Assistive devices and aids: ICF Children presentation. Brief reference to muscular pathologies and myelomeningocele. Hint at orthopedic pediatric pathologies. The preterm newborn and the severe prematurity. Definition, care and therapeutic treatment. Discharge of the infant from intensive care unit, first approach of the therapist both at home as well as within the rehabilitation centre. Main breathing, feeding and visual problems. Augmentative alternative communication: definition, intervention. *Bibliography: • Le forme spastiche della paralisi cerebrale infantile. A Ferrari, G. Cioni. edizione Springer 2005 • L’Architettura delle funzioni. Lo sviluppo neuromotorio del bambino fra normalità e patologia. Bertozzi L., Mora I., Montanari, Springer-Verlag, Milano 2002. • La fisioterapia nella paralisi cerebrale infantile Principi ed esperienze - Postura seduta Ed. Springer Autori: Borelli G., Neviani R., Sghedoni A., Conti M.R., Montanari L., Ovi A.,Ferrari A.
------------------------
MM: Principi e tecniche abilitative-riabilitative e psicomotorie dello sviluppo 0-6 anni
------------------------
• The child rehabilitation: care, taking care, rehabilitation, habilitation, psychomotricity. • The development 0-6 years - basic principles: neoteny, evolutionary concepts, the psychological birth. • Psychomotor development: motricity, body schema, tone, motor project, space-time organization, laterality, graphism, language. • The rehabilitation setting: physical dimension, mental dimension, regulatory dimension, time dimension. • The psychomotor observation of the child. • The psychomotor disorders: background. The chosen teaching mode is the frontal lesson. For exposure the teacher will use slides, video content, and paper cards. The reference bibliography for the student is represented by the following texts: − Pisaturo C., Appunti di psicomotricità. La pratica psicomotoria nella clinica neuropsichiatrica dell'età evolutiva, Piccin, 1996 – capitoli 5 e 6 − Valente D., Fondamenti di riabilitazione in età evolutiva, Carocci Faber, 2009 – capitoli 1 (paragrafo 1.1) e 2. The student also provides a script prepared by the teacher.

Examination Methods

Pediatria
Written exam with multiple choice tests.

------------------------
MM: Metodologia della riabilitazione in età evolutiva
------------------------
Oral examination
------------------------
MM: Principi e tecniche abilitative-riabilitative e psicomotorie dello sviluppo 0-6 anni
------------------------
The student's knowledge and skills assessment method consists of a written test with multiple answer questions (0.5 points), short open questions (3 lines, 1.5 points) and long open questions (10 lines, 3 points). The written test is intended to ensure knowledge of all the detailed topics in the program delivered at the opening of the course to the students. The final evaluation is expressed in thirty points.

Bibliografia

Reference texts
Author Title Publishing house Year ISBN Notes
Marcadante K.J, Kliegman R.M. et al. Nelson Essential of Pediatrics (Edizione 18) Elsevier 2015
Cantalupo Gaetano Appunti delle lezioni  

Tipologia di Attività formativa D e F

Academic year

Course not yet included

Career prospects


Avvisi degli insegnamenti e del corso di studio

Per la comunità studentesca

Se sei già iscritta/o a un corso di studio, puoi consultare tutti gli avvisi relativi al tuo corso di studi nella tua area riservata MyUnivr.
In questo portale potrai visualizzare informazioni, risorse e servizi utili che riguardano la tua carriera universitaria (libretto online, gestione della carriera Esse3, corsi e-learning, email istituzionale, modulistica di segreteria, procedure amministrative, ecc.).
Entra in MyUnivr con le tue credenziali GIA.

Graduation


Appelli d'esame

AVVISO IMPORTANTE

Al momento non è stato comunicato come procedere per la sessione autunnale, quindi visti la collocazione della Regione Veneto in “Zona Bianca” e il comunicato dell'Unità di Crisi del 27/4 u.s., ritengo di seguire quanto scritto in quest'ultimo:

"l’Unità di crisi del nostro Ateneo ha disposto il progressivo ritorno allo svolgimento in presenza degli esami di profitto, disponendo, però, al contempo, che «qualora l’esame venga organizzato in presenza è comunque garantita la possibilità di svolgimento dell’esame in modalità a distanza agli Studenti che presentino al Docente una valida motivazione legata alla pandemia."
A tal fine, l’Unità di Crisi ha predisposto un apposito modulo di richiesta (https://www.univr.it/it/coronavirus-info-studenti).
Il modulo, compilato in ogni sua parte e firmato dalla/o Studentessa/Studente richiedente, dovrà essere inviato esclusivamente tramite la casella di posta istituzionale al Docente coordinatore dell’insegnamento al quale si chiede la possibilità di svolgere l’esame a distanza.

Agli studenti che dovessero venire a svolgere esami in presenza è richiesto di arrivare già dotati di propria mascherina e di rispettare le misure igienico-sanitarie disposte dall’Università.
Gli appelli d’esame si aprono per l’intero Insegnamento e non per singoli moduli.
Per il singolo modulo come sopra descritto, una settimana prima dell'esame, è OBBLIGATORIO comunicare, utilizzando la propria mail istituzionale o di classe, al/i docente/i, l’intenzione di sostenere l’esame stesso.

Nel file, diviso per anni, sono indicate, dove comunicate dai Coordinatori d’Insegnamento, tutte le date, gli orari, le aule  e le modalità degli esami.
 
L’iscrizione agli APPELLI D'ESAME APERTI ON LINE è OBBLIGATORIA.
 

Allegati


Gestione carriere


Tirocinio professionalizzante

a) Finalità del Tirocinio Le attività di tirocinio sono finalizzate a far acquisire allo studente le competenze specifiche previste dal profilo professionale. Per conseguire tali finalità formative, si possono attivare convenzioni con strutture che rispondano ai requisiti di idoneità per attività, dotazione di servizi e strutture. I 60 crediti minimi riservati al tirocinio sono da intendersi come impegno complessivo necessario allo studente per raggiungere le competenze professionali “core” previste dal rispettivo profilo professionale. Il tirocinio professionale comprende: - sessioni tutoriali che preparano lo studente all’esperienza; - esercitazioni e simulazioni in cui si sviluppano le abilità tecniche, relazionali e metodologiche in situazione protetta prima o durante la sperimentazione nei contesti reali; - esperienze dirette sul campo con supervisione; - sessioni tutoriali e feedback costanti; - compiti didattici, elaborati e approfondimenti scritti specifici e mandati di studio guidato. b) La valutazione delle competenze acquisite in tirocinio Le esperienze di tirocinio devono essere progettate, valutate e documentate nel percorso dello studente. Durante ogni esperienza di tirocinio lo studente riceve valutazioni formative sui suoi progressi sia attraverso colloqui e schede di valutazione. Al termine di ciascun anno di corso viene effettuata una valutazione certificativa per accertare i livelli raggiunti dallo studente nello sviluppo delle competenze professionali attese. Tale valutazione è la sintesi delle valutazioni formative via via documentate durante l’anno di corso, il profitto raggiunto negli elaborati scritti e le performance dimostrate all’esame di tirocinio che può essere realizzato con colloqui, prove scritte applicative, esami simulati. La valutazione annuale è certificata da una Commissione presieduta dal Coordinatore della didattica professionale e composta almeno da un docente e da un Tutor Clinico. La valutazione certificativa del tirocinio sarà espressa in trentesimi in base al livello di raggiungimento degli obiettivi. Verrà registrato come “ritirato” lo studente che sospende il tirocinio per problemi di salute, gravidanza o per motivazioni personali; sarà registrata come “respinto” quando lo studente durante il percorso o alla fine del tirocinio non ha raggiunto livelli sufficienti negli obiettivi formativi. L’esame annuale di tirocinio prevede un unico appello per anno accademico, salvo particolari situazioni per le quali la commissione didattica potrà concedere un appello straordinario. c) Prerequisiti di accesso al tirocinio Pag. 7 di 12 Il Coordinatore della didattica professionale ammette alla frequenza dell’esperienza di tirocinio previsto per l’anno di corso gli studenti che: hanno frequentato regolarmente le attività teoriche, in particolare gli insegnamenti delle discipline professionali dell’anno in corso e dell’anno precedente; hanno partecipato regolarmente ai laboratori professionali ritenuti propedeutici al tirocinio d) Assenze dal tirocinio Lo studente che si assenta dal tirocinio per periodi brevi (assenze inferiori ad una settimana durante l’anno solare) può recuperare tali assenze su autorizzazione del tutor/clinico salvaguardando orari che offrono opportunità di apprendimento. Non sono ammessi recuperi di giornate isolate al di fuori del periodo dedicato al tirocinio. Lo studente che si assenta dal tirocinio per periodi lunghi (assenze superiori ad una settimana nell’anno solare) – per gravi e giustificati motivi – deve concordare con il Coordinatore della didattica professionale un piano di recupero personalizzato. Lo studente che conclude positivamente il tirocinio di anno con un debito orario sul monte ore previsto (non superiore a 15 ore), può essere ammesso all’esame annuale di tirocinio se l’assenza non ha compromesso il raggiungimento degli obiettivi di anno e può recuperare il suddetto debito entro la fine del 3° anno. Lo studente è tenuto a documentare le ore di presenza in tirocinio nel libretto, a farle controllare e controfirmare dal tutor e segnalare tempestivamente l’esigenza di recupero di eventuali assenze. e) Sospensione dal tirocinio Le motivazioni che possono portare alla sospensione dal tirocinio sono le seguenti: Motivazioni legate allo studente: - studente potenzialmente pericoloso per la sicurezza degli utenti/tecnologia o che ha ripetuto più volte errori che mettono a rischio la vita dell’utente; - studente che non ha i prerequisiti e che deve recuperare obiettivi formativi propedeutici ad un tirocinio formativo e sicuro per gli utenti; - studente che frequenta il tirocinio in modo discontinuo. Altre motivazioni: - stato di gravidanza nel rispetto della normativa vigente; - studente con problemi psicofisici che possono comportare stress o danni per lui, per i malati o per l’équipe della sede di tirocinio o tali da ostacolare le possibilità di apprendimento delle competenze professionali core. La sospensione temporanea dal tirocinio è proposta dal tutor al Coordinatore della didattica professionale tramite apposita relazione, che verrà discussa e motivata in un colloquio con lo studente. La sospensione è formalizzata con lettera del Coordinatore della didattica professionale allo studente. La riammissione dello studente al tirocinio è concordata con tempi e modalità definite dal Coordinatore della didattica professionale sentito il tutor che l’ha proposta. Qualora persistano le difficoltà che hanno portato alla sospensione temporanea dal tirocinio o ci sia un peggioramento che impedisce l’apprendimento delle abilità professionali, il Coordinatore della didattica professionale ha facoltà di proporre al Collegio Didattico la sospensione definitiva dello studente dal tirocinio tramite apposita relazione che documenti approfonditamente le motivazioni f) Studenti ripetenti per profitto insufficiente in tirocinio. Lo studente ripetente per un profitto insufficiente in tirocinio concorda con il Coordinatore della didattica professionale un piano di recupero personalizzato sulla base dei propri bisogni formativi che potrà prevedere un prolungamento dell’attività di tirocinio. Per essere ammesso a frequentare l’esperienza di tirocinio prevista dal piano di recupero personalizzato, allo studente ripetente è richiesto di Pag. 8 di 12 aver ripetuto le esperienze di laboratorio ritenute propedeutiche al tirocinio dal Coordinatore della didattica professionale. Lo studente insufficiente in tirocinio non può ripetere più di una volta il tirocinio per ogni anno di corso. Ciò vale anche nel caso in cui lo studente sospenda il tirocinio prima del termine previsto dal calendario e non si presenti all’Esame Annuale di Tirocinio. g) Tirocinio supplementare È possibile attivare un tirocinio supplementare in due casi: - studente ripetente o fuori corso, che abbia superato positivamente il tirocinio dell’anno in corso - studente che richieda un approfondimento tematico. Lo studente che richiede di svolgere un’esperienza supplementare dovrà rivolgersi al Coordinatore della didattica professionale che risponderà alle richieste compatibilmente con le esigenze organizzative. La frequenza dell’esperienza supplementare non deve interferire con il completamento dei suoi impegni di recupero teorico. L’esperienza supplementare dovrà essere valutata e registrata a tutti gli effetti sul libretto di tirocinio a scopi assicurativi, ma non potrà essere considerata un anticipo dell’anno successivo. h) Sciopero dei dipendenti delle strutture di tirocinio In caso di sciopero del personale dipendente delle strutture convenzionate per il tirocinio, che svolga attività di Guida, le esperienze di tirocinio saranno sospese. Tale assenza non dovrà essere recuperata, le ore saranno riconosciute come studio individuale

Per maggiori informazioni consultare la pagina del servizio 

Orario lezioni


Further services

I servizi e le attività di orientamento sono pensati per fornire alle future matricole gli strumenti e le informazioni che consentano loro di compiere una scelta consapevole del corso di studi universitario.