Studying at the University of Verona

Here you can find information on the organisational aspects of the Programme, lecture timetables, learning activities and useful contact details for your time at the University, from enrolment to graduation.

A.A. 2021/2022

Academic calendar

The academic calendar shows the deadlines and scheduled events that are relevant to students, teaching and technical-administrative staff of the University. Public holidays and University closures are also indicated. The academic year normally begins on 1 October each year and ends on 30 September of the following year.

Academic calendar

Course calendar

The Academic Calendar sets out the degree programme lecture and exam timetables, as well as the relevant university closure dates..

Definition of lesson periods
Period From To
Sem. 1A Sep 27, 2021 Nov 6, 2021
Sem. 1B Nov 15, 2021 Jan 12, 2022
Sem. 2A Feb 14, 2022 Mar 26, 2022
Sem. 2B Apr 4, 2022 Jun 4, 2022
Exam sessions
Session From To
Sessione Invernale Jan 10, 2022 Feb 12, 2022
Sessione estiva Jun 6, 2022 Jul 23, 2022
Sessione autunnale Aug 29, 2022 Sep 24, 2022

Exam calendar

Exam dates and rounds are managed by the relevant Humanistic Studies Teaching and Student Services Unit.
To view all the exam sessions available, please use the Exam dashboard on ESSE3.
If you forgot your login details or have problems logging in, please contact the relevant IT HelpDesk, or check the login details recovery web page.

Exam calendar

Should you have any doubts or questions, please check the Enrolment FAQs

Academic staff

A C D F G L M N P Q R S V Z

Amaddeo Francesco

francesco.amaddeo@univr.it 045 8124930

Capiluppi Claudio

claudio.capiluppi@univr.it 045/802.8621

Carreri Anna

anna.carreri@univr.it 0458028672

Cecchi Sergio

sergio.cecchi@univr.it 0458028034

Cima Rosanna

rosanna.cima@univr.it 0458028046

Decarli Giorgia

giorgia.decarli@univr.it

Dusi Paola

paola.dusi@univr.it 045/8028616

Fiorini Paolo

paolo.fiorini@univr.it 045 802 7963

Gosetti Giorgio

giorgio.gosetti@univr.it 045.8028650

Guiglia Giovanni

giovanni.guiglia@univr.it 045 802 8225

Lonardi Cristina

cristina.lonardi@univr.it 045/8028360

Meneghini Anna Maria

anna.meneghini@univr.it +39 045 802 8602

Mori Luca

luca.mori@univr.it 045 802 8388

Moro Sergio

sergio.moro@univr.it +39 045 8028857

Nocera Antonio

antonio.nocera@univr.it

Parini Giorgia Anna

giorgiaanna.parini@univr.it

Pasqualotto Luciano

luciano.pasqualotto@univr.it 02 87198535

Perlini Cinzia

cinzia.perlini@univr.it +39 0458126691

Poli Albino

albino.poli@univr.it 045 8027658

Raccanello Daniela

daniela.raccanello@univr.it 045 8028157

Salvan Antonella

antonella.salvan@univr.it

Scola Sara

sara.scola@univr.it (+39) 045 8028860

Soregotti Carlo

carlo.soregotti@univr.it

Stanzani Sandro

sandro.stanzani@univr.it +39 0458028649

Zoccatelli Giorgio

giorgio.zoccatelli@univr.it

Study Plan

The Study Plan includes all modules, teaching and learning activities that each student will need to undertake during their time at the University. Please select your Study Plan based on your enrolment year.

Legend | Type of training activity (TTA)

TAF (Type of Educational Activity) All courses and activities are classified into different types of educational activities, indicated by a letter.




SPlacements in companies, public or private institutions and professional associations

Teaching code

4S007389

Teacher

Rosanna Cima

Coordinatore

Rosanna Cima

Credits

6

Scientific Disciplinary Sector (SSD)

M-PED/01 - PEDAGOGY, THEORIES OF EDUCATION AND SOCIAL EDUCATION

Language

Italian

Period

Sem. 2B dal Apr 4, 2022 al Jun 4, 2022.

Learning outcomes

Knowledge and understanding - Knowledge and understanding of the principles concerning the listening attitude - Knowledge and understanding of the empathic relationship Ability to apply knowledge and understanding - Ability to develop a collaborative and constructive relationship both with the user and the other professional roles involved in the helping processes. LEARNING OUTCOMES The course aims at transferring the basic knowledge concerning the care process from a pedagogical perspective. Particular attention will be given to the new forms of social fragilities. The theoretical knowledge will be connected to listening skills, to a holistic conception of the fragility conditions and to the individuation of empowerment strategies for individual, families and ethnic, linguistic and religious groups. Moreover, the course will teach the basic narrative methodologies apt to recognize, understand and evaluate users problems and needs.

Program

The course aims to investigate what cultures of care today require in social service work following three lines of research:
(a) Service delivery models, for many years, have been confronted with the differences that constitute the multicultural structure of societies, what are the care devices that take into account these differences in working with families, mothers and children?
b) The scenario of needs, modified by the pandemic, has set in motion countless actions by associations, citizens' movements and family networks. How have the services taken them into account? How can we rethink relations between services and individuals, families and the territory?
c) The theoretical assumption that runs through the course is that taking care of others implies, on an existential level, also taking care of oneself. Care work, 'care' (the expression of what is dear to us) is an act that touches the emotional, personal and professional spheres; what posture can social workers embody in their work?
We will deepen knowledge, tools and skills aimed at having care, receiving care and creating situations of 'micro-community' in which 'doing care' takes place through co-responsibility and sharing of the Power of Care. Privileged witnesses will be present on the theme of care devices with migrant families (point a) and associative movements during the pandemic (point b). As regards point c, working tools on taking care of oneself in social service work will be tested.

TEXTS:
1) Luigina Mortari, Il sapere primo della cura, (p. 37 to p.66), in La politica della cura. Prendere a cuore la vita, Cortina, 2021.
2) Letizia Bianchi, Cura familiare, cura professionale, (p. 71 to p. 93), in Colombo, Cocever, Bianchi (eds.), Il lavoro di cura. Come si impara, come si insegna, Carocci, 2004.
3) John McKnight, Disabling social workers, (p. 73 to p. 91), in Ivan Illich et al., Esperti di Troppo. Il paradosso delle professioni disabilitanti, Erikson 2008.

ONE TEXT TO CHOOSE FROM:
- Simona Taliani, Non esistono culture innocenti. Gli antropologi, le famiglie spossessate e i bambini adottabili, L’Uomo, 2014, n. 2, pp. 45 -65 (articolo in rivista)
- Simona Taliani, Antropologie dell'infanzia e della famiglia immigrata, Rivista della Società italiana di antropologia medica / 39-40, ottobre 2015, pp. 17-70 (articolo in rivista)
- Buchi Emecheta, Cittadina di seconda classe, Giunti (ROMANZO)
- Rosanna Cima, Cultures of Care. Mediazione culturale ed et etnoclinica in ambito educativo, sociale, sanitario, ed. PresentArsì, 2014.
- AA. VV., Dire la maternità, printed by Ass. Stella - Casa di Ramìa - Comune di Verona, 2016.
- Chiara Zamboni, Sentire, in La carta coperta. The unconscious in feminist practices, Moretti e Vitali, 2019 (pp-61-79)



TEACHING METHODS
The course is intended to be an educational and research pathway, and therefore takes place in an active, reflective and compositional form.
Teaching requires attendance; if attendance is not possible, meetings will be held via streaming;
A narrative self-care tool will be experimented during the course.


Bibliografia

Visualizza la bibliografia con Leganto, strumento che il Sistema Bibliotecario mette a disposizione per recuperare i testi in programma d'esame in modo semplice e innovativo.

Examination Methods

The examination will be oral on the study texts and lecture content.
Objectives of the examination
Students are asked to demonstrate that they have
- have acquired the theoretical foundations of care (chapters by Mortari, Bianchi) and the issues of the risk of abuse of power in care work (chapter by McKnight);
- connect the contents of the lectures with their own experience of training in relation to caring for others;
- To be able to critically and self-critically analyse complex situations presented in the course of the course
- To formulate arguments related to the topics of the course in a critical and propositional way, highlighting doubts, possible proposals for interpreting the transformations of the needs of the beneficiaries of the services.


Assessment methods.

The oral exam is evaluated in thirtieths.

ERASMUS students are requested to contact the lecturer at the beginning of the course in order to agree on the teaching methods and assessment tests.

Type D and Type F activities

I crediti liberi a scelta dello studente (ambito “D”) sono 12 ed hanno lo scopo di offrire allo studente la possibilità di personalizzare il proprio percorso formativo permettendo di approfondire uno o più argomenti di particolare interesse legati al proprio percorso accademico.
Per garantire questo fine, si invitano gli studenti a rispettare le seguenti indicazioni per il completamento di tale ambito:

  • almeno un’attività formativa erogata come esame universitario (con relativo voto in trentesimi); si consigliano gli esami di Filosofia politica – Prof.ssa Ilaria Possenti, CdS in Scienze della comunicazione, Diritto del lavoro – Prof.ssa Laura Calafà, CdS in Scienze psicologiche per la formazione, Diritto penale – prof. Lorenzo Piccotti, Laurea magistrale a ciclo unico in Giurisprudenza e Legislazione minorile – Prof.ssa Silvana Strano Ligato, Laurea magistrale a ciclo unico in Giurisprudenza;
  • massimo 6 cfu relativi a competenze linguistiche (oltre a quelli previsti dal PdS);
  • massimo 6 cfu relativi a competenze informatiche (oltre a quelli previsti dal PdS) - ECDL e i corsi di base non saranno più riconosciuti;
  • massimo 4 cfu di tirocinio, (oltre a quelli previsti dal PdS);
  • massimo 6 cfu di attività laboratoriale/esercitazioni (compresi quelli previsti nei PdS per l’ambito) di regola viene riconosciuto 1 cfu ogni 25 ore di attività;
  • massimo 6 cfu di attività seminariale/convegni/cicli di incontri/formative in genere (sia accreditata dal Dipartimento di Scienze Umane che extrauniversitaria) – di regola viene riconosciuto 1 cfu ogni 8 ore di partecipazione e/o 2 giornate salvo diversamente deliberato;
  • non vengono valutate attività svolte in Erasmus non inserite nei Learning Agreement.
 Altre informazioni sono reperibili nella Guida per i crediti liberi che è possibile trovare quì
 
COMPETENZE TRASVERSALI
Scopri i percorsi formativi promossi dal  Teaching and learning centre dell'Ateneo, destinati agli studenti iscritti ai corsi di laurea, volti alla promozione delle competenze trasversali:
https://talc.univr.it/it/competenze-trasversali

 

Prima parte del primo semestre From 9/27/21 To 11/6/21
years Modules TAF Teacher
2° 3° Ciclo tematico di conferenze “Quali paradigmi oltre la pandemia?" D Not yet assigned
Seconda parte del primo semestre From 11/15/21 To 1/12/22
years Modules TAF Teacher
2° 3° Ciclo tematico di conferenze “Quali paradigmi oltre la pandemia?" D Not yet assigned
2 A CuCi From 2/14/22 To 3/26/22
years Modules TAF Teacher
2° 3° Introduction to robotics for humanities students D Paolo Fiorini (Coordinatore)

Career prospects


Module/Programme news

News for students

There you will find information, resources and services useful during your time at the University (Student’s exam record, your study plan on ESSE3, Distance Learning courses, university email account, office forms, administrative procedures, etc.). You can log into MyUnivr with your GIA login details.

Graduation

Attachments

List of theses and work experience proposals

theses proposals Research area
Proposta tesi Various topics

Assistente Sociale

Comune e Università di Verona collaborano per la formazione alla professione di assistente sociale. 

Visualizza il video in occasione della “Borsa di studio Simonetta Perazzoli”


 

Student mentoring


Practical information for students


Gestione carriere


Linguistic training CLA


Stage e Tirocini

Le attività̀ di tirocinio degli studenti si svolgono presso strutture esterne, convenzionate con l’Università degli Studi di Verona ai sensi delle vigenti disposizioni in materia. Nelle strutture esterne gli studenti svolgono le attività di tirocinio sotto la responsabilità di un assistente sociale (Tutor-supervisore), appartenente a dette strutture, coordinato a sua volta dal responsabile del tirocinio presso il Corso di Studio.
In assenza di un assistente sociale, operante nella struttura esterna, il Collegio didattico, per quanto di competenza, decide, su proposta dei responsabili del tirocinio, in ordine alle condizioni per l’effettuazione o la prosecuzione delle attività di tirocinio degli studenti interessati. Le attività di tirocinio sono obbligatorie per almeno 450 ore.
Il Collegio didattico, in deroga alle disposizioni del presente articolo, può consentire a studenti che si trovino in particolari condizioni, in specie se disabili, lavoratori o impegnati in organismi collegiali dell’Università degli Studi di Verona, di non ottemperare in parte all’obbligo di frequenza alle attività di tirocinio, predisponendo forme alternative di tirocinio, anche tramite supporti telematici e multimediali interattivi.
I responsabili delle attività di tirocinio presso il Corso di Studio, anche avvalendosi di appositi collaboratori o tutori esterni, accertano la presenza degli studenti presso le rispettive strutture. A tal fine utilizzano un apposito libretto di frequenza per ciascuno studente.
Al termine dell’attività di tirocinio, lo studente deve presentare una relazione scritta al responsabile di tale attività presso il Corso di Studio. Lo studente elabora la relazione scritta, controfirmata dal Tutor-supervisore. La relazione finale viene valutata dal responsabile del tirocinio presso il Corso di Studio e deve tenere conto degli obiettivi prefissati dal Collegio didattico.


La valutazione viene attribuita al tirocinio nel seguente modo: sufficiente = 1; buono = 2; ottimo = 3; eccellente = 4 e verrà aggiunta alla media dei voti del curriculum al momento della discussione della tesi.
Gli Uffici della Direzione Didattica e Servizi agli Studenti predispongono la documentazione necessaria allo svolgimento delle attività̀ di tirocinio, comprese attestazioni e certificazioni.
Nel caso in cui lo studente partecipi a programmi di mobilità internazionale, le attività̀ di tirocinio vengono regolamentate come segue:

A – Lo studente svolge il Tirocinio presso la sede estera.
Se lo studente svolge il Tirocinio all’estero si ritengono assolti gli obbligo relativi al Laboratorio se:
  • -  lo studente aggiorna il proprio docente/tutor con brevi relazioni mensili da inviare mezzo mail, sull’andamento del lavoro svolto presso la sede estera;
  • -  produce una relazione finale completa del tirocinio svolto.
    La valutazione finale del laboratorio di guida al tirocinio sarà̀ effettuata da parte del tutor del laboratorio sulla base della relazione dello studente tenendo conto della eventuale valutazione da parte del supervisore estero.
 
B – Lo studente non svolge il Tirocinio presso la sede estera.
Se lo studente non svolge il Tirocinio nella sede estera e lo deve fare al rientro:
lo studente effettua uno/due incontri individuali iniziali con il docente/tutor in cui predisporre quanto necessita per l’avvio del tirocinio e nei quali verranno forniti materiali, griglie ed eventuali testi di riferimento;
invia brevi relazioni mensili sull’andamento del tirocinio che sarà svolto in Italia al di fuori del periodo in cui si tiene il laboratorio di guida al tirocinio;
produce la relazione finale completa del tirocinio svolto”. 

Per altre informazioni in merito alle procedure per svolgere il tirocinio, è possibile contattare l'Ufficio Stage e Tirocini.

Further services

I servizi e le attività di orientamento sono pensati per fornire alle future matricole gli strumenti e le informazioni che consentano loro di compiere una scelta consapevole del corso di studi universitario.