Studying at the University of Verona

Here you can find information on the organisational aspects of the Programme, lecture timetables, learning activities and useful contact details for your time at the University, from enrolment to graduation.

Academic calendar

The academic calendar shows the deadlines and scheduled events that are relevant to students, teaching and technical-administrative staff of the University. Public holidays and University closures are also indicated. The academic year normally begins on 1 October each year and ends on 30 September of the following year.

Academic calendar

Course calendar

The Academic Calendar sets out the degree programme lecture and exam timetables, as well as the relevant university closure dates..

Definition of lesson periods
Period From To
Sem. IA Sep 25, 2017 Nov 11, 2017
Sem. IB Nov 13, 2017 Jan 20, 2018
Sem. IIA Feb 26, 2018 Apr 21, 2018
Sem. IIB Apr 23, 2018 Jun 9, 2018
Exam sessions
Session From To
Sessione Invernale Jan 22, 2018 Feb 24, 2018
Sessione Estiva Jun 11, 2018 Jul 28, 2018
Sessione Autunnale Aug 27, 2018 Sep 22, 2018
Sessione Straordinaria Jan 14, 2019 Feb 16, 2019
Degree sessions
Session From To
Sessione Estiva Jul 16, 2018 Jul 21, 2018
Sessione Autunnale Nov 12, 2018 Nov 17, 2018
Sessione Primaverile Apr 1, 2019 Apr 6, 2019
Holidays
Period From To
All Saints Day Nov 1, 2017 Nov 1, 2017
Immaculate Conception Dec 8, 2017 Dec 8, 2017
Christmas break Dec 22, 2017 Jan 7, 2018
Easter break Mar 30, 2018 Apr 3, 2018
Liberation Day Apr 25, 2018 Apr 25, 2018
Labour Day May 1, 2018 May 1, 2018
Patron Saint Day May 21, 2018 May 21, 2018
Republic Day Jun 2, 2018 Jun 2, 2018
Summer break Aug 13, 2018 Aug 18, 2018

Exam calendar

Exam dates and rounds are managed by the relevant Humanistic Studies Teaching and Student Services Unit.
To view all the exam sessions available, please use the Exam dashboard on ESSE3.
If you forgot your login details or have problems logging in, please contact the relevant IT HelpDesk, or check the login details recovery web page.

Exam calendar

Should you have any doubts or questions, please check the Enrolment FAQs

Academic staff

B C E G L M N O P R S T Z

Bernini Lorenzo

lorenzo.bernini@univr.it +39 045 8028687

Buonopane Alfredo

alfredo.buonopane@univr.it +39 0458028120

Burro Roberto

roberto.burro@univr.it +39 045 802 8743

Ciancio Luca

luca.ciancio@univr.it +39 045802 8122

Cusinato Guido

guido.cusinato@univr.it 045-802-8150

Erle Giorgio

giorgio.erle@univr.it +39 045802 8688

Guaraldo Olivia

olivia.guaraldo@univr.it +39 045802 8066
foto,  July 11, 2018

Longo Mario

mario.longo@univr.it 045 8028393

Marcolungo Ferdinando Luigi

ferdinando.marcolungo@univr.it +39 045 802 8389

Moro Valentina

Valentina.Moro@univr.it +39 045 802 8370

Napolitano Linda

linda.napolitano@univr.it

Ophaelders Markus Georg

markus.ophalders@univr.it 045-8028732

Panattoni Riccardo

riccardo.panattoni@univr.it +39 045 802 8185
FotoEP.jpg,  February 9, 2018

Peruzzi Enrico

enrico.peruzzi@univr.it +39 045802 8686

Piasere Leonardo

leonardo.piasere@univr.it +39 045 802 8619

Poggi Davide

davide.poggi@univr.it +39 045802 8361

Prandi Luisa

luisa.prandi@univr.it +39 045 802 8718

Rossi Mariaclara

mariaclara.rossi@univr.it 045 802 8380

Savardi Ugo

ugo.savardi@univr.it +39 045 802 8065

Secondulfo Domenico

domenico.secondulfo@univr.it - domenico.secondulfo3@gmail.com

Solla Gianluca

gianluca.solla@univr.it 0458028667

Tommasi Wanda

wanda.tommasi@univr.it +39 045802 8094

Tuppini Tommaso

tommaso.tuppini@univr.it 045 802 8142

Zamboni Chiara

chiara.zamboni@univr.it +39 045802 8384

Study Plan

The Study Plan includes all modules, teaching and learning activities that each student will need to undertake during their time at the University. Please select your Study Plan based on your enrolment year.

ModulesCreditsTAFSSD
Final exam
30
E
-

2° Year

ModulesCreditsTAFSSD
Final exam
30
E
-
Modules Credits TAF SSD
Between the years: 1°- 2°

Legend | Type of training activity (TTA)

TAF (Type of Educational Activity) All courses and activities are classified into different types of educational activities, indicated by a letter.




S Placements in companies, public or private institutions and professional associations

Teaching code

4S003323

Coordinatore

Mariaclara Rossi

Credits

6

Language

Italian

Scientific Disciplinary Sector (SSD)

M-STO/07 - HISTORY OF CHRISTIANITY AND OF CHURCHES

Period

Sem. IB dal Nov 13, 2017 al Jan 20, 2018.

Learning outcomes

Aims:
The course aims to provide the methodological and cultural foundations for a study of the history of Christianity within the wider context of the history of the Western world. It sets out to develop the skills needed to:
- read and interpret sources and use the tools of historical-religious scholarship;
- critique sources in relation to the issues faced by historical-religious scholarship;
- navigate specialised bibliography, in addition to the manual;
- read and transcribe an archive source.
Prerequisites are at least a basic grasp of Latin and a general familiarity with the history of Antiquity, late Antiquity and the Middle Ages from the I to the XV centuries.

Program

Outline: Religious experiences, charitable works and leper hospitals between the XII and XIII centuries. The course will look at the most important religious experiences and forms of conversion occurring between the XII and XIII centuries in the Christian West. Special attention will be given to the results of these conversions in the area of charity and hospital aid. This will be followed by an examination of medieval leper hospitals and a special look at Verona’s hospital San Giacomo alla Tomba and its documents. An opportunity has also been planned for the study, reading and transcription of documents in the Archivio di Stato di Verona where the fund of documents pertaining to the Veronese leper hospital is stored.


Required reading for students attending the course:
-Malsani. Lebbra e lebbrosi nel medioevo, a cura di G. De Sandre Gasparini, M.C. Rossi, Verona 2013 (“Quaderni di storia religiosa, 19). In particolare i saggi di R. Argenziano, G. De Sandre Gasparini, P. Massa Piergiovanni, D. Solvi, G. Albini, M.T. Brolis, G. Gardoni, S. Carraro, E. Orlando, A. Czortek.
-B. Tabuteau, Historical Research Developments on Leprosy in France and Western Europe, in The Medieval Hospital and Medical Practice, ed by B. S. Bowers, 2007, pp. 41-56, oppure E. Brenner, Recent Perspectives on Leprosy in Medieval Western Europe, in «History Compass», 8/5 (2010), pp. 388-406.
-Le carte dei lebbrosi di Verona tra XII e XIII secolo, a cura di A. Rossi Saccomani, Padova 1989 (2 documents to be chosen with the teacher)
-Esperienze religiose e opere assistenziali nei secoli XII-XIII, a cura di G.G. Merlo, Torino 1987 (solo i saggi di G.G. Merlo, Esperienze religiose e opere assistenziali in un’area di ponte tra XII e XIII secolo, pp. 11-42; D. Rando, “Laicus religiosus” tra strutture civili ed ecclesiastiche: l’ospedale di Ognissanti in Treviso (sec. XIII), pp. 43-84; G. De Sandre Gasparini, L’assistenza ai lebbrosi nel movimento religioso dei primi decenni del Duecento veronese: uomini e fatti, pp. 84-121.

Required reading for students not attending the course:
In addition to the texts for students attending the course there is also
-La conversione alla povertà nell’Italia dei secoli XII-XIV, Spoleto 1991 (Essays by
G.G. Merlo, F. Dal Pino, G. De Sandre Gasparini, A. Rigon, G.P. Pacini, O, Capitani).

Teaching methods
For students attending the course the main teaching methods will be the traditional lecture, interspersed with seminar type discussions where students will have an opportunity to raise particular questions and issues. In this course there will also be a mid-course evaluation consisting of a paper/presentation to be given by the student on the topics developed in the lectures. During the lectures a collection of sources will be distributed and examined which will constitute part of the programme. Other bibliographic references useful for an exploration of the topic will be provided over the course of the lectures.
Activities supporting the teaching: seminars, meetings and conferences on the topics of Christianity recommended or organized by the teacher.

Reference texts
Author Title Publishing house Year ISBN Notes
Grado Giovanni Merlo ( a cura di) ESperienze religiose e opere assistenziali nei secoli XII e XIII 1987 Solamente i saggi di G.G. Merlo, Daniela Rando, G. De Sandre Gasparini
Bruno Tabuteau Historical Research Developments on Leprosy in France and Western Europe 2007 in The Medieval Hospital and Medical Practice, ed. by B.S. Bowers, 2007, pp. 41-56.
Autori vari La conversione alla povertà nell'Italia dei secoli XII-XIV 1991 Solamente per gli studenti non frequentanti aggi di Franco Dal Pino, G.G. Merlo, G. De Sandre Gasparini, A. Rigon, O. Capitani
Annamaria Rossi Saccomani Le carte dei lebbrosi di Verona tra XII e XIII secolo 1989 Due documenti a scelta da concordare con la docente
Maria Clara Rossi - Giuseppina De Sandre Gasparini Malsani. Lebbra e lebbrosi nel medioevo 2013 I saggi di R. Argenziano, G. De Sandre Gasparini, P. Massa Piergiovanni, D. Solvi, G. Albini, M.T. Brolis, S. Carraro, G. Gardoni, E. Orlando, E. Czortek.

Examination Methods

Examination methods: oral interviews.
The oral exam will be an interview covering the topics that were dealt with during the lectures and expanded on in the study manuals. The interview will aim to determine:
-the students’ knowledge of the topic,
-their ability to use a specialised language,
-their ability to make connections between various arguments and to argue points in an appropriate manner,
-their ability to read and contextualize an archive source.

Type D and Type F activities

Modules not yet included

Career prospects


Module/Programme news

News for students

There you will find information, resources and services useful during your time at the University (Student’s exam record, your study plan on ESSE3, Distance Learning courses, university email account, office forms, administrative procedures, etc.). You can log into MyUnivr with your GIA login details.

Student mentoring


Graduation

Attachments

List of theses and work experience proposals

theses proposals Research area
Linguaggio e mito in Tolkien ENGLISH LITERATURE - Critical Theory & Poetics
Dialettica del negativo in Meister Eckhart HISTORY OF PHILOSOPHY - MIDDLE AGES
La felicità nel Medioevo HISTORY OF PHILOSOPHY - MIDDLE AGES
Le figure di Eva e Maria in Ildegarda di Bingen HISTORY OF PHILOSOPHY - MIDDLE AGES
IA. Una critica fenomenologica al concetto di Intelligenza Artificiale The Human Mind and Its Complexity: Cognitive science, psychology, linguistics, philosophy of mind - Philosophy of science, epistemology and logic

Linguistic training CLA


Internships


Activities

This web page aims to publicise, in a direct and targeted way, the activities (conferences, seminars, books presentations, etc.) promoted by the Master's Degree in Philosophical Sciences of the UniVr or pertaining to the same, in so far as they are linked to the themes and the teachers of the two-year Master's Degree.

Practical information for students


Stage e Tirocini

 

LINEE GUIDA TIROCINIO CURRICOLARE
CdS LM IN SCIENZE FILOSOFICHE (LM 78)
PER STUDENTI IMMATRICOLATE/I A PARTIRE DALL’A.A. 2018-2019
(NUOVO ORDINAMENTO DI SCIENZE FILOSOFICHE)
 
 
Documento redatto dalla Commissione Tirocini:
Prof. Davide Poggi: presidente della Commissione;
Prof.ssa Laura Anna Macor: referente del CdS LM in Scienze Filosofiche, componente della Commissione Tirocini e Referente alla Mobilità internazionale per i CdS di area filosofica;
Prof. Alessandro Stavru, componente della Commissione Tirocini con funzione di segretario verbalizzante.

 

UPDATE DEL 4 MAGGIO 2022

AGGIORNAMENTO DELLE LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL TIROCINIO CURRICOLARE– PER LE/I LAUREANDE/I DELLA SESSIONE DI LAUREA DI LUGLIO 2022 - A.A. 2021-2022

 

La Commissione tirocini desidera far presente alle/agli studenti per le/i quali è previsto il Tirocinio curricolare obbligatorio che, fatta salva la possibilità di svolgere il Tirocinio in presenza, purché l’Ente ospitante sia in grado di garantire che ciò avvenga condizioni di sicurezza per le/gli stuentesse/studenti, in base alla situazione igienico-sanitaria regionale e nazionale (per la quale modalità in presenza valgono le linee guida tradizionali del Tirocinio Curricolare), e, qualora non sia possibile svolgere l’attività in presenza o concordare con l’Ente ospitante una modalità alternativa, sia essa mista, o interamente a distanza (telematica o altro), vista la necessità di individuare misure con cui gestire il Tirocinio curricolare in tutte le sue declinazioni per l’a.a. 2021-2022, la Commissione Tirocini ha elaborato le seguenti soluzioni valide per chi intendesse laurearsi nella sessione di luglio 2022 - a.a. 2021-2022:

 

1. Per le/gli studenti che, per svariate ragioni, devono ancora svolgere il Tirocinio (o che abbiano svolto meno di 50 ore sulle complessive 150 previste) si propone la sostituzione del Tirocinio curricolare (in qualsiasi sua declinazione prevista dalle Linee Guida elaborate dalla Commissione Tirocini e approvate dal Collegio Didattico di Filosofia), per ovvie cause di forza maggiore, con un elaborato scritto stabilito di concerto con un docente del CdS LM o con il Tutor accademico (le caratteristiche dell’elaborato sono le seguenti: max 30.000 battute; carattere: Times New Roman; dimensioni carattere: 12 pt.; interlinea: 1,5; testo giustificato);

 

2. Per le/gli studentesse/studenti che stavano svolgendo l’attività di Tirocinio nel corso dell’a.a. 2021-2022 (avendo maturato un monte ore di almeno 50 ore sulle complessive 150 previste) e che non hanno potuto terminare tale percorso a causa dell’emergenza COVID-19, previa verifica con il Tutor aziendale dell’“Ente ospitante” dell’effettiva impossibilità di completare il percorso di Tirocinio svolgendolo telefonicamente oppure online, si propone di sostituire l’attività di Tirocinio (in qualsiasi sua declinazione prevista dalle Linee Guida elaborate dalla Commissione Tirocini e approvate dal Collegio Didattico di Filosofia) con un equivalente lavoro scritto stabilito di concerto con il docente Tutor (le caratteristiche dell’elaborato sono analoghe a quelle previste per la “modalità tradizionale” del Tirocinio curricolare: max 20.000 battute; carattere: Times New Roman; dimensioni carattere: 12 pt.; interlinea: 1,5; testo giustificato).

 

Modalità operative:

Le/I laureande/i della sessione di luglio 2022 - a.a. 2021-2022, possono optare per l’“Elaborato scritto” in sostituzione del Tirocinio obbligatorio (in base ai criteri esplicitati nei punti dell’elenco precedente), SOLO SE AL MOMENTO DELLA RICHIESTA HANNO GIÀ PRESENTATO DOMANDA DI LAUREA APPROVATA DALLA/DAL RELATRICE/TORE.

 

La richiesta DOVRÀ ESSERE PRESENTATA SU APPOSITO MODULO e INVIATA MEDIANTE SERVICE DESK alla U.O. Segreteria Corsi di studio Scienze Umane dal 10 al 25 maggio 2022, come da avviso su “Primo piano didattica”.

 

Successivamente, la richiesta sarà sottoposta all'approvazione della Commissione Tirocini e l'elenco delle/degli studentesse/studenti in possesso dei requisiti sarà inviata al Presidente della Commissione Tirocini.

La/Lo studentessa/studente a cui sarà accettata la domanda non dovrà iscriversi alla lista d'appello, ma sarà il Presidente della commissione Tirocini a inviare alla U.O. Segreteria Corsi di studio Scienze Umane i risultati con esito positivo per gli adempimenti di registrazione in carriera.

 

Una volta prodotto e inviato l’elaborato scritto alla/al docente di riferimento (o al Tutor accademico), quest’ultima/o, dovrà inviare il proprio giudizio alla Commissione Tirocini, la quale, preso atto dell’esito, nella persona del suo Presidente, provvederà a verbalizzarlo su esse3, ai fini di registrazione in carriera dell’attività sostitutiva del Tirocinio curricolare dai 6 CFU – TAF F.

 

Essendo questa soluzione eccezionale rivolta a coloro che hanno esigenza di laurea, la consegna dell'elaborato scritto sostitutivo del Tirocinio deve avvenire in tempo utile per la registrazione in carriera dell’attività formativa sostitutiva del tirocinio, cioè entro il 17 giugno 2022 (termine per la conclusione delle attività formative) per le/i laureande/i della sessione di luglio 2022, affinché:

 

1) la/il Docente Tutor possa prendere visione dell'elaborato, valutarlo, comunicare il proprio giudizio alla Commissione Tirocini;

2) la Commissione Tirocini possa procedere alle operazioni per la registrazione in carriera della/o studente dell'attività sostitutiva del Tirocinio Curricolare;

3) la U.O. Segreteria Corsi di studio Scienze Umane possa verificare il rispetto degli adempimenti amministrativi previsti per le/i laureande/i della sessione di laurea di luglio 2022 (a.a. 2021-2022).

 

  • OBIETTIVI FORMATIVI

 

L’obiettivo del Tirocinio obbligatorio è quello di:

  1. stimolare in vivo la capacità di valutazione autonoma e critica delle/degli studenti;
  2. favorire l’applicazione degli strumenti teoretici e metodologici e l’attualizzazione delle teorie etiche, politiche ed estetiche apprese nel biennio magistrale (anche e soprattutto in maniera interdisciplinare);
  3. declinare le competenze acquisite durante il percorso di studi (learning) nei vari contesti (dai Centri di ricerca agli ambiti extra-accademici) in cui le/gli studenti si troveranno a operare (experience), facendo di questi ultimi una preziosa fonte di arricchimento delle prime (experiential learning).

 

Vengono così incentivati, nel quadro generale di una maggior professionalizzazione della/del laureata/o in Scienze Filosofiche:

  1. l’acquisizione e il perfezionamento della capacità di allacciare e gestire collaborazioni con contesti lavorativi e/o Centri di ricerca/fondazioni/istituzioni culturali del territorio e, conseguentemente,
  2. la capacità di gestire le dinamiche socio-comunicative in contesti di ricerca e lavorativi,
  3. l’inserimento nel mondo del lavoro.

 

Ne deriverà altresì una maggior coscienza critica, da parte della/o studente, delle Risorse del Territorio, delle relative esigenze e degli strumenti connessi con il proprio ruolo/professione.
 

 

  • MODALITÀ DI SVOLGIMENTO


Le/gli studenti iscritte/i alla Magistrale in Scienze Filosofiche (LM 78), nel corso del secondo anno del biennio formativo (come previsto dal piano didattico), possono svolgere il proprio tirocinio curricolare di almeno 150 ore pari a 6 cfu di tipo F,[1] secondo le seguenti modalità:
 

 

1.MODALITÀ TRADIZIONALE

 

La/lo studente individua un Ente accreditato (o da accreditare, vedi il documento pdf Procedura Attivazione Stage disponibile online al seguente URL, cui si rimanda per tutta la documentazione necessaria: https://www.univr.it/it/i-nostri-servizi/servizi-per-aziende/stage-e-tirocini/spazio-stage-aziende-per-studenti), entro cui diventa possibile svolgere il proprio tirocinio curricolare sulla base della disponibilità dell’Ente e, nel caso in cui questa sussista, di un progetto formativo concordato fra Ente e Università (per la verifica delle possibilità già esistenti, si segua il percorso: Sito Docente à Verbali Esami à Tirocini à Opportunità e Aziende).
Ci dovrà essere un referente interno all’ente ospitante (chiamato Tutor aziendale) e una/un referente interna/o all’Università (una/un docente afferente al Corso di Studi di appartenenza, chiamato Tutor accademico).

Nella fase di pianificazione della propria attività di Tirocinio curricolare, le/gli studenti possono trovare sostegno anche nella figura del Tutor studentesco di CdS (se attivo nel periodo di svolgimento del tirocinio) che è messo a disposizione delle/degli studenti per il loro accompagnamento in itinere (tra i compiti del Tutor studentesco di CdS vi è infatti l’accompagnamento della/o studente nella scelta dell'ente/organizzazione, nella supervisione della pianificazione del Tirocinio curricolare e nello svolgimento dello stesso).

Infine, la/lo studente dovrà contattare l'Ufficio Stage e Tirocini per l'espletamento delle pratiche iniziali di avviamento del Tirocinio, specificando che si tratta di Tirocinio curricolare da svolgersi nel contesto della Laurea Magistrale in Scienze Filosofiche.

Vi possono essere variazioni di orario od altro rispetto a quanto inizialmente concordato e sottoscritto (da comunicare secondo le modalità indicate nel documento pdf: Guida per la gestione dello stage/tirocinio reperibile online all’URL: https://www.univr.it/it/i-nostri-servizi/servizi-per-aziende/stage-e-tirocini/spazio-stage-aziende-per-studenti).


L’esperienza di tirocinio va accompagnata e monitorata per mezzo di:

  1. strumenti somministrati durante e/o successivamente all’esperienza stessa (questionario di qualità dell’esperienza di tirocinio);
  2. colloqui periodici con il Tutor accademico con cui la/lo studente ha elaborato il proprio progetto formativo e pianificato l’attività di tirocinio curricolare; per quanto il Tutor accademico resti il riferimento prioritario, sono possibili anche colloqui con il Tutor studentesco messo a disposizione dal CdS (se attivo nel periodo di svolgimento del tirocinio);
  3. la compilazione, da parte della/del tirocinante, di un “diario di bordo” (da consegnare poi, alla fine del percorso di tirocinio, al Tutor accademico e alla Commissione Tirocini), che consente al/alla studente una costante riflessione sulla propria esperienza, costituendo la base per la stesura della relazione scritta finale (di cui al punto successivo) e, eventualmente, qualora appaia utile ed opportuno, della tesi magistrale;
  4. una relazione scritta che, solitamente al termine del tirocinio, viene consegnata al Tutor accademico, dando forma unitaria e sistematica alle esperienze raccolte nel “diario di bordo”: tale relazione (di max 20.000 battute; carattere: Times New Roman; dimensioni carattere: 12 pt.; interlinea: 1,5; testo giustificato) deve illustrare l’obiettivo del tirocinio (il progetto formativo eventualmente concordato con l’Ente), la coerenza tra quest’ultimo e le attività svolte, che cosa si ritiene di aver appreso, punti di forza e aree di miglioramento del tirocinio stesso (così che ogni relazione costituisca un feedback volto all’implementazione dell’attività formativa del Tirocinio curricolare e delle relazioni tra Università ed Ente).

 

L'Ufficio Stage e Tirocini, al termine dell'esperienza, notifica al Tutor accademico l'atto di carriera da approvare in esse3 (lato docente). Il docente approverà l'atto solo DOPO aver visto la relazione e il diario di bordo e dopo aver dato una valutazione di “approvazione/non approvazione”.

Il Tutor accademico dovrà poi comunicare tale giudizio di "approvazione/non approvazione" (mettendo in cc la/lo studente stessa/o) alla Commissione Tirocini, la quale prenderà atto dell’esito e terrà traccia dell’esperienza di tirocinio.

 

 

La conclusione del tirocinio, dal punto di vista burocratico, avviene secondo quanto indicato nel documento pdf “Guida per la gestione dello stage/tirocinio”, reperibile online all’URL: https://www.univr.it/it/i-nostri-servizi/servizi-per-aziende/stage-e-tirocini/spazio-stage-aziende-per-studenti.

 

 

2.TIROCINIO “COLLABORAZIONE CON I CENTRI DI RICERCA DIPARTIMENTALI”

 

In questa modalità del tirocinio curricolare, le/gli studenti svolgono la propria esperienza “internamente” al Dipartimento di Scienze Umane, nel contesto dei Centri di ricerca legati al Corso di Laurea in Filosofia (nonché, più in generale, di afferenza del DipSUM) e nel quadro delle loro attività e interessi.

 

Nella misura in cui tali Centri (reperibili sulla seguente pagina web: https://sites.dsu.univr.it/portal/) abbiano iniziative in corso, che li mettano in contatto con Enti o altri Centri esterni all’Ateneo e siano rivolte alla ricerca e/o alla terza missione (quindi in stretto rapporto con la cittadinanza e il Territorio), le/gli studenti potranno partecipare alle attività dei Centri, cooperare al loro allestimento e alla loro conduzione, nonché alla disseminazione esterna dei risultati delle ricerche. Saranno accompagnati dalle figure 1) del Direttore del Centro ricerche scelto per la propria esperienza (che rivestirà il ruolo di Tutor aziendale) e 2) da un docente afferente al CdS Magistrale in Scienze Filosofiche e membro del Centro ricerche in questione (che rivestirà il ruolo di Tutor accademico). Le mansioni e i ruoli delle/degli studenti tirocinanti dovranno essere concordate tra Direttore del Centro ricerche, Tutor accademico e studenti tirocinanti e formalizzate in un progetto formativo.

 

Il Centro ricerche figurerà come una nuova sede operativa appartenente “all'azienda” Università di Verona e il Direttore del Centro ricerche dovrà registrarsi per ottenere credenziali proprie con cui operare sulla piattaforma esse3. In particolare potrà inserire progetti formativi diretti (per studenti già selezionate/i) o opportunità aperte cui le/gli studenti potranno candidarsi. Per l’espletamento delle pratiche iniziali di accreditamento e di avviamento del Tirocinio, le/gli studenti e le/i docenti del CdS potranno contattare l'Ufficio Stage e Tirocini e ricevere adeguata assistenza, specificando che si tratta di un Tirocinio curricolare “interno”, svolto nell’ambito delle attività di uno dei Centri di ricerca dipartimentali.

 

Il monte ore dell’esperienza di Tirocinio è, come nella modalità “tradizionale”, di almeno 150 ore (pari a 6 cfu di tipo F), estendibili come da nota 1 alla fine della presente pagina web.

Vi possono essere variazioni di orario od altro rispetto a quanto inizialmente concordato e sottoscritto (da comunicare secondo le modalità indicate nel documento pdf “Guida per la gestione dello stage/tirocinio”, reperibile online all’URL: https://www.univr.it/it/i-nostri-servizi/servizi-per-aziende/stage-e-tirocini/spazio-stage-aziende-per-studenti).

 

Nel quadro generale degli obiettivi formativi del Tirocinio curricolare e coerentemente con essi, tale specifica tipologia di tirocinio:

  1. inserisce le/gli studenti in progetti di ricerca e iniziative di terza missione;
  2. permette loro di sviluppare competenze relative alla conduzione di indagini e alla gestione di eventi/iniziative filosofico-culturali;
  3. permette loro di sviluppare competenze relative all’allestimento e all’erogazione, in gruppo, di attività concernenti le discipline e le pratiche filosofiche.

 

L’esperienza di tirocinio della/o studente sarà monitorata per mezzo:

  1. della compilazione, da parte della/o studente tirocinante, di un “diario di bordo” (con dettaglio delle ore dedicate al progetto, da consegnare, alla fine del percorso di tirocinio, al Tutor accademico e alla Commissione Tirocini), che consente alla/o studente un costante ritorno critico sulla propria esperienza, costituendo la base per la stesura della relazione scritta finale (di cui al punto successivo) ed, eventualmente, qualora appaia utile ed opportuno della tesi magistrale;
  2. di una breve relazione scritta che, solitamente al termine del tirocinio, lo studente consegna al Tutor accademico, dando forma unitaria e sistematica alle esperienze raccolte nel “diario di bordo”: tale relazione (di max 20.000 battute) deve illustrare l’obiettivo del tirocinio e del progetto formativo, la coerenza tra quest’ultimo e le attività svolte, che cosa si ritiene di aver appreso, punti di forza e aree di miglioramento del tirocinio stesso (affinché ogni relazione costituisca un feedback volto all’implementazione dell’attività formativa del tirocinio interno).

 

L'Ufficio Stage e Tirocini, al termine dell'esperienza, notifica al Tutor accademico l'atto di carriera da approvare in esse3 (lato docente). Il docente approverà l'atto solo DOPO aver visto la relazione e il diario di bordo e dopo aver dato una valutazione di “approvazione/non approvazione”.

Il Tutor accademico dovrà poi comunicare tale giudizio di "approvazione/non approvazione" (mettendo in cc la/lo studente stessa/o) alla Commissione Tirocini, la quale prenderà atto dell’esito e terrà traccia dell’esperienza di tirocinio.

 

La conclusione del tirocinio, dal punto di vista burocratico, avviene secondo quanto indicato nel documento pdf “Guida per la gestione dello stage/tirocinio”, reperibile online all’URL: https://www.univr.it/it/i-nostri-servizi/servizi-per-aziende/stage-e-tirocini/spazio-stage-aziende-per-studenti.

 

 

3.TIROCINIO ALL’ESTERO

 

Il tirocinio potrà essere svolto anche all'estero, nel contesto dei programmi di incentivazione dell'internazionalizzazione del CdS in Scienze Filosofiche. 
Tale tipologia di tirocinio consiste: 

 

a. nel cosiddetto "Erasmus+ Tirocinio", che offre alle/agli studenti l'opportunità di effettuare un'esperienza di tirocinio all'estero presso aziende/imprese pubbliche o private, università, centri di ricerca, organizzazioni no-profit, scuole di ogni ordine e grado con sede in Europa, usufruendo di una borsa di studio a sostegno delle spese di mobilità. 
L'Ufficio Mobilità internazionale, in collaborazione con l'Ufficio Stage e Tirocini, si occupa della pubblicazione del bando di selezione annuale "a sportello", generalmente con più di una finestra temporale per la presentazione delle domande, e della gestione amministrativa dei programmi (stipula di accordi bilaterali, contatti con l'Agenzia Nazionale Erasmus+, gestione fondi). Vi è ampia flessibilità nella scelta della sede ove svolgere il tirocinio: la/o stessa/o studente può infatti individuare in autonomia la sede che meglio si adatta alle esigenze formative e professionalizzanti per la sua attività di tirocinio. Il bando, insieme a tutta la documentazione necessaria alla conoscenza del programma e alla presentazione delle candidature, è disponibile, in versione aggiornata di anno in anno, al link: https://www.univr.it/it/i-nostri-servizi/internazionalizzazione/studiare-all-estero-international-students/erasmus-e-altre-esperienze-all-estero.

Possono partecipare solo le/gli iscritte/i a tempo pieno e in regola con le tasse. Si ricorda alle/agli studenti che anche tale tipologia di Tirocinio va effettuata secondo la tempistica prevista dal piano di studi, ossia nel corso del secondo anno del biennio magistrale. Tale tirocinio (presso Aziende, Fondazioni culturali, Centri di ricerca e Università) ha una durata che va da un minimo di 2 mesi a un massimo, variabile a seconda del bando, di 3-5 mesi e può essere considerato – dietro parere del Collegio didattico – "mobilità per ricerca tesi". I CFU minimi da accreditare al rientro sono 4 per ciascun mese di mobilità. A seconda del numero dei CFU acquisiti, il loro riconoscimento potrà essere totale o parziale; 

 

b. nel Programma di tirocinio del Ministero Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (MAECI) promosso dalla Fondazione CRUI, che permette alle/agli studenti iscritte/i a Corsi di Laurea Magistrale e Magistrale a ciclo unico di partecipare alla selezione per lo svolgimento di tirocini curriculari presso Ambasciate, Rappresentanze permanenti presso le OO.II., Consolati e Istituti italiani di Cultura (IIC) in tutto il mondo, acquisendo una conoscenza diretta e concreta delle attività istituzionali svolte dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (MAECI). Nello specifico, le/gli studenti di LM-78 in Scienze Filosofiche possono accedere al bando per tirocini in IIC. I tirocini prevedono una durata di tre mesi e sono prorogabili di un ulteriore mese, d’intesa tra la Sede ospitante, la/il tirocinante e l’Università di provenienza della/o studente. I tirocini comportano il riconoscimento di almeno 1 credito formativo universitario (CFU) per ciascun mese di attività effettiva, ferma restando la valutazione del periodo formativo di competenza degli Atenei di riferimento. Nel caso specifico del Tirocinio curricolare per la LM in Scienze Filosofiche, il Collegio Didattico di Filosofia ha approvato il riconoscimento dei 6 CFU richiesti per il tirocinio curricolare. Le relative informazioni sono disponibili al link: https://www.univr.it/it/i-nostri-servizi/servizi-per-aziende/stage-e-tirocini/programmi-di-stage-all-estero-aziende#categdoc_1509.

 

 

4.CASI PARTICOLARI (studenti lavoratrici/lavoratori e altro)

 

A fronte del fatto che la Laurea Magistrale in Scienze Filosofiche annovera studenti che hanno esperienze/rapporti di tipo lavorativo già in corso, La Commissione Tirocini si riserva di esaminare la situazione di ogni studente che si appresti ad avviare il proprio tirocinio formativo, così da studiare le soluzioni più adeguate ai singoli casi. Tra le soluzioni possibili che la Commissione ha studiato per la/lo studente che voglia/debba conciliare la propria attività lavorativa con il tirocinio curricolare, vi sono:

 

a.  il Project Work: la/lo studente, in accordo con il Tutor accademico e l’Ente presso il quale lavora, redige un progetto, interno alla propria azienda, finalizzato all’applicazione delle competenze acquisite durante il proprio percorso formativo filosofico. Tale Project work è svolto essenzialmente da casa e riguarda l’ambiente lavorativo della/o studente (a titolo esemplificativo, può trattarsi di implementare qualche processo o buona pratica relativi al proprio ambiente di lavoro, di implementare un servizio sperimentale, elaborare un'analisi particolare, etc.). La compilazione, da parte della/o studente-lavoratrice/lavoratore tirocinante, di un “diario di bordo” (con dettaglio delle ore dedicate al progetto, da consegnare, alla fine del percorso di tirocinio, al Tutor accademico e alla Commissione Tirocini) e di una relazione scritta (di minimo 40.000 battute e max 60.000 battute – carattere: Times New Roman; dimensioni carattere: 12 pt.; interlinea: 1,5; testo giustificato – da consegnare al Tutor accademico e alla Commissione Tirocini al termine del Project Work) mostreranno l’eventuale raggiungimento dell’obiettivo che la/lo studente si era preposta/o e la coerenza tra quest’ultimo e le attività svolte e saranno oggetto di valutazione (“approvazione/non approvazione) da parte del Tutor accademico ai fini dell’assegnazione dei 6 CFU obbligatori. Il Tutor accademico dovrà poi comunicare il proprio giudizio di "approvazione/non approvazione" (mettendo in cc la/lo studente stessa/o) alla Commissione Tirocini, la quale, preso atto dell’esito, nella persona del suo Presidente, provvederà a inoltrare agli Uffici la richiesta di riconoscimento dell'Attività di Tirocinio Curricolare (mediante inserimento tra le pratiche studenti messe in approvazione in occasione del primo Collegio Didattico utile), ai fini di registrazione in carriera dei corrispondenti 6 CFU – TAF F.

 

b.. l’attivazione del percorso di tirocinio nell'azienda stessa nella quale la/lo studente lavora. Questa soluzione è possibile per coloro che effettuano un lavoro in modalità part time (o altre tipologie analoghe). L’attivazione segue la normale procedura di attivazione del tirocinio, ma nel rispetto delle seguenti regole: il tirocinio deve essere distinto dall'orario lavorativo (la non sovrapponibilità dei due ruoli è connessa a problemi di carattere assicurativo e di controllo ispettivo) e deve portare a termine un progetto che esuli dalla normale attività lavorativa per la quale la/lo studente-lavoratrice/lavoratore è già formata/o. Si tratta quindi di ricoprire una mansione diversa, oppure, mantenendo la stessa mansione, di assumere un ruolo differente. La compilazione, da parte della/o studente-lavoratrice/lavoratore tirocinante, di un “diario di bordo” (con dettaglio delle ore dedicate al progetto, da consegnare, alla fine del percorso di tirocinio, al Tutor accademico e alla Commissione Tirocini) e di una relazione scritta (di max 20.000 battute – carattere: Times New Roman; dimensioni carattere: 12 pt.; interlinea: 1,5; testo giustificato – da consegnare anch’essa al Tutor accademico e alla Commissione Tirocini) evidenzierà l’eventuale raggiungimento dell’obiettivo che la/lo studente si era prefissata/o e la coerenza tra quest’ultimo e le attività svolte. Il “diario di bordo” e la relazione scritta saranno oggetto di valutazione (“approvazione/non approvazione”) da parte del Tutor accademico ai fini dell’assegnazione dei 6 CFU obbligatori.

L'Ufficio Stage e Tirocini, al termine dell'esperienza, notifica al Tutor accademico l'atto di carriera da approvare in esse3 (lato docente). Il docente approverà l'atto solo DOPO aver visto la relazione e il diario di bordo e dopo aver dato una valutazione di “approvazione/non approvazione”. Il Tutor accademico dovrà poi comunicare tale giudizio di "approvazione/non approvazione" (mettendo in cc la/lo studente stessa/o) alla Commissione Tirocini, la quale prenderà atto dell’esito e terrà traccia dell’esperienza di tirocinio.

 

 

Altri casi che debordino dalle situazioni precedentemente descritte e normate saranno discussi dalla Commissione Tirocini, la quale terrà conto di eventuali esigenze specifiche delle/degli studenti interessate/i e provvederà a studiare con loro soluzioni ad hoc e a sottoporle all’approvazione del Collegio Didattico di Filosofia.

 

 

Per altre informazioni in merito alle procedure per svolgere il tirocinio, è possibile contattare l'Ufficio Stage e Tirocini. 

 

 

  • MODALITÀ DI INFORMAZIONE/DIFFUSIONE/PUBBLICIZZAZIONE

 

Parte essenziale del tirocinio curricolare è l’incentivazione dell’iniziativa personale e della proattività delle/degli studenti, le/i quali saranno così chiamate/i, in base alle proprie inclinazioni e ai propri interessi, a costruire/stringere una rete di legami con il Territorio (nelle sue più ampie determinazioni: area geografica di provenienza, altre regioni, contesto nazionale), sia attingendo alla banca dati di Ateneo (nella quale sono presenti oltre 12.500 Enti già accreditati per i tirocini), sia proponendo a sua volta nuovi accreditamenti.
Al fine di rendere consapevole le/gli studenti di queste possibilità d’azione/scelta, nonché delle norme generali riguardanti l’attività di tirocinio più in generale, la Commissione Tirocini, avvalendosi della collaborazione dell’Ufficio Stage-Tirocini dell’Ateneo e del Tutor studentesco della Laurea Magistrale, organizzerà incontri informativi nel contesto degli insegnamenti obbligatori (o, in alternativa, all’interno degli insegnamenti che risultano maggiormente frequentati) in entrambi i semestri di ogni anno accademico, ritenendo questa soluzione la più adeguata per raggiungere il maggior numero di studenti possibile relativamente a coloro che, di volta in volta, sono iscritte/i al primo anno della LM e a coloro che si apprestano a iniziare il secondo e ultimo anno.

 

 

[1] Fatto salvo il monte ore minimo (150), si ha sempre la possibilità di gestire liberamente la durata della propria esperienza di tirocinio, estendendola e vedendosi riconosciuti i corrispondenti CFU in esubero o fuori piano, oppure in ambito D (senza che essi possano fare media). Tale riconoscimento in ambito D è possibile, da Regolamento di Ateneo, senza limitazioni (quindi per l'intero ammontare dei CFU previsti in questo ambito). La richiesta di prolungamento dell’attività di tirocinio (in special modo se connessa al riconoscimento dei relativi CFU in ambito D) deve tuttavia essere sostenuta da adeguate motivazioni (che ne esplicitino e argomentino l’importanza ai fini del raggiungimento o del perfezionamento del progetto formativo legato al tirocinio), motivazioni che il Tutor accademico incaricato di seguire la/lo studente tirocinante si riserva di esaminare e valutare congiuntamente alla Commissione Tirocini.

 
 


Per altre informazioni in merito alle procedure per svolgere il tirocinio, è possibile contattare l'Ufficio Stage e Tirocini.


Gestione carriere


Area riservata studenti